• Suggerimenti SEO avanzati

Ottimizzare i contenuti per l'intento di ricerca

  • Felix Rose-Collins
  • 8 min read
Ottimizzare i contenuti per l'intento di ricerca

Introduzione

Google è costantemente alla ricerca di modi per fornire risultati di ricerca più significativi ai propri utenti. L'azienda è impegnata in una ricerca infinita per separare i contenuti buoni da quelli cattivi e i grandi da quelli buoni.

Il loro obiettivo finale? Assicurarsi che le persone trovino esattamente le informazioni che stanno cercando, senza dover cliccare su pagine web che non offrono loro ciò che cercano.

Questo è più facile a dirsi che a farsi; c'è [una tonnellata di contenuti là fuori](https://www.oberlo.com/blog/blogging-statistics#:~:text=Ci sono%20attualmente%20più%20di%20quanto,parte%20della%20loro%20strategia%20di%marketing). E Google ha il compito di smistare tutti questi contenuti in modo che non dobbiamo farlo noi.

Per rendere più affidabile l'indicizzazione e l'ordinamento dei risultati di ricerca, l'azienda modifica continuamente le numerose logiche di ranking che determinano la posizione delle pagine web quando vengono visualizzati i risultati di ricerca.

Alcune di queste modifiche sono minori e non interessano a nessuno, se non ai professionisti SEO più accaniti. Altri sono piuttosto importanti e dovrebbero essere compresi da chiunque faccia content marketing.

Nel post di oggi parleremo di un'aggiunta relativamente recente a quest'ultima categoria e una parte fondamentale del successo SEO: L'intento di ricerca.

Che cos'è esattamente l'intento di ricerca?

In poche parole, l'intento di ricerca si riferisce al PERCHE' il ricercatore sta effettuando una ricerca.

Prendetevi un minuto e pensate alle vostre esigenze quando digitate qualcosa nella barra di ricerca di Google. Chiedetevi: "Quando una pagina web mi fornisce le informazioni che cerco, cosa intendo fare con esse?".

State cercando consigli su una sfida nella vostra vita personale o professionale? Volete utilizzare le informazioni per ricercare i prodotti più adatti alle vostre esigenze? Sperate che Google vi mostri come raggiungere una pagina web specifica a cui non sapete come accedere?

Ognuna di queste domande si riferisce a un'azione specifica che si desidera intraprendere dopo aver esaminato i risultati della ricerca. E Google fa del suo meglio per prevedere quale potrebbe essere questa azione e servirvi il contenuto adatto.

Come Google utilizza l'intento di ricerca?

Se per Google è evidente che state cercando una pagina che illustri i benefici del passaggio a una dieta vegana, sa che state cercando una pagina che vi istruisca, non una pagina che vi venda qualcosa. Il vostro intento è quello di fare una ricerca, non di diventare un cliente (ancora).

Se a Google sembra che vogliate prenotare dei biglietti per Parigi, vi proporrà un link a un'agenzia di viaggi online, non un post su un blog sulle tante cose fantastiche che potete fare nella capitale francese. Il vostro intento è quello di effettuare una transazione online, non di fare ricerca.

Per capire l'intento dell'utente, Google analizza bene le parole utilizzate nella barra di ricerca. Il motore di ricerca ha mappato alcune parole chiave a intenti specifici e le utilizza per fare una solida ipotesi sul vostro intento.

Allo stesso tempo, Google ha anche mappato alcune caratteristiche delle pagine web a questi intenti di ricerca. Quando decide quali pagine posizionare in cima alla SERP, Google prende in considerazione questa sovrapposizione di intenti di ricerca, dando priorità alle pagine web che corrispondono ovviamente all'intento del ricercatore.

Come ottimizzare i contenuti per i quattro tipi di intento di ricerca

Assicurarsi che Google sia in grado di identificare l'intento del contenuto di ciascuna pagina si chiama ottimizzazione dell'intento di ricerca.

Ma per farlo con successo è necessario che i proprietari di siti web e i responsabili del marketing dei contenuti comprendano le differenze tra i quattro tipi di intenti di ricerca.

Intento di navigazione

A volte le persone usano Google non come motore di ricerca, ma come una comoda porta alternativa verso una pagina web molto specifica. Conoscono l'esatta pagina web che stanno cercando, ma non sono sicuri di come arrivarci, quindi chiedono aiuto a Google.

Le tipiche ricerche "di navigazione" si presentano così:

  • "Accesso a Google Drive"
  • "Assistenza clienti Spotify
  • "Localizzazione filiale Fedex"
  • "Contatti Applebees Detroit".

In ognuno di questi casi, il ricercatore sta cercando di navigare verso una pagina molto specifica e sta semplicemente usando Google come mezzo per arrivarci.

Se il vostro sito ha una pagina in cui i clienti possono fare qualcosa di molto specifico come accedere, registrarsi come nuovo utente, trovare le informazioni di contatto o registrare un reclamo, è probabile che vogliano trovare questa pagina tramite Google. Questi utenti non vorranno spulciare tutto il vostro sito web alla ricerca di un link a questa pagina. È molto più probabile che vogliano semplicemente vedere se Google li indirizza alla pagina.

Per questo motivo, è molto importante ottimizzare queste pagine in modo che Google possa servirle agli utenti con intento di navigazione.

Come ottimizzare i contenuti per l'intento di navigazione

L'ottimizzazione per l'intento di navigazione è relativamente semplice. Si tratta principalmente di assicurarsi al 100% che ogni singola pagina del sito sia descritta correttamente in:

Assicuratevi di utilizzare un linguaggio accurato e chiaro in ciascuna di queste aree delle vostre pagine web. Descrivete la pagina come se steste spiegando a qualcuno cosa può fare esattamente sulla pagina.

Date un'occhiata a questo esempio tratto da Brandfolder:

Il titolo HTML della pagina è semplice e diretto: "Contattaci | Brandfolder ".

La descrizione META della pagina è altrettanto chiara e contiene diversi termini che possono essere associati alle esigenze del ricercatore: "Siamo qui per rispondere alle vostre domande sulla gestione delle risorse digitali tramite email, telefono o chat in diretta. Oppure, consultate la nostra knowledge base per trovare utili articoli sulle modalità di utilizzo".

Anche il contenuto della pagina utilizza queste parole chiave in modo intelligente, rendendo evidente a Google ciò che gli utenti possono fare sulla pagina.

  • "Hai bisogno di contattare...".
  • "Compila il modulo sottostante...".
  • "Puoi chattare con noi...".
  • "Inviaci un'e-mail a...
  • "... chiamarci al...".

Intento informativo

Le persone hanno un intento "informativo" quando hanno bisogno di conoscenze. Hanno una domanda specifica e sperano che qualche sito web abbia la risposta. Quindi si rivolgono a Google.

Ecco alcuni esempi di ricerche con intento informativo:

  • "Quante persone vivono a Parigi?"
  • "Il modo migliore per togliere le macchie bianche dalle camicie nere?".
  • "Quando è la stagione delle piogge in Vietnam?".
  • "Come trattare una ferita da ustione a casa".

Come ottimizzare i contenuti per l'intento informativo

I post informativi del blog hanno lo scopo di coinvolgere i lettori, fornire loro le informazioni desiderate e spingerli lungo l'imbuto del marketing verso una particolare azione. Inoltre, devono far capire a Google che soddisfano le esigenze delle persone che effettuano ricerche con intento informativo.

Ecco come raggiungere quest'ultimo obiettivo.

1. Usate parole di richiamo nel titolo del post

Se state scrivendo un post su come imparare a diventare uno sviluppatore di software, non intitolatelo in modo astratto come: "Prendi il controllo della tua vita imparando l'arte del codice".

Certo, è un titolo emotivo e può incoraggiare un clic, ma non utilizza il tipo di parole che Google vuole che siano segnalate come utili per l'intento informativo.

"Come fare" è un termine incredibilmente potente quando si tratta di segnalare un intento di e-commerce. Questo post di Skillcrush ci mostra un titolo molto più efficace per questo articolo: "Impara a codificare nel 2021 con questi corsi online gratuiti".

Skillcrush (Fonte: Skillcrush.com)

Altri termini che segnalano un intento informativo sono: "Guida", "Tutorial", "Il modo migliore per", "Quando è", "Quanti", "Come si fa" e "Impara come si fa".

Un ottimo approccio è quello di creare un titolo di pagina che sembri rispondere direttamente a una domanda molto specifica che i lettori inseriranno in Google.

2. Usate le parole chiave nel contenuto del post

Ci sono molti termini che potete usare nel corpo del vostro post per aiutare Google a capire che ha uno scopo informativo.

Il sottotitolo di Realthread in questo post sui prezzi delle magliette utilizza un altro termine che il motore di ricerca associa a un intento informativo: "Quanto dovresti far pagare le tue magliette? Scopri i consigli e le strategie di prezzo in questo articolo ".

Realthread's (Fonte: realthread.com)

Anche in questo caso, cercate di usare parole e termini che descrivano molto chiaramente il motivo per cui una persona vorrebbe leggere il vostro articolo. Pensate alla loro prospettiva. Chiedetevi cosa vogliono fare i lettori con queste informazioni e utilizzate parole che "introducano" il contenuto in modo adeguato.

3. Considerate il formato dell'articolo

I contenuti informativi sono solitamente formattati in un modo particolare. E Google lo sa bene. Due formati molto comuni sono: una sequenza di passi in stile tutorial e un elenco numerato di elementi.

Se possibile, cercate di suddividere i contenuti in titoli numerati e in un sommario ipertestuale all'inizio della pagina.

L'esauriente [guida in 12 passi sul PPC di Amazon] di Ad Badger (https://www.adbadger.com/blog/amazon-ppc-education/amazon-ppc/) è un ottimo esempio di come utilizzare la formattazione dei contenuti per allineare un articolo all'intento informativo.

Guida completa di Ad Badger (Fonte: adbadger.com)

4. Scrivere sottotitoli intelligenti e dettagliati

Non commettete l'errore di pensare di dover offrire contenuti solo in formato elenco per allinearvi all'intento informativo. Consultiamo Google per vedere quali sono gli altri formati più diffusi per i contenuti informativi.

Quando si cerca su Google "come ottenere una posizione manageriale senza esperienza", il primo risultato della ricerca è un articolo con un elenco a tappe. Ma i quattro seguenti sono semplicemente articoli ben scritti che presentano sottotitoli che separano il contenuto del post eccezionalmente intelligenti e dettagliati in sezioni logiche.

5. Rispondere a domande specifiche in modo rapido e chiaro

Se il vostro articolo si propone di rispondere a una domanda molto specifica, fatelo immediatamente e senza usare contenuti inutili.

Inoltre, fate in modo che sia chiarissimo che avete capito la domanda che vi è stata posta e che il vostro contenuto contiene la risposta.

Vediamo un esempio.

Quando si cerca su Google "quando è il momento migliore per visitare Playa del Carmen", il primo risultato è questa pagina di USNews.com intitolata: "I momenti migliori per visitare Playa del Carmen.".

C'è una correlazione abbastanza ovvia. Il titolo della pagina contiene la domanda vera e propria e la risposta a questa domanda si trova direttamente sotto di essa, senza alcuna deviazione o introduzione.

Per essere ancora più chiari, il testo della risposta ripete persino una parte della domanda: "Il periodo migliore per visitare Playa del Carmen è tra aprile e maggio...".

USNews (Fonte: Usnews.com)

Intento commerciale

Un ricercatore con intento commerciale è una persona che sta per acquistare qualcosa online, ma non è ancora sicuro al 100% di quale sarà.

Questi ricercatori sanno che esiste un tipo di prodotto o servizio che risolve il loro problema, sono motivati a procedere con l'acquisto, ma sono ancora nella fase di ricerca dell'opzione migliore per loro.

Ecco alcuni esempi di ricerche con intento commerciale:

  • "Alternative a Salesforce"
  • "Hubspot vs Mailchimp"
  • "La migliore sega a nastro per piastrelle"
  • "I migliori asili nido di Londra"

Questi utenti stanno ancora confrontando varie opzioni tra loro o leggendo recensioni approfondite delle loro opzioni.

Come ottimizzare i contenuti a scopo commerciale

I contenuti con "intento commerciale" spingono il lettore a prendere una decisione. Molti blog aziendali utilizzano questo tipo di articoli per illustrare i motivi per cui il loro prodotto è migliore della concorrenza.

Per l'intento commerciale, Google vuole vedere termini come i seguenti utilizzati nel titolo della pagina, nei sottotitoli e nel corpo del contenuto:

  • "Confronto"
  • "Migliore"
  • "Vs."
  • "Alternativa a"
  • "Recensione"

Questi termini indicano a Google che il post contiene un'analisi commerciale approfondita. Questo è qualcosa che Google vuole vedere quando fornisce risultati di ricerca agli utenti che effettuano ricerche sui prodotti.

Date un'occhiata al dettagliato pezzo di confronto Kartra vs Kajabi di Dream Grow per un esempio di come farlo in modo efficace.

Intento transazionale

L'intento transazionale è quando è evidente a Google che il ricercatore è pronto a fare un acquisto. Ha fatto le sue ricerche. Hanno preso una decisione. Sono pronti a premere il grilletto e ad acquistare ciò che desiderano.

I termini di ricerca tipici che indicano un intento transazionale sono:

  • "Samsung Galaxy a buon mercato"
  • "Integratori vegani a prezzi scontati
  • "Ordinare frutta fresca online
  • "Servizio di correzione di bozze online a prezzi accessibili".

Di solito, una volta presa questa decisione, il passo successivo è quello di cercare il miglior affare possibile. Per questo motivo, molti termini di ricerca "transazionali" includono parole che indicano un qualche tipo di risparmio.

Come ottimizzare i contenuti per l'intento transazionale

1. Nominare e classificare la pagina in modo appropriato

Nei tag HTML del titolo della pagina e nelle descrizioni META, descrivete il prodotto nel modo più dettagliato possibile. Fate lo stesso per l'intestazione principale della pagina.

2. Utilizzate in tutta la pagina termini che mostrino un orientamento transazionale

Termini come "descrizione del prodotto", "galleria", "prezzo", "sconto" e "informazioni sulla spedizione" aiutano Google a capire che si tratta di una pagina in cui avverrà una vendita.

In chiusura

Se, dopo aver letto questo articolo, vi siete resi conto che i contenuti del vostro sito web non tengono conto dell'intento di ricerca, un ottimo punto di partenza per risolvere il problema è rappresentato dalle pagine esistenti.

Esaminate ogni singola pagina del vostro sito web e chiedetevi: "A quale intento serve?". Se non riuscite a rispondere a questa domanda, dovreste prendere in seria considerazione la possibilità di riscrivere interamente la pagina, attenendovi ai suggerimenti forniti in questo articolo.

Una volta fatto questo, non create mai una nuova pagina senza aver capito in che modo il suo contenuto risponde alle esigenze specifiche di un ricercatore.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker