• Imparare il SEO

SEO e marketing dei contenuti: I 10 migliori consigli e strategie

  • Nikola Gemeš
  • 1 min read
SEO e marketing dei contenuti: I 10 migliori consigli e strategie

Introduzione

Che si tratti di una piccola impresa o di una società Fortune 500, la SEO ha un impatto su tutti noi. Ma a me piace vederla come una benedizione. Poiché la SEO determina la facilità con cui i clienti possono trovarvi, l'ho sempre vista come un'equalizzazione.

Pochi di noi possono competere con le campagne di marketing di giganti come Procter & Gamble e Nike. Tuttavia, anche una startup con un budget modesto può comparire tra i primi risultati dei motori di ricerca. Come? Ottimizzando i propri contenuti.

Ecco le 10 principali tattiche SEO che ogni content manager e imprenditore può applicare.

1. Utilizzate parole chiave correlate al vostro contenuto

LaSEO on-page va ben oltre l'utilizzo della parola chiave in prima pagina. Sebbene le parole chiave primarie siano importanti, per posizionarsi su Google oggi è necessario aggiungere anche sinonimi e altre parole chiave correlate al contenuto.

Il motivo è il nuovo algoritmo di Google Hummingbird, che consente a Google di analizzare le pagine al di là delle semplici parole chiave. Hummingbird cerca invece di capire l'argomento della pagina, proprio come farebbe un lettore umano.

Quindi, come si può ottimizzare il contenuto con Hummingbird in giro?

Includendo varianti della parola chiave nel contenuto. Trovare parole chiave correlate è abbastanza semplice.

  1. Cercate la vostra parola chiave target su Google
  2. Scorrere fino in fondo ai risultati della ricerca
  3. Qui si trovano le ricerche correlate
  4. Aggiungete alcuni di questi termini ai vostri contenuti.

Use keywords related to your content (Fonte immagine:)

In alternativa, potete utilizzare uno strumento dedicato alla ricerca di parole chiave che vi aiuti a trovare parole chiave correlate con un'opzione di localizzazione.

2. Inserire le parole chiave nei punti giusti

Se state leggendo, vi avranno già detto di aggiungere parole chiave alle pagine che volete classificare. Ma dove usare le parole chiave è importante quanto il numero di volte in cui le usate.

In altre parole, dovete assicurarvi che la vostra parola chiave compaia almeno una volta nel tag title della pagina e nelle prime 100 parole del contenuto della pagina.

Ad esempio, ho una pagina ottimizzata per la parola chiave "proposta SEO".

Ecco come ho aggiunto quel termine esatto in quei punti chiave:

Put keywords in the right places

E qui:

Put keywords in the right places

3. Mantenere gli utenti sul sito più a lungo

Una cosa che si vuole evitare è che gli utenti facciano pogare le vostre pagine.

Ma che cos'è il pogosticking?

Il pogosticking è quando un utente di Google fa clic per entrare nel vostro sito e poi "pogosta" indietro ai risultati della ricerca per trovare una fonte migliore che sia effettivamente utile.

Il problema è che Google non "approva" il pogosticking. Quando qualcuno fa pogosting, invia un messaggio forte a Google. Qualcosa del tipo "A questo utente non è piaciuta questa pagina".

E se gli utenti non sono soddisfatti della vostra pagina, Google elimina il vostro posizionamento.

Quindi, come si fa a trattenere gli utenti sul sito più a lungo senza che si perdano d'animo?

In primo luogo, è bene utilizzare molti punti e sottotitoli.

Quando i contenuti sono facili da digerire, le persone trascorreranno più tempo sul vostro sito. Nielsen ha condotto un intero studio sul modo in cui le persone leggono i contenuti web secondo uno schema a forma di "F".

È emerso che i punti e i sottotitoli rendono i contenuti molto più facili da leggere.

Ecco la prova.

Oltre a questi, è necessario includere diverse forme di multimedialità, come ad esempio:

Vedete che era facile da leggere? Ricordate che il vostro obiettivo finale è ottenere conversioni e non solo pagine viste e traffico organico. Più a lungo qualcuno rimane sul vostro sito web, maggiori sono le possibilità di una nuova demo, di una registrazione di prova o di una chiamata al vostro sistema telefonico aziendale.

4. Includere le definizioni "Che cos'è X?

Si tratta di uno dei consigli SEO più trascurati. L'idea è che quando gli utenti cercano un termine di alto livello come "gestione dei metadati", di solito cercano una definizione.

E probabilmente avete notato finora che i risultati sulla prima pagina di Google per i termini di definizione hanno la massima probabilità di rispondere alla domanda "Che cos'è X?".

Ad esempio, se si cerca "metadata management", 2 dei primi 3 risultati rispondono alla domanda: "Che cos'è la gestione dei metadati?":

Include “What is X?” definitions

In questo modo, se puntate a una parola chiave di definizione, assicuratevi che almeno una parte dei vostri contenuti sia dedicata a rispondere alla domanda "Che cos'è X?".

5. Ottenere backlink dalle immagini

Immaginate un mondo in cui i proprietari dei siti web rimandino a voi ogni volta che utilizzano il vostro grafico, video o infografica.

Ma siamo ancora lontani da questa utopia.

Ma c'è ancora qualcosa che possiamo fare. La maggior parte delle persone è felice di inserire un link se glielo si chiede gentilmente.

Se avete intenzione di pubblicare molti contenuti visivi, assicuratevi di dedicare un po' di tempo a questa attività. Prima che ve ne rendiate conto, avrete un sacco di backlink.

Come funziona?

  1. Innanzitutto, trovate una risorsa visiva sul vostro sito. Diciamo che si tratta di un'infografica.
  2. Cliccare con il tasto destro del mouse su "copia indirizzo immagine".
  3. Incollare il nome del file in Google "Ricerca per immagine".
  4. Ed ecco l'elenco completo dei siti web che utilizzano la vostra immagine.

Ora dovete trovare le pagine che utilizzano la vostra immagine per i loro scopi, ma che non forniscono alcun link a voi. Questa operazione potrebbe richiedere un po' di tempo, poiché è necessario controllarle manualmente una per una. Non ci sono scorciatoie per questo.

Mentre li scegliete, inviate a ciascuno un'e-mail amichevole chiedendo loro di aggiungere un link alla fonte dell'immagine originale, cioè voi.

Poi si può usare il Backlink Monitor per vedere se si sono collegati o hanno smesso di collegarsi al vostro sito.

Get backlinks from your visuals

Potete anche fare un passo avanti e utilizzare il Backlink Checker per verificare quali backlink utilizzano i vostri concorrenti.

6. Ottimizzare la grafica

Aggiungere grafici o immagini accattivanti è importante, soprattutto se catturano l'essenza di un argomento. Tuttavia, è necessario tenere conto anche dei motori di ricerca e assicurarsi che la grafica sia ottimizzata.

Ecco alcuni suggerimenti:

  • Accessibilità: Assicuratevi di includere un testo alt descrittivo per ogni immagine. Questo renderà il vostro sito più accessibile agli screen reader e creerà anche l'opportunità di includere altre parole chiave di supporto. Non è consigliabile incorporare elementi di testo essenziali nelle immagini, a meno che non ci sia un altro modo per accedervi.
  • Contesto: Date un contesto alle immagini posizionandole accanto ai contenuti testuali pertinenti della vostra pagina. È sempre meglio posizionare l'immagine più importante in cima alla pagina.
  • Formattazione e dimensioni: Utilizzate il tipo e la dimensione di file immagine più adatti ai vostri visitatori. Se un'immagine è troppo grande, potrebbe rallentare la pagina. Se il file non è supportato, l'immagine non verrà caricata.
  • Collegamenti: Aggiungete nomi descrittivi e stringhe URL logiche per tutte le vostre immagini. Questo aiuta molto a ottimizzare la ricerca organica e rende più facile per gli altri condividere le vostre immagini sui loro siti. Ricordate i backlink visivi?
  • Test per i dispositivi mobili: Ricordate di testare le vostre pagine anche per i dispositivi mobili. Gli utenti sono più propensi a cercare immagini su Google da mobile che da desktop. E quando aprono la pagina dietro l'immagine, è meglio che la vedano ben ottimizzata per la visualizzazione da mobile.

7. Cercare opportunità di guest post

Qualche giorno prima, un collega specialista di contenuti mi ha detto che il guest posting fa parte del 2018. Forse ha ragione, ma c'è una buona ragione per cui il guest posting è rimasto in circolazione così a lungo: perché funziona.

Tuttavia, non tutti i siti funzionano. È necessario trovare quelli che portano molto traffico rilevante.

Per prima cosa, dovete trovare un blogger della vostra nicchia che pubblichi spesso guest post. Prendete la loro foto: potete trovarla accanto alla breve biografia alla fine di un articolo o, meglio ancora, sul loro profilo LinkedIn.

Utilizzatela nella ricerca inversa di immagini di Google e otterrete tutti i siti in cui sono stati ospitati.

Potete usare la stessa tecnica per trovare opportunità di intervista, compresi i podcast. I podcast sono probabilmente una strategia di link-building ancora più sottovalutata delle definizioni "Che cos'è X?". È molto più facile partecipare a un podcast che chiedere, scrivere, modificare e pubblicare un guest post. Il risultato è praticamente lo stesso: si ottiene un backlink proprio come con un guest post.

Ma come trovare podcast rilevanti nella vostra nicchia?

Più o meno nello stesso modo in cui avete trovato i post degli ospiti: utilizzando la ricerca inversa di immagini di Google.

8. Controllare le parole chiave "suggerite

Abbiamo visto come sia possibile utilizzare le parole chiave correlate dai risultati di ricerca di Google. Probabilmente sapete anche che potete usare Google Suggest per trovare parole chiave a coda lunga.

Il fatto è che è possibile utilizzare lo stesso processo con altri motori di ricerca.

Prendiamo ad esempio Wikipedia:

Check for “suggested” keywords (Fonte immagine:)

O YouTube:

YouTube

O anche Bing:

Bing

9. Rimuovere gli elementi della pagina che si caricano lentamente

Il tempo di caricamento della pagina non ha solo un impatto sull'esperienza degli utenti, che tendono a fare pogare e a guadagnarsi penalizzazioni da parte di Google. Ha anche un impatto sulla SEO.

Il Web Audit è uno strumento che assegna un punteggio alla velocità delle pagine per desktop e mobile su una scala da zero a 100. Se la vostra pagina si carica troppo lentamente, è probabile che ci siano elementi della pagina che potete rimuovere per ridurre il tempo di caricamento.

Questo strumento è in grado di scansionare tutte le vostre pagine in una sola volta per individuare eventuali problemi, fornendo indicatori di urgenza e approfondimenti praticabili. È di grande aiuto perché consente di affrontare i problemi più gravi e di migliorare prima il posizionamento del sito.

I tempi di caricamento rapidi e l'esperienza utente senza soluzione di continuità sono importanti anche nell'ottimizzazione delle proposte commerciali basate sul web. Per ottenere i migliori tassi di conversione, i moduli di proposta devono offrire la stessa UX sia sui dispositivi desktop che su quelli mobili.

10. Rimuovere le pagine zombie

Le pagine zombie sono quelle pagine del vostro sito web che non portano traffico. Si limitano a rimanere lì.

Eliminandoli, è possibile ottenere un posizionamento più elevato e un maggiore traffico su Google.

C'è un caso famoso di un sito di e-commerce che ha ottenuto un aumento del 31% del traffico sui motori di ricerca dopo aver curato 11k pagine di prodotti!

Come funziona?

In parole povere, a Google non interessa classificare i siti che sono sovraccarichi di contenuti deboli e di bassa qualità.

In realtà hanno detto che preferirebbero avere una pagina forte invece di molte pagine più deboli.

Remove zombie pages

Eliminate questi zombie e vedrete come le vostre classifiche cresceranno. Come? Utilizzando il Rank Tracker per ottenere aggiornamenti sulle classifiche globali, nazionali e locali su desktop o mobile.

Conclusione

Se volete attirare visitatori e generare contatti, avete bisogno della SEO. Anche per gli esperti, sfruttare al meglio le tattiche e le strategie SEO è un processo di apprendimento costante, poiché le regole e le best practice cambiano continuamente. Se non sapete da dove cominciare, utilizzate lo strumento Web Audit di Ranktracker per valutare lo stato di salute del vostro sito e dare priorità ai passi più urgenti.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker