• Imparare il SEO

Perché l'intento di ricerca è l'elemento più importante della SEO on page

  • Adriana Stein
  • 7 min read
Perché l'intento di ricerca è l'elemento più importante della SEO on page

Introduzione

Sapete quali sono gli obiettivi del vostro pubblico quando va sul vostro sito web?

Se non lo sapete, siete nei guai.

Perché? Perché se non capite il loro intento di ricerca, non potete creare contenuti che soddisfino le loro esigenze. E se non riuscite a soddisfare le loro esigenze, lasceranno il vostro sito web e non torneranno più.

In questo post del blog parliamo dell'intento di ricerca e del perché è l'elemento più importante della SEO on-page. Vi mostriamo inoltre come utilizzare l'intento di ricerca per sviluppare una strategia SEO on-page che aiuti la vostra azienda ad avere successo online.

Che cos'è l'intento di ricerca nella SEO?

Innanzitutto, cerchiamo di capire che cos'è l'intento di ricerca nella SEO.

L'intento di ricerca, noto anche come intento dell'utente, è il perché qualcuno esegue una query di ricerca su un motore di ricerca come Google.

Esistono quattro tipi principali di intento di ricerca:

  • L'utente sta cercando un sito web o una pagina specifica. Ad esempio, può digitare "ranktracker pricing" su Google perché vuole andare alla pagina dei prezzi di Ranktracker.
  • L'utente cerca informazioni su un argomento. Ad esempio, può digitare "cos'è l'intento di ricerca" su Google per saperne di più sull'argomento. Transazionale: L'utente sta cercando di acquistare qualcosa. Ad esempio, può digitare "comprare scarpe" su Google perché vuole acquistare delle scarpe.
  • L'utente sta pensando di fare un acquisto, ma prima vuole fare ulteriori ricerche. Ad esempio, può digitare "Nike vs Adidas" su Google perché sta cercando di decidere quale marca acquistare.

Perché l'intento di ricerca è importante per la SEO on-page?

Quando si scrivono contenuti SEO, ci si rivolge sia agli esseri umani che ai motori di ricerca.

Quando si comprende l'intento di ricerca dei lettori ideali, è possibile adattare i contenuti alle loro esigenze. Questo fa sì che si sentano visti e compresi e li incoraggia a impegnarsi con i vostri contenuti, a saperne di più sui vostri prodotti e servizi e, infine, a diventare clienti.

D'altra parte, se i vostri contenuti non sono pertinenti alle loro esigenze, non resteranno nei paraggi. Lasceranno il vostro sito web e andranno da uno dei vostri concorrenti che ha scritto contenuti pertinenti alle loro esigenze.

È importante anche capire l'intento di ricerca dal punto di vista dei motori di ricerca. La priorità numero uno di Google è fornire agli utenti la migliore esperienza possibile. Ciò significa fornire loro i risultati più pertinenti e utili per le loro ricerche.

Gli aggiornamenti di Google si concentrano sempre più sull'intento di ricerca, rendendo più che mai fondamentale l'ottimizzazione dei contenuti per questo scopo. Includere parole chiave relative all'intento di ricerca nel titolo e in tutto il post del blog aiuta a garantire che il contenuto venga trovato da persone interessate a ciò che avete da dire.

Se il vostro contenuto non è rilevante per l'intento di ricerca di un utente, Google non lo classificherà in alto nei risultati di ricerca. Anzi, il vostro contenuto potrebbe non comparire affatto nei risultati di ricerca.

Ecco perché è così importante capire l'intento di ricerca quando si scrivono contenuti SEO. Dovete assicurarvi che i vostri contenuti siano pertinenti a ciò che il vostro pubblico sta cercando e che soddisfino gli standard di qualità stabiliti da Google.

Come si può utilizzare l'intento di ricerca per sviluppare una strategia SEO on-page?

Ora che avete capito cos'è l'intento di ricerca e perché è importante, vediamo come usarlo per migliorare la vostra SEO on-page.

Infografica su: Come utilizzare l'intento di ricerca per sviluppare una strategia SEO on-page

Le fasi principali sono quattro:

  1. Comprendere il pubblico, il suo percorso d'acquisto e il suo intento di ricerca.
  2. Effettuare una ricerca sulle parole chiave e raggruppare le parole chiave in base all'intento di ricerca.
  3. Create una mappa delle parole chiave e organizzate i vostri cluster di parole chiave in base all'intento di ricerca.
  4. Creare contenuti SEO tenendo sempre presente l'intento di ricerca.

Immergiamoci in questa avventura.

Comprendere il proprio pubblico

Il primo passo per sviluppare una strategia SEO on-page efficace è capire il vostro pubblico e ciò di cui ha bisogno in ogni fase del suo percorso di acquisto.

La creazione di buyer personas, la mappatura del loro customer journey e la comprensione dei fattori che influenzano i loro pensieri, le loro decisioni e le loro azioni sono preziosi per entrare nella testa dei vostri clienti ideali e creare contenuti che rispondano alle loro esigenze.

Ad esempio, una delle vostre buyer personas potrebbe essere una mamma casalinga alla ricerca di modi per risparmiare. Potrebbe essere interessata a contenuti sul couponing o su trucchi di vita frugali. Se state creando contenuti per lei, potreste puntare a parole chiave come "vita frugale", "migliori strumenti per il budgeting" o _"groupon vs rakuten".

Ognuna di queste parole chiave ha un diverso intento di ricerca e la comprensione del personaggio della mamma casalinga è il primo passo per capire come creare contenuti SEO che le diano ciò di cui ha bisogno quando ne ha bisogno.

Fate una ricerca sulle parole chiave e raggruppatele in base all'intento di ricerca

Una volta che avete un'idea delle esigenze, degli obiettivi e dei punti dolenti del vostro buyer persona, il passo successivo è la ricerca delle parole chiave.

Esistono diversi strumenti per la ricerca delle parole chiave, come il [keyword finder] di Ranktracker (/keyword-finder/).

Strumento di ricerca di parole chiave di Ranktracker

Quando si inserisce una parola chiave pertinente al proprio buyer persona, lo strumento restituisce un elenco di parole chiave correlate.

Ad esempio, se si inserisce la parola chiave "vivere in modo frugale", il keyword finder restituisce un elenco di parole chiave correlate, tra cui:

  • come risparmiare denaro
  • consigli per il risparmio di denaro
  • trucchi per una vita frugale

È quindi possibile raggruppare le parole chiave in base all'intento di ricerca. In questo esempio, tutte le parole chiave hanno un intento di ricerca "informativo".

Quando raggruppate le parole chiave in base all'intento di ricerca, fate due cose:

  1. Aumentate le possibilità che la vostra pagina si posizioni per più parole chiave con lo stesso intento di ricerca.
  2. Adattare i contenuti alle esigenze del pubblico.

Esportate le parole chiave in un foglio di calcolo ed etichettate ogni gruppo di parole chiave con il corrispondente intento di ricerca. Questo vi aiuterà a tenere traccia delle vostre parole chiave mentre passate alla fase successiva.

Creare una mappa delle parole chiave che organizzi i cluster di parole chiave in base all'intento di ricerca

Una volta che avete i vostri cluster di parole chiave, è il momento di mapparli in base all'intento di ricerca.

Una mappa delle parole chiave ha lo scopo di aiutarvi a vedere il quadro generale. Vi permette di vedere come le vostre parole chiave sono correlate tra loro e come si inseriscono nel percorso del vostro pubblico e nell'architettura del vostro sito web.

Una mappa delle parole chiave vi aiuta anche a identificare nuove opportunità per le parole chiave. Quando si vede come le parole chiave sono correlate, si scoprono nuovi modi di indirizzarle che non erano stati presi in considerazione prima. Questo vi permette di sviluppare la vostra strategia SEO on-page e il piano dei contenuti e di raggiungere il vostro pubblico di riferimento in più modi.

Ecco un esempio di una semplice mappa delle parole chiave:

Mappa di parole chiave semplice presentata in tabella (Una semplice mappa di parole chiave che raggruppa le parole chiave in base all'intento di ricerca. Il raggruppamento e la mappatura delle parole chiave vi aiutano a costruire la vostra strategia SEO on-page e a creare contenuti pertinenti per il vostro pubblico nelle diverse fasi del buyer journey.)

Come si può vedere, questa mappa delle parole chiave raggruppa le parole chiave in base ai diversi tipi di intento di ricerca.

Ogni tipo di intento di ricerca richiede un approccio diverso nella SEO on-page.

  • Per classificare le parole chiave di navigazione, assicuratevi che il vostro sito web sia facile da navigare e che le vostre pagine siano ottimizzate per le parole chiave che le persone utilizzano per trovarle.
  • Per classificarsi per le parole chiave informative, creare contenuti informativi pertinenti alle parole chiave utilizzate.
  • Per classificare le parole chiave transazionali, assicuratevi che le vostre pagine siano ottimizzate per la conversione e che il vostro sito web sia impostato per gestire le transazioni e offrire una buona esperienza all'utente.

Comprendendo e mappando i diversi tipi di intento di ricerca, potete assicurarvi di coprire tutte le basi della vostra strategia SEO on-page.

Una volta mappate le parole chiave, è il momento di iniziare a creare contenuti mirati per ogni cluster.

Creare contenuti che corrispondano all'intento di ricerca

Assicuratevi che l'intento di ricerca delle vostre parole chiave corrisponda al contenuto che create.

Ad esempio, se qualcuno cerca "best seo practices", è probabile che stia cercando consigli e trucchi su come migliorare il posizionamento del proprio sito web nei motori di ricerca. Il loro intento di ricerca è quello di cercare informazioni, non di pagare per dei servizi. Se cercate di vendere loro i vostri servizi in questa fase, è molto probabile che si allontanino e trovino una pagina più utile. In questo caso, si perde engagement e si danneggia il posizionamento del sito web.

Quando preparate i contenuti per la pubblicazione, verificate che il titolo, la meta descrizione e i sottotitoli del vostro blog riflettano l'intento del contenuto. Non volete classificarvi per frasi con un intento di ricerca diverso da quello del vostro contenuto. Se non vi prendete il tempo di ottimizzare questi componenti SEO per l'intento di ricerca, un utente potrebbe cliccare e poi andarsene quando si accorge che il vostro materiale non soddisfa le sue richieste.

Riflessioni finali

La comprensione dell'intento di ricerca è essenziale per sviluppare e rendere efficace una strategia SEO on-page. Sapendo cosa cerca il vostro pubblico di riferimento, potete fornirgli le informazioni di cui ha bisogno, rivolgendovi anche agli utenti con un intento di acquisto più elevato.

Questo vi aiuta a migliorare il posizionamento del vostro sito web nei motori di ricerca e ad aumentare il coinvolgimento nel sito. Tracciando i cluster di parole chiave e assicurando che i contenuti riflettano il giusto intento di ricerca, si crea una solida strategia SEO on-page che aiuta a raggiungere il pubblico di riferimento.

Volete saperne di più su come determinare l'intento di ricerca e come sviluppare una strategia di contenuti? Contattate il nostro team. Nel frattempo, mettete in pratica le vostre nuove conoscenze!

Informazioni sull'autore

Adriana Stein è fondatrice e CEO di AS Marketing, un'agenzia specializzata nella creazione di strategie olistiche di marketing online per aziende B2B e B2C in tutto il mondo. Adriana e il suo team multilingue e multiculturale sono specializzati nello sviluppo di strategie che incorporano varie tecniche come il SEO a livello di madrelingua, il content marketing su LinkedIn e l'automazione del marketing. Ha anche condiviso guide di content marketing SEO su Moz e Hubspot. Seguitela su LinkedIn per ulteriori consigli su come portare la vostra presenza online al livello successivo.

Start your free 7 days trial with Ranktracker, all-in-one SEO platform
Adriana Stein

Adriana Stein

is the Founder and CEO of AS Marketing, an agency that specializes in creating holistic online marketing strategies for B2B and B2C companies worldwide. Adriana and her multilingual and multicultural team specialize in developing strategies that incorporate various techniques like native-speaker level SEO, LinkedIn content marketing, and marketing automation. She has also shared SEO content marketing guides on Moz and Hubspot. Follow her on LinkedIn for more tips on how to take your online presence to the next level.

Link: AS Marketing

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker