• Suggerimenti per gli affari

Come lanciare (e promuovere) il vostro primo sito web in 5 passi

  • Felix Rose-Collins
  • 6 min read
Come lanciare (e promuovere) il vostro primo sito web in 5 passi

Introduzione

Siamo nel 2022 e non c'è bisogno che vi dica perché è importante avere un sito web. Saltiamo questa parte e passiamo alle cose importanti.

In questo articolo troverete una guida passo-passo che vi aiuterà a iniziare il processo di creazione del vostro primo sito web e di come iniziare a portare traffico verso di esso.

Andiamo!

Iniziare con un sito web: Fai da te o noleggia?

La prima grande decisione da prendere è questa:

> costruire un sito web da soli o pagare qualcuno che lo faccia per voi?

Ogni strada ha pro e contro. Si tratta di decidere se investire il proprio tempo o il proprio denaro. Il costo dello sviluppo di un sito web può variare, ma è improbabile che scenda sotto 1k dollari anche per un sito web modellato, e anche la costruzione di un sito di base può facilmente raggiungere le 5 cifre.

Al giorno d'oggi è sempre più facile costruire un sito web di base da soli. Ci sono molte opzioni free website builder con funzionalità drag-and-drop che non richiedono esperienza di codifica, tra cui GetResponse, Wix, Squarespace, Wordpress e altri. Qualunque strumento scegliate, date un'occhiata ai modelli disponibili. Se siete principianti, farete affidamento su un modello per iniziare rapidamente. Ad esempio, GetResponse offre modelli per modelli di business popolari come i ristoranti o la fotografia.

Costruttore di siti web gratuiti (Fonte: GetResponse)

Se potete permettervi il tempo necessario, costruire un sito web da soli presenta molti vantaggi. Una volta capito come viene costruito, sarà più facile apportare piccole modifiche nel tempo. Non affidarsi a un servizio esterno fa risparmiare un sacco di soldi, ma accelera anche notevolmente i tempi di esecuzione quando è necessario apportare modifiche.

Impostazione del nome di dominio e dell'hosting

Per gestire un sito web, è necessario registrare un nome di dominio e acquistare un pacchetto di hosting. In genere, entrambi vengono pagati annualmente e hanno un costo relativamente basso. Molti fornitori propongono anche offerte introduttive con prezzi ridotti per il primo anno e/o prove gratuite. Ecco un elenco di provider di web hosting che vi permettono di iniziare senza inserire la carta di credito, una prospettiva interessante se non siete ancora pronti a impegnarvi per un anno intero di hosting.

Molti strumenti per la creazione di siti web includono anche domini e hosting all'interno della loro piattaforma. O su base limitata, gratuitamente, o con un piccolo supplemento. In ogni caso, la possibilità di gestire tutto in un unico luogo semplifica notevolmente il processo.

Se vi rivolgete a uno sviluppatore di siti web freelance o a un'agenzia, è molto probabile che siano in grado di includere i servizi di hosting o di consigliarvi un fornitore.

Pianificate le pagine di cui avrete bisogno

Ora pianifichiamo cosa ci sarà in questo sito. Di quali pagine avrete bisogno? Questo varia molto, ancora una volta, a seconda del modello di business, ma per esempio, un sito web di base per un'attività locale potrebbe avere un aspetto simile a questo:

  • Homepage
  • Chi siamo
  • Servizi
  • Testimonianze dei clienti
  • Contatti

È inoltre possibile suddividere i servizi in più pagine diverse, o creare un numero qualsiasi di varianti.

Struttura del sito web (Fonte: TEACHUCOMP)

Potreste anche includere un blog; un luogo dove scrivere contenuti utili per il vostro pubblico, produrre articoli SEO-friendly per portare traffico al vostro sito e pubblicare aggiornamenti sulla vostra azienda e sul vostro team.

Avere un'idea chiara vi aiuterà a capire quanto tempo dovrete investire, di che tipo di modelli potreste aver bisogno se vi costruite da soli, se avete bisogno o meno di raccogliere le recensioni dei clienti, di fare foto professionali e così via.

Vale la pena di notare che non si tratta assolutamente di una cosa permanente. Potete continuare a iterare, aggiungendo pagine, modificandole, rimuovendole - qualsiasi cosa vogliate lungo il percorso. Mettete a punto un piano generale che vi aiuti a iniziare e non preoccupatevi che sia perfetto.

Creare i contenuti

Una volta che avrete creato l'ossatura del vostro sito, le fondamenta tecniche e una mappa del sito, dovrete iniziare a riempire il contenuto. Il termine "contenuto" può riferirsi a molte cose diverse, ma stiamo parlando principalmente delle immagini, degli scritti (e forse dei video) che potreste utilizzare nel vostro sito.

Anche in questo caso, dovrete decidere se assumere uno scrittore o farlo da soli. Tuttavia, anche se decidete di esternalizzare, c'è ancora molto lavoro da fare da parte vostra. Uno scrittore non conoscerà tutti i dettagli della vostra attività, le vostre USP e il vostro posizionamento. Avrà molte domande da farvi!

Per la scrittura, è saggio combinare alcuni strumenti di scrittura di contenuti SEO per assicurarsi che la scrittura sia ottimizzata sia per la SEO che per la leggibilità. Consiglierei uno strumento di ottimizzazione dei contenuti come Frase, che ti aiuta a individuare le parole chiave giuste, e uno strumento di leggibilità gratuito come Hemingway App, per assicurarti di essere conciso. Questo vale per tutto il sito, ma soprattutto per le pagine dei servizi, da cui è più probabile che venga generato traffico organico non legato al marchio.

Potete anche prendere in considerazione l'idea di realizzare delle foto o delle illustrazioni professionali per le vostre pagine. Le immagini di repertorio probabilmente non basteranno nel 2022!

Lanciate e promuovete il vostro sito web

È facile rimanere paralizzati dal tentativo di rendere tutto perfetto al 100%, soprattutto se si tratta del vostro primo sito web. Il mio consiglio è quello di assicurarsi che tutto abbia un aspetto professionale e completo, ma senza ossessionarsi. È meglio iniziare e poi modificare in un secondo momento, piuttosto che ritardare di settimane o mesi gli ultimi ritocchi.

Indicizzate il vostro sito web su Google il prima possibile per iniziare a costruire una certa autorità, condividetelo sui siti dei social media e su tutti gli altri canali a vostra disposizione. Chiedete alla vostra rete di professionisti di darvi un'occhiata e di darvi un feedback.

È ora di dare il via ai vostri sforzi di promozione. Ecco tre cose semplici che potete provare a fare con un piccolo budget per far decollare il vostro sito web.

Ottimizzazione dei motori di ricerca

L'ottimizzazione dei motori di ricerca è un aspetto che abbiamo tenuto presente durante tutto il processo di creazione del sito web e di scrittura dei contenuti, ma non è un lavoro da fare una tantum.

Anche se le ottimizzazioni on-page sono perfette per le pagine attuali, si può fare molto di più per generare traffico organico.

Il più importante è iniziare a pubblicare contenuti su un blog. Potete condurre una ricerca sulle parole chiave per scoprire cosa cerca il vostro mercato target e creare contenuti che soddisfino i loro intenti. Producendo molti contenuti di alta qualità nel corso del tempo, si costruirà un'autorità topica e sarà sempre più facile posizionarsi man mano che il dominio acquista autorità.

Per saperne di più sulla SEO, vi consiglio di leggere le nostre Guide SEO.

Guida SEO gratuita (Fonte: Guida SEO)

Pubblicità Pay-Per-Click

Mentre la SEO richiede tempo per dare i suoi frutti, il PPC può dare risultati più immediati. L'avvio di campagne di traffico a pagamento può aiutarvi a convalidare il vostro sito web. Ottenere traffico immediato su base PPC vi aiuterà a conoscere le prestazioni del vostro sito web, prima di investire a lungo termine per ottenere sempre più traffico organico.

Il canale PPC più comune è Google Ads, ma potete sperimentare anche Bing Ads, Reddit Ads, Facebook/Instagram Ads, Quora Ads e altri ancora: i canali disponibili sono tantissimi.

Misurazione delle prestazioni

Anche se non si tratta di un canale di promozione in sé, vi consiglio di dedicare un po' di tempo alla creazione di un sistema di analisi di base per il vostro sito.

Esistono due strumenti completamente gratuiti che ogni webmaster dovrebbe utilizzare: Google Analytics e Google Search Console. Sono veloci da configurare e facili da imparare.

Google Analytics vi permette di conoscere il traffico che arriva al vostro sito web e di impostare eventi di monitoraggio delle conversioni. Ad esempio, se avete un modulo di richiesta di informazioni, potete impostare degli Obiettivi che vi mostrino quale fonte di traffico (ad esempio Google, Bing, Facebook) ha generato la richiesta di informazioni e attraverso quale pagina sono entrati nel vostro sito utilizzando un modello di attribuzione di ultimo tocco (per impostazione predefinita).

L'installazione di Google Analytics è semplice e veloce. Si ottiene un breve snippet di codice che assomiglia a questo:

snippet di codice di Google Tag Manager

Non è necessario conoscere il significato di questo snippet di codice; tutto ciò che dovete fare è copiarlo/incollarlo nel punto giusto del vostro sito web. La maggior parte dei CMS/costruttori di siti web, come Wordpress, rende questa operazione molto semplice.

Inoltre, Google Search Console consente di scavare più a fondo nel canale della ricerca organica. Google Analytics non è in grado di dirvi da quali parole chiave il vostro sito riceve traffico, insieme alle posizioni medie, ai CTR organici e alle impressioni. Search Console è anche il posto giusto per inviare una sitemap XML, verificare la presenza di azioni manuali e altro ancora.

Per configurare Search Console, è sufficiente verificare la propria proprietà. Esistono diversi metodi semplici per farlo, che potete vedere qui.

Per fare un ulteriore passo avanti, vi consiglio di procurarvi anche uno strumento di monitoraggio del posizionamento. Sebbene Search Console possa fornire dati sulle posizioni medie delle parole chiave, è piuttosto limitato. L'utilizzo di un rank tracker consente di:

  • Taggare, segmentare e analizzare gruppi di parole chiave in modo molto più semplice.
  • Ottenere dati di ranking su parole chiave a basso volume, che nella Console sarebbero anonimizzate
  • Tracciare le caratteristiche della SERP, come gli snippet in evidenza
  • ... e altro ancora

Ranktracker.com è una delle soluzioni più economiche e viene fornito con una prova gratuita di 7 giorni. È un investimento che vale la pena fare se intendete fare della SEO uno dei vostri canali di crescita prioritari.

Scheda dello strumento Rank Tracker](image1.png) (Fonte: Ranktracker)

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker