• Imparare il SEO

Cos'è la canonicalizzazione

  • Felix Rose-Collins
  • 2 min read

Introduzione

La canonicalizzazione è un argomento di discussione impegnativo. È difficile da capire e forse anche da pronunciare, ma è parte integrante della creazione di una pagina web ottimizzata per i motori di ricerca. La canonicalizzazione risolve il problema delle istanze multiple di singoli testi su più pagine dello stesso dominio. Il problema principale che viene risolto con la canonicalizzazione è l'errore derivante dall'uso di più singoli pezzi di contenuto (di solito un paragrafo o addirittura un'intera pagina) che appaiono in più posizioni su uno o più siti web. Per fornire un'esperienza positiva all'utente, i contenuti duplicati devono essere forzati a una soluzione in cui rimanga una sola versione.

Tattiche SEO di punta: Canonicalizzazione

Le pagine SEO che possono essere caricate con più URL rappresentano un problema per i motori di ricerca. La canonicalizzazione è un errore molto comune che causa la divisione della popolarità di una pagina. Questo problema è più diffuso perché i motori di ricerca e i server web hanno impostazioni che creano questo problema. Gli errori di canonicalizzazione più comuni si producono quando si lascia che le impostazioni predefinite rimangano in vigore sul server del sito web, invece di inserire regole personalizzate.

Gli sviluppatori web hanno creato un metodo che reindirizza gli URL e consente di modificarli o combinarli. Esistono due tipi di reindirizzamento per i server. Il codice di stato HTTP 301 significa "Spostato in modo permanente". Il codice di stato HTTP 302 è un reindirizzamento temporaneo. Il link juice (potere di ranking) non viene trasmesso ad altri link normali o reindirizzamenti di server nella rete di Google. Sono stati condotti numerosi test sul tema dei reindirizzamenti e sul loro impatto sul posizionamento nei motori di ricerca. La conclusione è che il reindirizzamento 301 trasmette tra il 90 e il 99% del valore della sua popolarità, mentre il reindirizzamento 302 non trasmette alcun valore di ranking.

La canonicalizzazione include anche i caratteri alfanumerici e impone gli slash in avanti negli URL. Un errore comune di canonicalizzazione è la creazione di un ciclo infinito accidentale. Questo problema è in fase di risoluzione da parte di molti motori di ricerca, ma è comunque importante ricordare che i server possono effettuare automaticamente un reindirizzamento 301 verso la versione più vecchia senza la barra appropriata che appartiene alla versione corretta. Questo errore permette a un link che punta alla versione errata dell'URL di perdere quasi il 10% del suo valore di ranking a causa del redirect 301 errato. La soluzione e il risultato finale è che è meglio, quando possibile, gestire il problema internamente, collegandosi alla versione che ha subito il backlash.

Un'altra soluzione a questo problema è l'utilizzo del tag rel=canonical, che trasmette una quantità di link juice pari al redirect 301 e richiede meno tempo di esecuzione. L'HTML del tag fa parte della pagina web. Il comando nofollow non è una novità, né lo è il meta tag, ma l'uso del nuovo parametro rel aiuta a risolvere l'errore.

Microsoft Internet Information Services e Apache Web Services sono due server web che presentano errori di canonicalizzazione. Google e Bing stabiliscono che la pagina deve essere trattata come se fosse una copia dell'URL. Inoltre, l'URL fornito deve essere accreditato per tutti i link e le metriche associate ai contenuti che il motore di ricerca può applicare.

Ad esempio

<link href="https://www.123abc.com/canonical-version-of-page/" rel="canonical" />   

diventerebbe

www.123abc.com/canonical-version-of-page

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker