• Imparare il SEO

9 consigli essenziali per ottimizzare i post del blog

  • Gerard D’Onofrio
  • 1 min read
9 consigli essenziali per ottimizzare i post del blog

Introduzione

Il tuo blog è fantastico.

Lo sapete voi, lo so io e lo sanno i vostri lettori. Ci avete dedicato molto tempo e impegno e siete orgogliosi di ciò che avete creato. Come è giusto che sia.

Ma vi siete mai chiesti se non potreste fare di più per far crescere il vostro pubblico? In questo articolo vedremo come ottimizzare il vostro blog per la SEO con alcune semplici tecniche. Vi fornirò anche alcuni suggerimenti extra per aumentare il traffico organico del vostro sito.

Siete pronti? Tuffiamoci!

Scegliere le parole chiave giuste

Piuttosto che scegliere qualcosa che sembra vagamente appropriato, è fondamentale fare un'adeguata ricerca sulle parole chiave. Utilizzando i dati dei motori di ricerca, uno strumento di ricerca delle parole chiave può suggerire parole chiave alternative basate su ciò che le persone stanno effettivamente cercando.

Supponiamo che stiate scrivendo un post sui servizi VoIP aziendali. Potete inserire la frase "servizi VoIP" nello strumento di ricerca delle parole chiave per scoprire quali altri termini correlati vengono ricercati. In genere, vengono fuori frasi come "fornitore di servizi VoIP", "servizi VoIP per piccole imprese" e così via. Potete controllare i suggerimenti per vedere se qualcuno è particolarmente rilevante per il vostro argomento.

I biglietti d'oro sono le cosiddette parole chiave a coda lunga. In genere si tratta di parole lunghe fino a cinque e piuttosto specifiche. Ad esempio, possono includere il nome di una città o un particolare colore e modello di prodotto.

Per la natura stessa di queste parole chiave, non ci sono molte persone che le cercano, quindi non c'è molta concorrenza per il loro utilizzo. Ma le persone che digitano queste parole chiave a coda lunga nella ricerca hanno molte più probabilità di cliccare sulla vostra pagina se le includete.

Essere consapevoli della SERP

Fare una buona impressione sulla SERP (Search Engine Results Page) è fondamentale. L'obiettivo ideale è quello di posizionarsi il più in alto possibile. Non ci sono garanzie, ma potete dare una spinta alle vostre possibilità prestando attenzione alla scelta del titolo della pagina, dell'URL e della meta descrizione.

Be SERP-aware (Fonte: Unsplash)

La meta descrizione è un rapido riassunto del contenuto della pagina. Il suo scopo è quello di attirare l'attenzione, quindi è importante evitare gli errori più comuni che si commettono nelle meta descrizioni quando si inizia. Siate informativi, veloci e includete un invito all'azione allettante. Scoprite come dare una spinta alle vostre meta-descrizioni e portare il vostro blogging al livello successivo!

(Vedi cosa ho fatto?)

Non meno importanti sono i titoli e gli URL delle pagine. Questi devono includere le parole chiave principali, ma non devono essere troppo lunghi. Devono essere concisi e pertinenti, il che fa piacere ai motori di ricerca.

Utilizzare il linking interno

I link interni, cioè i collegamenti del vostro blog ad altre pagine del vostro blog, fanno un'enorme differenza. Una volta accumulata una serie di contenuti, l'uso dei link interni è un ottimo modo per rivitalizzare i post più vecchi. In questo modo, si possono avere occhi nuovi su quei post, mantenendoli rilevanti ai fini della SEO.

Quel post di due anni fa sul marketing dei concessionari d'auto di cui andavate molto fieri? Non lasciatelo andare sprecato. Mantenetelo nel giro, linkandolo nel vostro ultimo post.

Non dimenticate di tornare ai post più vecchi e di aggiungere anche in quelle pagine i link ai contenuti più recenti. Funziona in entrambi i sensi e rende felici i crawler dei motori di ricerca.

Affinare i titoli dei contenuti

Non fa male inserire qualche parola chiave nei titoli dei contenuti. Non esagerate, però: se riempite i titoli e il testo con così tante parole chiave da rendere la lettura innaturale, è controproducente. È noto come keyword stuffing e gli algoritmi di ricerca penalizzeranno il vostro sito per questo.

Sharpen up your content headings (Fonte: Unsplash)

In effetti, se state organizzando la vostra scrittura in modo logico, spesso scoprirete che le parole chiave si adattano facilmente ai titoli. Questo perché un post ben strutturato scorrerà senza problemi da una sezione all'altra, interrotto da titoli pertinenti che riguarderanno il vostro argomento.

Quindi, in quel post sui servizi VoIP, ad esempio, potrebbe essere utile fornire informazioni aggiuntive sulle alternative. Il vostro post potrebbe ragionevolmente avere anche sezioni sugli strumenti UCaaS o sui sistemi PBX, e avrebbe senso che questi termini fossero parole chiave secondarie in un articolo su questo argomento.

Non dimenticate immagini e video

Sapevate che l'82% degli esperti di marketing afferma che l'uso dei video aumenta il tempo che gli utenti trascorrono su una pagina? Se non utilizzate già i video sul vostro blog, dovreste pensarci.

E per quanto riguarda le immagini della vostra pagina, ottimizzatele. Ciò significa assegnare loro un nome di file che includa una parola chiave. Inoltre, dovreste avere l'abitudine di scrivere il testo alt per le vostre immagini non solo per l'accessibilità degli utenti, ma anche perché le parole chiave possono essere inserite anche lì. Tutto ciò è utile.

Potreste anche pensare di inserire nel vostro sito dei contenuti interattivi. Potrebbe trattarsi di un video in cui l'utente sceglie quale parte del video vedere successivamente. Una cosa del genere può richiedere molta preparazione, ma aumenta davvero il coinvolgimento fino a raggiungere livelli stratosferici.

Considerare l'utilizzo di categorie e tag

Le categorie e i tag, pur non essendo essenziali, possono aiutare a organizzare i post del blog e a creare un sito più coeso.

Utilizzate le categorie per raggruppare i post su un argomento principale simile e i tag per contrassegnare gli argomenti minori all'interno dei post stessi.

Consider using categories and tags (Fonte: Unsplash)

Scrivere contenuti dettagliati

Una volta si diceva che il contenuto è il re. Beh, lo è ancora, perché se non fornite materiale di lettura coinvolgente, perché le persone dovrebbero rimanere?

Prima di tutto. Non importa quale sia il vostro pubblico di riferimento, dovete dimostrare di sapere il fatto vostro. Sia che stiate scrivendo di tipi di istanze di motori di applicazioni per lettori esperti di tecnologia, sia che vi rivolgiate ai bambini con le favole, approfondite l'argomento. I motori di ricerca amano i post dettagliati e vi classificheranno più in alto per questo.

Ma assicuratevi che la scrittura sia facile da leggere!

Non dimenticate mai che scrivere un post su un blog non è come scrivere un libro. Le persone che atterrano sulla vostra pagina passeranno qualche istante a scrutare il contenuto per decidere se leggerlo o meno.

Se vengono assaliti da enormi blocchi di testo senza immagini, è improbabile che vogliano rimanere. Per questo motivo, dividete il testo in paragrafi brevi e spezzateli con immagini che soddisfino l'occhio. Ai fini della SEO, cercate di mantenere la lunghezza della maggior parte delle frasi sotto le 20 parole.

Anche l'uso di elenchi puntati, di spazi bianchi intorno al testo e di una punteggiatura adeguata può contribuire a rendere l'esperienza del lettore molto più agevole.

Ottimizzare per il mobile

Dal 2019, Google utilizza l'indicizzazione mobile-first, ovvero considera la versione mobile di un sito per prima quando classifica le pagine.

Questo è solo uno dei modi in cui il design del sito web può influire sulla SEO, ma è un aspetto importante. Quindi, quando create i vostri contenuti, ecco alcune cose da tenere a mente:

  • Non mettete i link cliccabili troppo vicini tra loro. In questo caso, può essere difficile per un utente su un dispositivo mobile fare clic su quello desiderato, con conseguente frustrazione.
  • Scegliete font compatibili con i dispositivi mobili.
  • Non utilizzate contenuti più larghi dello schermo di un cellulare (ad esempio, le tabelle possono essere un problema).

Optimize for mobile (Fonte: Unsplash)

Qualche consiglio in più per aumentare il traffico organico

Oltre a ottimizzare il vostro blog per la SEO, ci sono alcune altre cose che potete fare per attirare più lettori.

Blogging ospite

Si tratta di una tecnica di promozione incrociata. Si scrive un post sul blog e lo si mette sul blog di qualcun altro e/o viceversa. È un'ottima cosa perché apre la possibilità di raggiungere nuovi lettori che altrimenti non avreste mai trovato. Nel frattempo, l'altro sito beneficia di contenuti gratuiti e di alta qualità.

La cosa migliore è che ci sia una sovrapposizione tra il pubblico dei due siti. Ad esempio, se scrivete un blog di recensioni tecnologiche, potreste offrirvi di recensire un servizio di receptionist virtuale su un sito di business locale. Oppure, se vi occupate di cucina, potreste cercare qualcuno che produce prodotti alimentari artigianali e offrirvi di scrivere una ricetta con uno di questi prodotti da pubblicare sul loro sito.

Promuovere il sito sui social media

Può sembrare ovvio, ma non trascurate questo aspetto. È un modo fantastico per raggiungere rapidamente un gran numero di persone. La cosa più importante da ricordare è scegliere la giusta piattaforma di social media.

Instagram, ad esempio, è un mezzo di comunicazione principalmente visivo, quindi va bene per promuovere tutto ciò che può essere spiegato con le immagini, ad esempio arte e artigianato, cibo, tutorial di make-up, cuccioli carini. Ma potrebbe non essere adatto a qualcosa di più astratto, come un blog incentrato sulla storia della filosofia.

Non trascurate i post più vecchi del blog

Ne abbiamo parlato nella sezione dedicata al linking interno, ma è bene ripeterlo. Solo perché avete scritto un articolo tempo fa, non significa che sia finito. Quel post micidiale che avete scritto qualche tempo fa sul primo bug del computer? Sentitevi liberi di condividerlo di nuovo (è una storia davvero divertente). Raggiungerete un nuovo pubblico e potreste trovare qualche nuovo follower tra di loro.

A voi la parola!

Speriamo che qui abbiate colto qualche nuovo suggerimento su come fare SEO per il vostro blog. All'inizio può essere difficile dare slancio al sito, ma apportando alcune piccole modifiche è possibile fare una differenza sostanziale. Buona fortuna!

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker