• Imparare il SEO

Le migliori pratiche per l'email marketing B2B nel 2022

  • Adriana Stein
  • 7 min read
Le migliori pratiche per l'email marketing B2B nel 2022

Introduzione

La luce filtra dalla finestra, ci si alza di corsa dal letto, si trangugia un caffè macchiato fresco e si dirigono gli occhi verso le 212 e-mail non lette che attendono con ansia la nostra attenzione.

L'email marketing è ancora in piena fioritura.

Infatti, l'81% dei marketer B2B crea contenuti sotto forma di newsletter via e-mail.

Quindi, non è un segreto che l'e-mail rimanga uno dei modi più potenti per nutrire il pubblico, ma per il B2B in particolare, richiede un approccio diverso.

Come ogni blog deve essere curato con attenzione, ogni singola sequenza di e-mail aziendali deve essere assolutamente strategica.

Scopriamo le migliori pratiche di email marketing B2B su cui concentrarsi nel 2022 (e oltre).

Che cos'è l'email marketing B2B?

L'email marketing B2B consiste nell'invio di campagne email ad aziende o professionisti piuttosto che a singoli clienti o consumatori.

Perché l'email marketing è importante per le industrie B2B?

In particolare, sono:

  • Un ottimo modo per dire: "Ehi, abbiamo qualcosa di interessante che la vostra azienda potrebbe apprezzare".
  • Un modo semplice per misurare il ROI.
  • I tassi di conversione sono di solito più elevati, poiché gli iscritti hanno già compiuto ulteriori sforzi per entrare a far parte della vostra lista.

Ora, facciamo una distinzione tra email marketing B2B e B2C, che ne dite?

Email marketing B2B vs B2C: Qual è la differenza?

Ecco un'analogia per parlare di email marketing B2B e B2C...

L'email marketing B2C è come trovare una persona importante su un'app di incontri come Bumble o Tinder.

Si passa il dito, si vede cosa piace e si va dritti al punto.

Per il B2B ci vuole un po' più di tempo. L'email marketing B2B è come trovare una ragazza o un ragazzo carino in un bar e corteggiarlo per mesi e mesi.

Le solite cose... i tacos, l'incontro con i vostri genitori, la visita ai musei d'arte.

Il buyer journey del B2C consente ai consumatori di acquistare direttamente dalle e-mail, mentre il ciclo di acquisto del B2B richiede una maggiore creazione di fiducia.

Per andare ancora più a fondo, gli acquisti effettuati da un consumatore diretto non sono in genere un investimento così grande rispetto a un acquisto necessario per un'azienda. Si pensi a un ordine di hamburger vegani su Amazon o ai servizi di social media ricorrenti di un'agenzia boutique.

Il B2B è anche molto diverso dal B2C per quanto riguarda il tipo di contenuti.

La maggior parte degli iscritti alle newsletter B2C cerca promozioni o nuove uscite. Gli iscritti al B2B, invece, sono di solito interessati allo sviluppo dell'azienda o del prodotto, agli aggiornamenti settimanali del settore o a pezzi di leadership di pensiero.

Quindi, come si deve realizzare la strategia di email marketing per il B2B? Continua a leggere.

Migliori pratiche di email marketing B2B

Personalizzazione, personalizzazione, personalizzazione! Emoji di battito di mani

Il 2022 è di gran lunga l'anno della personalizzazione dei contenuti perché, siamo onesti, chi vuole essere indirizzato come "ehi tu?!".

Dalla segmentazione del pubblico all'ottimizzazione degli argomenti, ci sono molti modi per modificare le vostre e-mail in modo che trasudino un tocco personale.

Personalizzare il contenuto

Il marketing B2B ha la brutta fama di essere impersonale. Trattate i vostri destinatari come individui, invece che come un semplice numero di iscritti alla vostra lista.

Ecco come fare: Utilizzate il loro nome nelle e-mail, proprio come fa "We Are Women Owned":

Un modo semplice ma potente per parlare direttamente ai membri del vostro pubblico](images/image3.png) {\an8}(Un modo semplice ma potente per parlare direttamente ai membri del vostro pubblico.){\an8}.

Un altro modo per personalizzare è quello di curare contenuti specifici del blog.

Per esempio, Inside Design permette agli utenti di scegliere ciò che interessa loro di più:

Personalizza contenuto (Fonte dell'immagine: Mailerlite)(Fonte dell'immagine: Mailerlite).

Per guadagnare tempo e personalizzazione, utilizzate email automatiche basate su trigger. In parole povere, queste e-mail vengono inviate quando gli utenti fanno clic su un link nella vostra e-mail, non hanno risposto per un numero di giorni X o se è stata compiuta un'altra azione definita.

Questo è utile perché ogni persona della vostra lista è unica e interagisce in modo diverso con le vostre e-mail aziendali. Quindi, se Kim ha aperto la vostra e-mail ma ha dimenticato di rispondere, riceverà un'e-mail separata da quella di Tim, che ha aperto e cliccato su un link.

Capite dove voglio arrivare?

Se vi siete ancora persi, non preoccupatevi!

Potrebbe essere utile riavvolgere il nastro e perfezionare o creare interamente il vostro buyer persona.(https://asmarketingagency.com/en/blog/how-to-create-a-buyer-persona/) In questo modo, sarete in grado di inviare esattamente ciò che il destinatario desidera e di cui ha bisogno senza fare congetture.

Passiamo ora alla segmentazione.

Segmentare il pubblico

Siamo onesti, sono lontani i tempi in cui una sola sequenza di e-mail cattura l'attenzione di tutti i lettori.

Segmentando la vostra lista, personalizzerete istantaneamente le sequenze di e-mail da inviare ai destinatari in base al loro percorso di acquisto.

A questo punto, disponete di un solido percorso dell'acquirente, che potete utilizzare come guida per segmentarlo in base alla sua posizione nell'imbuto di vendita. Se è rilevante per la vostra attività, potete anche segmentarli in base alla loro posizione, al loro settore o alla loro professione.

Fate un rapido web audit per determinare il segmento migliore.

Nel caso in cui siate ancora diffidenti nei confronti della segmentazione, ecco un fatto che vale la pena di notare:

Rispetto alle campagne non segmentate, le campagne segmentate ottengono tassi di apertura più alti del 31%, tassi di click-through più alti del 100,95% e tassi di disiscrizione più bassi del 9,37%.

Una volta segmentato il pubblico in base alla posizione geografica, ecco come si può indirizzarlo facilmente:

  • Adattare le esigenze di luoghi specifici per aumentare la notorietà del marchio e le conversioni a livello locale.
  • Identificare i tratti comuni dei clienti di quell'area e presentare le e-mail in modo che risuonino con loro.
  • Inviare le e-mail nella parte più ottimizzata della giornata.
  • Riconoscere le sfide significative in aree specifiche e affrontare il modo in cui il vostro marchio gestisce tali obiezioni.

Una volta svolto questo lavoro di base, è il momento di immergersi nell'elemento preferito da tutti: le righe dell'oggetto!

Ottimizzare l'oggetto e le prime righe

L'obiettivo dell'oggetto è spingere i destinatari ad aprire l'email. Se ciò non avviene, tutto il vostro duro lavoro di progettazione, di copy e di ricerca sul marchio va a rotoli.

Si capisce quindi che questa è la parte più cruciale da considerare prima di inviare un'e-mail.

Ecco alcuni consigli per creare degli oggetti su cui i lettori vorranno cliccare:

  • Mantenere l'oggetto breve, con una lunghezza compresa tra i 20 e i 50 caratteri.
  • Considerate l'uso di emoji per aggiungere un po' di umorismo o creare intrigo (ma non esagerate con le emoji).
  • Eliminate parole/frase poco chiare come "offerta unica", "questo non è un prodotto spazzatura" o "garantito al cento per cento".
  • Utilizzare l'approccio CURVE - curiosità, urgenza, valore, rilevanza, emozione.
  • Usate i test A/B per trovare ciò che funziona meglio per il vostro pubblico.

Diamo un'occhiata più da vicino ad alcuni oggetti in azione:

  • [INSERIRE NOME] - Non pubblicare un altro post sul blog senza questo... - Questo funziona perché stimola la curiosità.
  • Come riempire, nutrire e convertire i lead (per le agenzie!) - Questa fornisce una guida per un pubblico specifico.
  • Calling all lazy (and smart) business owners 📣- Questo si rivolge direttamente a un tipo specifico di imprenditore e ha un'emoji.
  • 27 lezioni apprese dall'analisi di 325 annunci FB diversi - Poiché ci sono dei numeri, le persone sono più propense ad aprirli.

Per riassumere, ricordate di essere brevi e chiari, di fare appello all'interesse personale o alla curiosità e di usare numeri o emoji quando lo ritenete opportuno.

Includere una CTA

Non così in fretta; non abbiamo ancora finito. Non dimenticate di includere una CTA (call to action)! A volte basta un semplice promemoria di ciò che il destinatario deve fare in fondo alla sequenza di e-mail per concludere l'affare.

Quindi, che si tratti di:

"Clicca qui per saperne di più".

"Prenota una telefonata di scoperta gratuita".

"Scarica il tuo caso di studio gratuito" o

"Rispondi a questa e-mail"

Le possibilità di ottenere un coinvolgimento sono 1000% più probabili se è presente una CTA che se non è presente.

Seguite questi consigli quando formulate la vostra CTA:

  • Strutturate la vostra email in modo che ci sia una sola CTA (se ne avete bisogno di più, allora probabilmente si tratta di due email di contenuto).
  • Ricordate di effettuare anche un A/B test sulle CTA (ecco una guida rapida su come farlo).
  • Come per l'oggetto, mantenete le CTA semplici.
  • Usate pronomi personali come "Conta su di me!".
  • Usate sconti o promozioni come CTA.

Mantenere le e-mail brevi e al punto giusto

Allo stato attuale del mondo, la soglia di attenzione è pari a quella di un gatto.

Siate strategici e attenti ai vostri abbonati, perché anche loro hanno una famiglia a cui badare, un'attività da gestire e molto probabilmente centinaia di altre e-mail che urlano il loro nome.

Pensate a questi punti prima di finalizzare una sequenza di e-mail:

Ora che avete spuntato tutte queste voci dalla lista, è il momento di fare un riassunto!

Realizzate la vostra strategia di email marketing B2B tenendo conto del vostro utente

La personalizzazione è la parola d'ordine di quest'anno, quindi se non siete al passo con gli altri, sarete lasciati nella polvere!

Per raggiungere i vostri obiettivi personalizzate il tipo di contenuto che inviate, utilizzate email basate su trigger per ottenere il massimo da ogni email, segmentate il vostro pubblico per parlare direttamente a gruppi specifici di persone e fate leva sulle emozioni con gli oggetti e le CTA.

E, soprattutto, mantenete un messaggio breve, dolce e diretto.

Grazie a questi consigli, avrete tutti gli strumenti necessari per realizzare un'azione che possa raggiungere l'obiettivo 2022. Oppure contattate AS Marketing per ricevere assistenza. Possiamo aiutarvi in ogni fase del processo.

Informazioni sull'autore

Adriana Stein è fondatrice e CEO di AS Marketing, un'agenzia specializzata nella creazione di strategie olistiche di marketing online per aziende B2B e B2C in tutto il mondo. Adriana e il suo team multilingue e multiculturale sono specializzati nello sviluppo di strategie che incorporano varie tecniche come il SEO a livello di madrelingua, il content marketing su LinkedIn e l'automazione del marketing. Ha anche condiviso guide di content marketing SEO su Moz e Hubspot. Seguitela su LinkedIn per ulteriori consigli su come portare la vostra presenza online al livello successivo.

Start your free 7 days trial with Ranktracker, all-in-one SEO platform
Adriana Stein

Adriana Stein

is the Founder and CEO of AS Marketing, an agency that specializes in creating holistic online marketing strategies for B2B and B2C companies worldwide. Adriana and her multilingual and multicultural team specialize in developing strategies that incorporate various techniques like native-speaker level SEO, LinkedIn content marketing, and marketing automation. She has also shared SEO content marketing guides on Moz and Hubspot. Follow her on LinkedIn for more tips on how to take your online presence to the next level.

Link: AS Marketing

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker