• DMCA

Guida al reindirizzamento 301 per gli avvisi fraudolenti di rimozione DMCA dalla ricerca Google

  • Felix Rose-Collins
  • 6 min read
Guida al reindirizzamento 301 per gli avvisi fraudolenti di rimozione DMCA dalla ricerca Google

Introduzione

La protezione della proprietà intellettuale è diventata molto più impegnativa grazie alla rapida ascesa di Internet, che ha portato a molteplici misure per arginare il dilagante abuso di copyright. Una di queste è il DMCA, acronimo di Digital Millennium Copyright Act, che ha avuto un'influenza drammatica sulla legge sulla proprietà intellettuale e su Internet.

Oggi analizzeremo alcuni dei modi in cui il DMCA può interferire con i risultati di ricerca. Qui a Ranktracker crediamo che sia fondamentale sapere perché i vostri risultati sono in calo o in aumento, e il DMCA può rendere le cose un po' più confuse per voi, quindi daremo un'occhiata al DMCA da un punto di vista SEO.

Inizieremo dando un'occhiata al DMCA stesso, poiché è necessario conoscerlo prima di capire come può influire sulle classifiche di ricerca. In seguito, esamineremo i dettagli delle [notifiche DMCA] fraudolente (/blog/how-to-resolve-a-dmca-complaint-what-you-must-know/), che sono il principale punto dolente per le persone che cercano di posizionare i loro siti.

Dopo aver analizzato cosa sono le notifiche DMCA fraudolente, analizzeremo il modo in cui è possibile aggirarle utilizzando un reindirizzamento 301. C'è sempre un modo per evitare che le vostre classifiche di ricerca vengano compromesse e i 301 sono alcuni degli strumenti più efficaci a vostra disposizione per mantenere le vostre classifiche.

Cos'è il DMCA? Avviso di rimozione DMCA da Google Search](image1.png)

Cos'è il DMCA?

DMCA è l'acronimo di Digital Millennium Copyright Act ed è una legge sul diritto d'autore che è stata implementata in due trattati firmati nel 1996. Dopo la firma di questi due trattati, il DMCA è stato approvato nel 1998 e rende illegale la diffusione di opere protette da copyright.

Questo aiuta i proprietari del copyright a mantenere il controllo sulle loro proprietà intellettuali, in modo da poterne trarre profitto al posto di terzi. Oltre a criminalizzare la diffusione dei diritti di proprietà intellettuale, questo significa anche che i proprietari dei diritti d'autore possono controllare il modo in cui le loro proprietà digitali vengono utilizzate su Internet.

Già in passato erano state tentate misure per controllare gli IP su Internet, ma il DMCA è stato il primo in grado di imporre ramificazioni legali a coloro che lo ostacolano. Ciò è dovuto al fatto che il DMCA ha anche criminalizzato l'atto di eludere il controllo dell'accesso alle opere protette da copyright.

Il DMCA è stato approvato il 12 ottobre 1998 da Bill Clinton, con voto unanime del Senato degli Stati Uniti. Con l'approvazione della legge, il DMCA ha comportato un emendamento al Titolo 17 del Codice degli Stati Uniti, che riguarda la portata del copyright e i diritti degli utenti in caso di violazione del copyright.

Il DMCA è stato avviato a seguito della decisione degli Stati Uniti di conformarsi alla prerogativa dell'OMPI (Organizzazione Mondiale della Proprietà Intellettuale) di aiutare i detentori di copyright a mantenere il controllo sulle loro opere. L'iniziativa è iniziata nel 1996, anche se i colloqui sulla gestione dei diritti di proprietà intellettuale erano già in corso da tempo.

Nel 1976, quando la legislazione sul diritto d'autore è stata avviata per la prima volta, la questione non veniva discussa troppo spesso a causa della mancanza di metodi di distribuzione disponibili. Tuttavia, questo atteggiamento è stato presto considerato miope a causa della crescita vertiginosa di Internet e della facilità di distribuzione che ha comportato.

Quando i legislatori cominciarono a rendersi conto della facilità con cui il materiale protetto da copyright poteva essere condiviso, iniziarono a escogitare dei modi per frenare la distribuzione di questi materiali. Si creò così la necessità di introdurre il DMCA, che fu firmato in modo che le persone che avevano creato le loro opere potessero ricavarne il denaro che meritavano.

Che cos'è un avviso DMCA fraudolento?

Il DMCA consente essenzialmente ai proprietari di proprietà intellettuale di rivendicare le proprie opere quando non vengono utilizzate, in modo da ottenere il riconoscimento o il denaro che dovrebbero ricavare da esse. Se da un lato questo fa sì che i titolari di proprietà intellettuale ottengano i loro giusti diritti, dall'altro porta anche ad alcuni conflitti tra loro e coloro che ospitano i loro contenuti.

In alcuni casi, i contenuti possono essere ospitati grazie a un accordo tra l'host e il creatore, ma non è sempre così. Quando ciò accade, il creatore presenta un reclamo DMCA per assicurarsi che il suo contenuto non venga utilizzato senza il suo permesso, ma ci sono altre possibilità che a volte possono causare problemi all'host.

Ad esempio, se viene presentato un avviso DMCA fraudolento, l'host può perdere dei profitti. Un avviso fraudolento è un avviso presentato senza un valido motivo. Uno dei problemi dei reclami DMCA è che vengono emessi senza prove, il che significa che un avviso DMCA può tagliare i contenuti senza che siano validi.

Ciò si traduce in situazioni in cui i ricorrenti DMCA cercano di chiudere i siti perché vedono troppa concorrenza da parte dei loro principali rivali. In altre situazioni, i falsi reclami DMCA possono rovinare la reputazione di un sito senza che il reclamante ne abbia l'intenzione, poiché le sue azioni provengono da un luogo di ignoranza.

Nel caso in cui una notifica DMCA venga inoltrata senza un motivo valido, il sito o la pagina verranno comunque rimossi da Google, poiché non si vuole incorrere in questioni legali. Se da un lato questo funziona bene per Google e lo protegge da azioni legali, dall'altro i siti che ospita finiscono in una brutta posizione.

In questo modo, i siti hanno l'onere di contattare Google e di fargli sapere che i loro contenuti sono stati colpiti da un avviso DMCA, anche se non hanno fatto nulla di male. Sebbene le aziende Internet più esperte siano abituate a questo problema, non è così per tutte le aziende e molti proprietari non sanno come comportarsi.

Fortunatamente, esistono alcuni modi per garantire che il vostro sito continui a posizionarsi correttamente anche se avete ricevuto un avviso DMCA. Analizzeremo come aggirare le notifiche DMCA e come evitare di avere a che fare con esse nel prossimo futuro, per evitare di dover fare ancora una volta i salti mortali.

Come recuperare il ranking con un 301

I reindirizzamenti 301 sono un dono per tutti coloro che hanno a che fare con problemi legati a notifiche DMCA o ad altri motivi per cui le loro pagine non sono più ospitate. In questo caso, ci sono alcuni passaggi che possono garantire che il sito non perda il suo posizionamento di ricerca e che la pagina possa addirittura guadagnare risultati organici.

Per prima cosa è necessario modificare l'URL della pagina che è stata rimossa da Google. Se non si cambia questo URL, la pagina finirà comunque per essere penalizzata. Ciò significa che tutti i vostri sforzi per aumentare le classifiche andranno sprecati, perché la vostra pagina non sarà presa sul serio dall'algoritmo di Google.

Ciò significa che dovrete reindirizzare 301 la vecchia pagina verso la nuova, e questo comporta una decisione. Quando reindirizzerete le pagine, dovrete capire se volete riscrivere o meno il contenuto che era già presente. Anche se l'evidenza aneddotica suggerisce che lasciare il contenuto così com'è non causa alcun problema, è comunque una buona idea riscriverlo.

Dopodiché, si dovrà dare un'occhiata ai contenuti ospitati sulla pagina stessa. Ad esempio, se nella pagina sono presenti immagini o video, è bene esaminarli. Le immagini o i video che violano il diritto d'autore devono essere rimossi per garantire che la pagina non sia in rosso.

Se state valutando se rispondere o meno al DMCA, è un deciso NO. Rispondere a un DMCA vi mette in pericolo, quindi dovreste evitare di rispondere a qualsiasi reclamo ogni volta che potete. Non date al ricorrente ulteriori munizioni da usare contro di voi.

Dopo tutto questo, vi starete chiedendo quanto tempo dovreste impiegare per classificarvi. Se seguite tutti i passaggi di questa guida, il vostro sito dovrebbe essere in grado di posizionarsi su Google entro due o tre giorni. In casi eccezionali, può essere necessaria anche una settimana, ma se ci vuole più tempo ci sono dei problemi.

Conclusione

Anche se un avviso DMCA può sembrare spaventoso quando lo si riceve per la prima volta, non ci sono troppe preoccupazioni se non si ospitano contenuti di proprietà intellettuale altrui. Anche se gli effetti iniziali del reclamo possono colpire in modo sproporzionato l'host, non è questo il modo in cui deve rimanere.

Seguendo questi passaggi, vi assicurerete che i vostri contenuti non vengano spediti nelle segrete di Internet per placare qualche avvocato del copyright. Finché sarete rapidi nel rivendicare una notifica DMCA come fraudolenta, potrete assicurarvi che i vostri contenuti rimangano ospitati.

Copyright Disclaimer Ai sensi della sezione 107 del Copyright Act del 1976, è consentito il "fair use" per scopi quali la critica, il commento, l'informazione giornalistica, l'insegnamento, l'erudizione, l'educazione e la ricerca.

L'uso corretto è un uso consentito dalla legge sul copyright che potrebbe altrimenti costituire una violazione.

L'uso senza scopo di lucro, educativo o personale fa pendere la bilancia a favore del fair use.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker