• Business Tips

Frodi SEO ed e-commerce, come non farsi truffare?

  • Felix Rose-Collins
  • 6 min read
Frodi SEO ed e-commerce, come non farsi truffare?

Introduzione

Le frodi SEO sono vecchie come l'ottimizzazione dei motori di ricerca (https://www.ranktracker.com/blog/best-onboarding-tools/). Le truffe sono sempre state una parte importante di Internet, anche in alcune reti digitali come l'e-commerce o l'ottimizzazione dei motori di ricerca. Come riconoscerle e cosa bisogna sapere per evitarle? Le bugie su Internet sono all'ordine del giorno. Pertanto, per non cadere in inganni e trucchi, è importante per un potenziale cliente di società SEO sapere quali promesse sono vere e quali sono un mito.

Come fanno i più grandi Paesi del mondo a sconfiggere le frodi online nel loro business? In questo articolo esamineremo le truffe seo, il phishing, le frodi nell'e-commerce, la darknet e i truffatori che si spacciano per funzionari governativi. Imparerete come evitarli e come impedire che la vostra azienda sia vittima di frodi. Parleremo anche di cosa potete fare per stare al sicuro su Internet.

Alcune società di SEO insistono molto su un servizio speciale e unico che non vi verrà offerto da nessun'altra parte. Ed è proprio questo servizio a svolgere un ruolo incredibilmente importante nella promozione di un sito web. Capite che gli esperti non vi illumineranno su ciò che ovviamente non potete valutare in termini di adeguatezza. La chiave per una scelta affidabile di un'azienda è il feedback dei clienti dei clienti precedenti e la reputazione sul mercato.

Posizionamento garantito nella pagina 1 di Google

Spesso i "truffatori seo" vi offrono il primo posto nel ranking di Google, dicendovi che sono partner di Google. Google non ha mai avuto un programma di partner per la SEO. Sì, ha un programma di certificazione per Google Analytics, Google Ads e alcuni altri programmi; ma, indipendentemente da ciò che vi diranno, non ce n'è uno per l'ottimizzazione dei motori di ricerca. I siti con il miglior posizionamento non sono arrivati alla prima pagina da un giorno all'altro, ma spendono migliaia di dollari al mese in servizi SEO o di marketing e lo fanno da anni. Se una società di SEO propone un'offerta speciale di 100 dollari al mese, priva di rischi, che molto probabilmente include "Posizionamento garantito in prima pagina", è quasi certamente una truffa. Se fosse così facile posizionarsi, tutti sarebbero al primo posto.

Phishing

Uno dei maggiori problemi delle frodi online è il phishing. I truffatori utilizzano credenziali di identità rubate per gestire siti web e accedere agli account, come riferisce l'esperto di sicurezza informatica e proprietario del sito best vpn Florian Berg. La Gran Bretagna, ad esempio, è al secondo posto nel mondo per il tasso di attacchi bot automatizzati. Le banche del Regno Unito spesso risarciscono le vittime di attività fraudolente. Brasile, Messico e Spagna sono tra i Paesi con un tasso di frode più elevato. Tuttavia, molti Paesi devono ancora affrontare problemi quando si tratta di phishing.

In Cina, i criminali informatici utilizzano la tecnologia per rubare informazioni personali. Durante i Giochi Olimpici dello scorso anno, i borseggi sono diventati più comuni. Nei pressi degli istituti di cambio valuta stranieri, sono stati segnalati rapimenti express. Anche i truffatori sono un problema. I truffatori utilizzano funzionari e personale militare di alto profilo per indurre le vittime a inviare denaro. Alcuni truffatori intraprendono relazioni solo per rubare le foto delle persone.

Frodi nel commercio elettronico

Il commercio elettronico è diventato senza confini e quindi il reato di frode non ha confini nazionali. Infatti, il numero di transazioni fraudolente è più alto nei Paesi con economie povere rispetto a quelli con un'infrastruttura internet decente. Inoltre, le condizioni economiche deboli rendono più difficile per le forze dell'ordine rintracciare i criminali coinvolti. La mancanza di un'infrastruttura internet decente rende più probabile che le frodi vengano effettuate in altri Paesi. Come affrontano le frodi online i maggiori Paesi del mondo?

Un esempio recente di truffa su Internet è One Purple Notice, un rapporto dettagliato su un'applicazione mobile che si mascherava da popolare show di Netflix. Raccoglieva i dati di fatturazione degli utenti e abbonava a servizi premium senza il loro consenso. Il malware è stato segnalato in Colombia e in altri Paesi e l'INTERPOL ha contribuito a indagare sul caso. Anche se si tratta di un caso estremo, non c'è dubbio che sempre più uomini nigeriani siano coinvolti in frodi online.

Frodi nel commercio elettronico

Strumenti per acquistare su Darknet

Gli antivirus e gli antimalware sono essenziali per proteggere il computer da attacchi dannosi. Il malware si infiltra nel sistema e ruba informazioni sensibili. Gli aggressori usano i keylogger per raccogliere queste informazioni e possono infiltrarsi nel sistema ovunque sul web. I programmi di sicurezza degli endpoint proteggono anche dalle frodi online grazie al monitoraggio dell'identità e alle difese antivirus. Il dark web è un luogo noto per le frodi.

Sebbene la navigazione nel dark web non sia illegale, può esporre a molti rischi, tra cui le truffe. Ad esempio, se volete acquistare uno strumento per il fotoritocco, non correte il rischio di comprarlo sulla darknet, ma consultate un sito web professionale e sicuro che vi fornirà un editor fotografico di alta qualità come https://skylum.com/luminar/layer-mask. Sebbene alcuni di questi siti possano essere legittimi, esiste anche un'ampia gamma di criminali che sfruttano gli utenti ignari. Alcuni di loro possono anche utilizzare truffe di phishing per rubare le vostre informazioni personali. Assicuratevi di prendere tutte le precauzioni per proteggervi. Queste attività potrebbero non essere segnalate o tracciate, ma vale comunque la pena di correre il rischio.

Strumenti da acquistare su Darknet

Truffatori che si spacciano per funzionari governativi

Diffidate delle chiamate e delle e-mail fasulle che sembrano provenire da agenzie governative. Ad esempio, un truffatore può spacciarsi per un dipendente dell'Amministrazione della sicurezza sociale o dell'IRS, o addirittura di Medicare. Può anche utilizzare un nome falso di un'agenzia, come il National Sweepstakes Bureau. Questi impostori vi chiederanno spesso denaro o informazioni personali, compreso il numero del vostro conto corrente.

Le truffe via Internet iniziano spesso con un messaggio di posta elettronica o di social media che suggerisce che il mittente è un cittadino statunitense di stanza nel paese in questione. Nella maggior parte dei casi, il truffatore si spaccia per una persona del governo o per un dipendente di un'organizzazione umanitaria internazionale. Nella maggior parte dei casi, il truffatore afferma di essere un diplomatico o un funzionario militare, oppure offre milioni di dollari in cambio di aiuto. Tuttavia, il truffatore di solito vi chiederà di firmare diversi documenti bancari che gli conferiscono l'autorità di cofirmatario e gli permettono di trasferire il denaro dal vostro conto.

Truffe con falsi annunci di lavoro

La recente pandemia COVID-19 ha sconvolto l'economia degli Stati Uniti e ha portato il tasso di disoccupazione alle stelle, ma ha anche reso molto popolare il lavoro da casa e un ambito come quello della SEO è uno di questi. Con così tanti disoccupati, gli artisti della truffa approfittano di questa situazione per sfruttare la disperata ricerca di un nuovo lavoro. Le truffe di annunci di lavoro spesso coinvolgono i criminali che pubblicano annunci di lavoro falsi per ingannare le vittime e indurle a divulgare le loro informazioni personali.

I truffatori creano e mantengono falsi annunci di lavoro su bacheche e siti di networking affidabili. Anche se questi annunci vengono controllati e verificati da organizzazioni come Handshake, alcuni riescono a passare. A volte contattano direttamente le persone in cerca di lavoro e affermano di rappresentare un'azienda affermata. Possono fare riferimento al CPI per sembrare legittimi. Tuttavia, l'obiettivo è il denaro. Pertanto, le persone in cerca di lavoro devono essere caute e verificare tutte le informazioni ricevute attraverso gli annunci di lavoro fraudolenti. Diffidate di e-mail, telefonate e lettere di sconosciuti che vi dicono che vi devono del denaro. Inoltre, non utilizzate i link contenuti in un messaggio e-mail per contattare un'organizzazione. Trovate sempre le informazioni di contatto utilizzando un motore di ricerca, un elenco telefonico o un'altra fonte indipendente.

Truffe che coinvolgono false organizzazioni sanitarie

Recentemente sono circolate diverse truffe che affermano di essere affiliate all'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) o ai Centri per il Controllo delle Malattie (CDC). Questi falsi enti affermano di fornire informazioni, test e cure sulla COVID-19 e talvolta chiedono anche denaro o prenotazioni alberghiere. Alcuni promettono addirittura alcuni vantaggi, come l'assunzione presso l'OMS. Fortunatamente, questo tipo di truffe sono rare e difficili da individuare.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha lanciato un avvertimento pubblico contro le false organizzazioni sanitarie. Sebbene la Banca Centrale del Sudafrica non abbia ritirato la propria valuta, i truffatori hanno sfruttato il fatto che le persone che si sentono malate potrebbero essere propense a donare denaro a una falsa organizzazione sanitaria. I truffatori possono anche spacciarsi per funzionari governativi o compagnie assicurative e spesso offrono carte di sconto mediche per attirare le vittime. I prodotti fasulli sono venduti tutto l'anno, ma sono particolarmente diffusi durante la stagione delle iscrizioni.

Questi esempi non significano affatto che non esistano contraenti onesti sul mercato. I miei consigli vi aiuteranno a trovare il miglior fornitore di servizi SEO o di marketing: uno specialista o un'agenzia che sia responsabile della qualità, valorizzi la propria reputazione e rispetti il cliente. Se siete stanchi di cercare, rivolgetevi a specialisti di fiducia, che lavorano apertamente e non utilizzano metodi ingannevoli.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker