• Imparare il SEO

5 aggiornamenti di Google che hanno sfatato i miti SEO nel 2022

  • Felix Rose-Collins
  • 1 min read
5 aggiornamenti di Google che hanno sfatato i miti SEO nel 2022

Introduzione

La SEO è una disciplina in continua evoluzione. Gli algoritmi dei motori di ricerca sono in continua evoluzione e le best practice possono durare solo fino a un certo punto prima di essere saturate. Ciò significa che i professionisti SEO devono essere consapevoli delle nuove tendenze e tecnologie, in modo che le loro strategie possano essere adattate per soddisfare le mutevoli esigenze degli utenti e degli algoritmi dei motori di ricerca.

Il 2022 è stato un anno interessante per la SEO. Quest'anno Google ha fatto molti annunci ufficiali e non che hanno cambiato il gioco della SEO. E poiché Google continua a sviluppare nuove versioni, è importante rimanere aggiornati.

In questo articolo condivideremo un elenco degli aggiornamenti e delle raccomandazioni di Google più rilevanti del 2022. In particolare, esamineremo come questi aggiornamenti siano in contrasto con ciò che pensavamo di sapere sulla SEO.

Pronti? Tuffiamoci!

5 aggiornamenti di Google che infrangono i più comuni miti SEO

In questa sezione verranno trattati i seguenti argomenti:

  • Perché Google non consiglia di eliminare i backlink di bassa qualità
  • Aggiornamento dei contenuti utili di Google
  • 5 aggiornamenti di Google che influenzano le ricerche da mobile
  • Perché Google dice che i meta tag noindex possono causare problemi
  • Perché i link potrebbero avere un impatto minore sulla SEO rispetto al passato

Disavowing di backlink di "bassa qualità" è una cattiva idea

I backlink sono link di altri siti web che rimandano a una pagina del vostro sito. Sono utili perché:

  • Possono aumentare il traffico e la visibilità
  • Fanno capire a Google che siete una fonte autorevole di informazioni.

I backlink buoni possono avere un impatto positivo sul posizionamento nelle SERP. Ma i backlink cattivi possono avere l'effetto esattamente opposto. Quindi, ha senso disconoscere i backlink cattivi... giusto?

È passato un po' di tempo da quando Google ha introdotto il suo strumento di disconoscimento dei link. Ma ci sono ancora molte domande al riguardo. Quest'anno abbiamo appreso il suo corretto utilizzo da John Mueller di Google. Egli ha chiarito le questioni relative ai link segnalati dallo strumento.

Prima del rilascio dell'algoritmo Penguin (uno degli aggiornamenti dell'algoritmo di Google), c'è stato un periodo folle di compravendita di link. L'algoritmo Penguin ha causato la caduta del posizionamento di milioni di siti web, con il risultato che tonnellate di webmaster hanno cercato di rimediare ai danni dei backlink di bassa qualità.

Poiché le richieste di rimozione dei link erano così numerose, alla fine del 2012 Google ha lanciato lo strumento di disavow dei link, per aiutare i webmaster a disavoware i link di spam.

Quest'anno, in risposta a una domanda sul disavowing dei link a una proprietà di dominio, Mueller ha fornito consigli su come utilizzare correttamente lo strumento.

Ora sappiamo da Mueller che:

  • Se si dispone di una verifica a livello di dominio, è possibile verificare il livello di prefisso senza token aggiuntivi.
  • Disavowing di link casuali che sembrano strani o che uno strumento ha segnalato non è una buona idea.
  • I disavowal servono quando si è pagato per i link e non si riesce a farli togliere.

Tenete presente che, sebbene utili, i verificatori di backlink di terze parti non rappresentano necessariamente il modo in cui Google classifica e utilizza i link.

Aggiornamento dei contenuti utili di Google

Google Helpful Content Update (Fonte)

L'aggiornamento dei contenuti utili di Google potrebbe essere stata la notizia SEO più significativa di quest'anno e ha causato un gran dispendio di inchiostro nel mondo SEO.

In breve, l'aggiornamento dei contenuti utili di Google mira a premiare i siti web che forniscono contenuti utili e informativi agli utenti, mentre punisce i siti web obsoleti o con contenuti di bassa qualità.

La novità dell'aggiornamento dei contenuti utili di Google è che ha punito soprattutto la pubblicazione di materiale generato dall'intelligenza artificiale. Il fatto è che, analizzando l'impatto di questo aggiornamento finora, si scopre che Google ha penalizzato solo i siti spazzatura estremamente evidenti.

Le aziende che hanno utilizzato l'intelligenza artificiale come base dei loro contenuti, ma che hanno sempre aggiunto un tocco umano, non sono state interessate dall'aggiornamento dei contenuti. Ora sanno di essere sulla strada giusta.

Non c'è motivo di evitare completamente i contenuti di IA, assolutamente.

Dovreste invece:

  • Identificate il vostro pubblico di riferimento e la vostra nicchia
  • Tenete presente che gli obiettivi di contenuto sono più importanti delle parole chiave.
  • Non affidatevi all'intelligenza artificiale per tutto
  • Date la vostra impronta ai contenuti, aggiungendo sempre un tocco umano

I contenuti più colpiti dal nuovo aggiornamento di Google sono i seguenti:

  • Completamente generato dall'intelligenza artificiale
  • Non originale
  • Non ottimizzato per la leggibilità o la scannerizzazione

In altre parole, l'uso di strumenti di intelligenza artificiale non rende il contenuto cattivo. Google sta solo punendo i contenuti ripetitivi e di valore estremamente basso.

Google annuncia 5 modifiche alla ricerca mobile

Google Announces 5 Mobile Search Changes (Fonte)

Alla conferenza Search On di Google dello scorso settembre, è stata annunciata una delle maggiori novità SEO di Google dell'anno: Saranno apportate 5 importanti modifiche al funzionamento delle ricerche su dispositivi mobili.

È allora che i risultati di ricerca mobile di Google sono diventati più visivi, con un'attenzione particolare alle immagini e ai video e fornendo scorciatoie senza dover digitare una query di ricerca tradizionale.

Le notizie SEO condivise all'epoca comprendevano:

  • Scorciatoie di ricerca di Google. Oggi è possibile trovare prodotti caricando schermate, tradurre testi con Google Lens e persino trovare canzoni canticchiandole.
  • Risultati nella barra di ricerca. Google ha iniziato a inserire i risultati suggeriti, prima di inviare la query, durante la digitazione nella barra di ricerca.
  • Risultati raffinati delle query. Google ha reso più semplice la ricerca di risultati pertinenti mostrando i raffinamenti della query, fornendo idee per restringere la ricerca.
  • **Google Web Stories. **Google ha reso la ricerca mobile più visiva con l'ulteriore integrazione di Google Web Stories, l'accesso a storie visive e brevi video.
  • Video, immagini e testo combinati. Oggi non è più necessario passare dalle schede Web, Immagini e Video: Google mostra tutto nella prima pagina dei risultati di ricerca mobile.

I meta tag Noindex possono causare problemi

Noindex Meta Tags Can Cause Problems (Fonte)

I tag no-index sono tag HTML che segnalano ai bot dei motori di ricerca quando non indicizzare una pagina. Vengono comunemente utilizzati per evitare che pagine di scarso valore o amministrative vengano visualizzate nelle SERP.

Quest'anno, John Mueller ha commentato anche l'utilizzo di un meta tag noindex sulle pagine dei prodotti esauriti. In effetti, John ha spiegato come questo tipo di utilizzo possa depistare Google.

La domanda a cui John Mueller ha risposto proviene da un editore. L'editore ha aggiornato il meta tag noindex a "index" quando il prodotto è tornato disponibile. Ma quando ha cambiato il tag noindex in index, in modo che Google iniziasse a mostrare la pagina nei risultati di ricerca, il tag meta robots non ha funzionato.

Mueller ha condiviso le sue intuizioni su come Google gestisce il meta tag noindex.

Secondo Mueller:

  • La fluttuazione tra indicizzati e non indicizzati può disorientare Google.
  • Quando Google vede una pagina che non è stata indicizzata per un certo periodo di tempo, presume che sia un 404. Google non effettua più la scansione di queste pagine con la stessa frequenza perché le considera noindex, indipendentemente da ciò che viene indicato nella mappa del sito.
  • È controproducente fluttuare con il meta noindex se si vuole che queste pagine vengano indicizzate alla fine.

In seguito a questo aggiornamento di Google, abbiamo scoperto come gestisce i meta tag robots noindex: più o meno nello stesso modo in cui gestisce i 404.

Da allora, sappiamo che il tag robots noindex deve essere utilizzato per le pagine che gli editori non vogliono mai essere indicizzate.

I link hanno meno impatto di prima

Links Have Less Impact Than Before (Fonte)

"I backlink non contano più come prima come segnale di ranking ". Questa è stata una notizia di Google SEO che ha smosso il mondo SEO nel 2022.

Fin dagli albori di Google, i link e i segnali di testo di ancoraggio lo hanno fatto risaltare. In passato, la SEO si limitava a ottimizzare titoli, intestazioni e contenuti. Ma quando i link sono diventati fondamentali, sono nate intere industrie e tecniche di link-building reciproco. In particolare:

  • Elenchi web
  • Broker di link
  • Linkbuilding reciproco
  • Spamming di commenti
  • Spam del forum

Queste pratiche erano estremamente popolari fino all'aggiornamento dell'algoritmo Penguin.

Quest'anno, in un video di Google SEO office hours, uno spettatore ha chiesto:

Perché Google continua a utilizzare i backlink come fattore di ranking se le campagne di link-building non sono consentite? Perché Google non riesce a trovare altri fattori di ranking che non possano essere facilmente manipolati come i backlink?".

E Google ha rivelato che i backlink non hanno più l'impatto che avevano quando Google Search ha iniziato a funzionare molti anni fa.

Quindi sì, i link hanno un impatto minore rispetto al momento del lancio di Google, soprattutto perché un numero minore di tipi di link influisce sulle classifiche (come i link delle directory e i link a pagamento).

Ora la domanda è: cosa faranno i SEO d'ora in poi?

Una combinazione di produzione di contenuti di alta qualità e basati sull'intento e di canali di distribuzione adeguatamente sfruttati può essere la risposta.

Punti di forza

In questo post, abbiamo condiviso 5 aggiornamenti di Google che stanno portando i SEO a mettere in discussione le strategie di cui si vantavano.

Tenendo conto di questi cambiamenti, si consiglia di:

  • Concentrarsi sulla creazione di backlink di qualità verso piattaforme veramente rilevanti
  • Adottare un approccio alla creazione di contenuti che privilegia la qualità rispetto alla quantità
  • Usare l'IA come strumento, non come un modo per sostituire gli scrittori umani
  • Ottimizzazione per la ricerca
  • Usare con attenzione i tag no-index e creare fantastiche pagine di fallback

Buona classifica!

Felix Rose-Collins

Felix Rose-Collins

is the Co-founder of Ranktracker, With over 10 years SEO Experience . He's in charge of all content on the SEO Guide & Blog, you will also find him managing the support chat on the Ranktracker App.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker