• Strumenti SEO

Come aumentare il traffico utilizzando Google Lens e la ricerca inversa delle immagini

  • Felix Rose-Collins
  • 6 min read
Come aumentare il traffico utilizzando Google Lens e la ricerca inversa delle immagini

Introduzione

La ricerca per immagini è fondamentale per aiutare gli utenti del web a trovare le informazioni di cui hanno bisogno. È anche importante per aumentare il traffico verso il vostro sito e Google vuole che lo sfruttiate al meglio. Da qui il lancio di Google Lens e l'aggiornamento di Google Reverse Search (ricerca per immagini).

Queste due incredibili funzioni di Google sono destinate a cambiare il modo in cui guardiamo le immagini sul motore di ricerca. Ecco come fare per essere più avanti nel gioco con questi strumenti straordinari.

Ricerca per immagini di Google vs. Google Lens

Da quando è stata lanciata per la prima volta nel 2011, la Ricerca immagini di Google è cresciuta ben oltre il suo scopo originario. Dall'aiutare gli utenti a scoprire immagini correlate e a trovare contenuti, alla ricerca di immagini rubate, la ricerca di immagini rimane una componente fondamentale dell'esperienza web. Tuttavia, per quanto la ricerca di immagini sia potente, probabilmente siamo solo agli inizi di ciò che sarà possibile fare attraverso questo canale. E con Google Lens ora disponibile, sembra lecito supporre che all'orizzonte ci siano ancora più potenza e opportunità.

Ora che Google sta introducendo Google Lens, in cosa si differenzia dai precedenti prodotti creati da Google? Forse Google Reverse Image Search?

Ricerca inversa di immagini di Google

Quando si utilizza un normale motore di ricerca come Google o Bing, di solito si digita una parola chiave o una frase e vengono visualizzati i risultati della ricerca, ma con la ricerca inversa delle immagini è possibile caricare un'immagine e poi vedere quali siti web o siti di social media l'hanno condivisa online. Può essere utile per scoprire chi ha condiviso i vostri contenuti sui social media.

Questo permette a Google di capire la ricerca che si sta facendo e di restituire risultati pertinenti. Si può anche lasciare che mostri immagini e altri contenuti correlati all'immagine selezionata.

In cosa si differenzia dalla ricerca per immagini di Google?

Quando si effettua una ricerca su Google Immagini, di solito si inserisce un termine o una frase e Google farà del suo meglio per mostrare le immagini più pertinenti relative al termine di ricerca. Tuttavia, è anche possibile utilizzare la funzione di ricerca inversa delle immagini per ottenere le immagini più pertinenti relative a una determinata immagine.

Google Lens

Ora che abbiamo parlato dell'utilità della ricerca inversa di immagini, cosa succederebbe se vi dicessi che Google Lens può effettuare la ricerca in modo più rapido e dettagliato? Utilizzereste ancora il primo?

Per capire e rispondere meglio alle domande delle persone. Google Lens è una nuova funzione di realtà aumentata di Google Foto che consente agli utenti di eseguire diverse operazioni semplicemente puntando la fotocamera del telefono verso un oggetto. Gli utenti possono anche usare la fotocamera per scattare una foto e poi inviarla a Google per l'elaborazione. Una volta elaborata, l'immagine viene posizionata accanto all'oggetto sullo schermo, insieme alle informazioni pertinenti sull'oggetto.

> Nota: questa funzione è attualmente disponibile in Google Foto per Android e iOS, ma in futuro arriverà anche sui browser web.

Google Lens consente di cercare una copia esatta di un'immagine. Oppure analizzare e riconoscere il contenuto di un'immagine. Il servizio cerca un'immagine anche se è stata scattata dallo schermo.

Ve lo spiego visivamente... Ho provato sia Reverse Search che Google Lens e guardate voi stessi... Ho usato questa caffettiera nella confezione come esempio.

Ecco come ho fatto per entrambi i servizi di Google utilizzando il browser Google Chrome:

Utilizzando la ricerca inversa delle immagini

In images.google.com, ho fatto clic su ricerca per immagine (icona della fotocamera) e Google mi ha dato due opzioni: incollare l'URL di un'immagine che ho visto online o caricare un'immagine dal mio computer. Poiché ho salvato l'immagine dal mio computer, ho usato l'opzione "Carica un'immagine ".

Uso della ricerca inversa di immagini

Carica un'immagine

Ricerca per immagini - pagina dei risultati

Il risultato: Sebbene l'immagine mostrasse davvero immagini simili, non è riuscita a mostrare risultati simili nella SERP.

Utilizzo di Google Lens

Anche se la funzionalità completa di Google Lens è disponibile solo sul cellulare, è comunque possibile utilizzarla per la ricerca di immagini su Google Chrome desktop.

Tutto ciò che dovete fare è scegliere un'immagine che appare sullo schermo, fare clic con il tasto destro del mouse e selezionare l'opzione ricerca immagine con Google Lens. In questo esempio, utilizziamo ancora l'elemento dell'immagine precedente. L'immagine qui sotto è uno dei risultati della ricerca inversa di immagini effettuata in precedenza:

Utilizzando Google Lens

Quindi, trascinate il mouse su qualsiasi area del sito che vedete sullo schermo per capire meglio il contenuto visivo che vedete durante la navigazione, e voilà! Google vi mostrerà i risultati in pochi secondi.

Utilizzo di Google Lens - Risultati della ricerca

Il risultato: In base a ciò che Google Lens mi ha mostrato, penso che i risultati siano più accurati rispetto alla ricerca inversa.

Image SEO: Ottimizzare le immagini per aumentare il traffico...

Le immagini sono ovunque online, dai social media ai blog e ai siti web. Le immagini sono più di un semplice richiamo visivo, sono importanti per il marketing perché hanno un impatto enorme sulla percezione che un visitatore ha di un sito web o di un marchio. Se volete migliorare la vostra immagine SEO, ci sono alcune semplici cose che potete fare. Esaminiamo i singoli passaggi per ottimizzare le immagini per i motori di ricerca.

Date alle vostre immagini nomi, descrizioni e titoli unici.

Google ha rivelato che utilizza anche il titolo e la descrizione come parte del suo algoritmo di ricerca delle immagini per classificarle nei risultati di ricerca.

Tutti i fattori di base della SEO on-page, come metadati, tag di intestazione, contenuto della pagina, dati strutturati, influiscono sul modo in cui l'algoritmo di ricerca di Google classifica le immagini. Questi fattori saranno il punto di partenza per l'ottimizzazione delle immagini e per migliorare il posizionamento.

Google Search Central (Fonte: Google Search Central)

L'uso di alt tag in immagine

Quando un'immagine non si carica, si vedrà un riquadro con il tag alt nell'angolo in alto a sinistra. Dovrebbe essere una breve descrizione dell'immagine e di ciò che essa trasmette. Come il titolo, l'attributo alt è usato per descrivere un file immagine quando il browser non riesce a visualizzarlo correttamente. Inoltre, aiuta i visitatori che utilizzano uno screen reader e aiuta anche i crawler di Google a comprendere meglio i vostri contenuti, poiché in genere sono in grado di leggere solo il testo, non le immagini. Assicuratevi quindi che il tag alt e l'immagine corrispondano per ottenere la massima rilevanza.

Creare sitemap di immagini.

Le immagini sono una parte naturale dell'esperienza visiva umana e i motori di ricerca che vogliono fornire la migliore esperienza possibile agli utenti vorranno tenerne conto. Mentre i motori di ricerca sono in grado di rilevare i link testuali e di effettuare il crawling dei contenuti a cui puntano, non possono accedere alle immagini come gli esseri umani.

Includendo le immagini nella sitemap si aumentano le possibilità di essere scoperti, in modo che i motori di ricerca possano visualizzare il sito nei loro risultati. Questo aiuterà i crawler dei motori di ricerca a scoprire le immagini che potrebbero sfuggire loro. (ad esempio, immagini che raggiungono il codice JavaScript).

Ottimizzare le dimensioni dell'immagine

Le immagini digitali hanno dimensioni, solitamente misurate in pixel. Mentre le dimensioni determinano la dimensione del file (se si conoscono le dimensioni dell'immagine, si può calcolare la dimensione del file), le dimensioni non devono essere confuse con la dimensione del file. La dimensione dell'immagine si riferisce alle dimensioni di un'immagine (ad esempio, 1080 per 620 pixel). La dimensione del file è la quantità di spazio necessaria per memorizzarla sul server (ad esempio, 21 megabyte).

Naturalmente, le dimensioni delle pagine web devono essere ridotte al minimo e le immagini rappresentano una parte significativa del peso totale di una pagina web. Per risparmiare larghezza di banda e mal di testa, comprimete le immagini prima di caricarle sul vostro sito web; potete farlo in Photoshop o con uno strumento di ottimizzazione delle immagini online.

Oppure, fate un passo avanti e utilizzate un CDN per immagini che rileva il dispositivo e ottimizza l'immagine prima della consegna. Se non siete ancora sicuri di quanto le vostre immagini incidano sulla velocità della vostra pagina, vi consiglio di utilizzare lo strumento PageSpeed Insights di Google.

Assicuratevi che l'immagine sia pertinente al contenuto.

Un'immagine vale più di mille parole, e questo è particolarmente vero quando si tratta di Google, il più grande motore di ricerca del mondo. È chiaro che i contenuti della pagina sono la vostra prima priorità, ma inserire un'immagine senza spiegazioni o senza rilevanza per il vostro contenuto non è nulla.

Assicuratevi di includere informazioni sostanziali per spiegare e aggiungere testo pertinente alla vostra immagine. Le informazioni contenute nelle immagini devono essere veritiere, accurate e chiare.

Conclusione

Le due nuove funzionalità di Google renderanno più facile generare più traffico e migliorare la vostra visibilità dai risultati di ricerca delle immagini. E i suggerimenti forniti sopra si riveleranno utili, soprattutto dal punto di vista del risparmio di tempo. Ma i vantaggi non finiscono qui. La SEO è un gioco completamente nuovo, dominato dai contenuti visivi, e queste funzioni potrebbero darvi un vantaggio sui vostri concorrenti.

Nel complesso, l'effetto potrebbe essere piccolo (per ora), ma si tratta di un'aggiunta molto utile che potrebbe fare la differenza quando si tratta di content marketing e della vostra strategia SEO. Alla luce di queste informazioni, dovreste adeguare la vostra strategia di conseguenza.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker