• Imparare il SEO

SEO per i siti a iscrizione con contenuti dietro un paywall

  • Joe Curmi
  • 1 min read
SEO per i siti a iscrizione con contenuti dietro un paywall

Introduzione

Se avete deciso di introdurre un paywall nel vostro sito web, congratulazioni! Siete sulla buona strada per generare entrate aggiuntive dai vostri contenuti. Negli ultimi tempi sempre più siti web di notizie scelgono questa strategia di monetizzazione. Grandi nomi come FT.com, independent.co.uk e theathletic.com utilizzano questo modello di abbonamento da anni con grande successo. Si tratta quindi di un modello collaudato.

Ma come si fa a garantire che i contenuti a pagamento siano ancora visibili ai motori di ricerca? Dopo tutto, i contenuti a pagamento sono scritti anche per i motori di ricerca, non solo per gli esseri umani! È quindi essenziale che l'ottimizzazione tecnica per i motori di ricerca (SEO) sia implementata come parte del marketing dei contenuti a pagamento. Se uno schema specifico non viene implementato correttamente, i motori di ricerca potrebbero trattare i contenuti paywalled come cloaking e le vostre pagine web potrebbero subire una penalizzazione per cloaking. Continuate a leggere per saperne di più sugli schemi specifici da implementare e sul cloaking.

Che cos'è un paywall?

Un paywall è un modo per i creatori di contenuti di guadagnare dai loro contenuti online. Funziona limitando l'accesso ai contenuti dietro un paywall, in modo che solo chi paga o si abbona possa leggerli. Questo può essere fatto con un paywall completo, in cui tutti i contenuti sono dietro il paywall, o con un paywall misurato, in cui alcuni contenuti sono disponibili gratuitamente, ma altri sono dietro il paywall.

Perché mettere i contenuti dietro un paywall?

Mettere i vostri contenuti dietro un paywall è un modo per monetizzare i vostri contenuti. Ma non solo: vi dà anche accesso a lead più qualificati, poiché le persone disposte a fornirvi i loro dati personali sono di solito più interessate a ciò che avete da dire. Inoltre, può aiutarvi a segmentare e a fare upselling sul vostro pubblico, dato che si è già auto-selezionato pagando per i vostri contenuti. Infine, i contenuti a pagamento sono percepiti come più preziosi. Tuttavia, un numero minore di persone scoprirà il vostro sito web se le vostre pagine non sono visibili ai motori di ricerca. Perché? Se i motori di ricerca non riescono a trovare il contenuto di una pagina, questa non si posizionerà. Le pagine con un contenuto scarso faranno fatica a posizionarsi nei motori di ricerca.

Inoltre, dovete assicurarvi che i contenuti che offrite valgano il prezzo d'ingresso; se non lo sono, le persone saranno meno propense a pagarli. Oppure potrebbero abbonarsi e disdire dopo pochi mesi.

Diversi tipi di modelli di contenuti a pagamento

Esistono 3 tipi di modelli di contenuti paywall:

1. Paywall freemium

Offrono gratuitamente alcuni contenuti di base, ma richiedono il pagamento di contenuti premium e più approfonditi. Questo modello consente agli utenti di assaggiare i contenuti prima di decidere se abbonarsi o meno. Un esempio di paywall freemium è The Guardian, che offre alcuni articoli gratuitamente. Tuttavia, è necessario pagare 30 dollari al mese per ottenere contenuti premium di analisi delle notizie senza pubblicità.

Freemium Paywalls

2. Metered Paywall o Soft Paywall

Consentono agli utenti di accedere gratuitamente a una certa quantità di contenuti prima di richiedere un pagamento. Di solito si tratta di 3-5 contenuti al giorno. Questo modello consente ai lettori di familiarizzare con i contenuti premium prima di decidere se abbonarsi o meno. Il New York Times è un esempio di metered paywall e dispone di un sistema dinamico che consente di regolare l'importo che viene addebitato ai lettori per ogni articolo.

3. Pareti a pagamento rigide

Questi tipi di siti web non offrono contenuti gratuiti e richiedono un pagamento da parte degli utenti per accedere ai contenuti. Questo modello è tipicamente utilizzato da pubblicazioni che offrono contenuti unici o di nicchia che non possono essere trovati altrove. Il Wall Street Journal è un esempio di successo di contenuto hard paywall.

Quale modello di contenuto a pagamento è il migliore?

Prima di considerare l'implementazione di un paywall nel vostro sito web, valutate attentamente i pro e i contro. Fate i conti. Quest'anno il New York Times ha raggiunto i 10 milioni di abbonati. L'11% delle entrate dell'azienda (351,2 milioni di dollari) proviene dagli abbonati. L'anno scorso il servizio di lettura in abbonamento senza pubblicità del Guardian ha generato entrate per 68,7 milioni di sterline grazie a 961.000 abbonati. Questo volume di ricavi non sarebbe possibile con gli annunci pubblicitari.

John Muller di Google sui contenuti a pagamento

John Mueller, Webmaster Trends Analyst di Google, ha recentemente parlato della questione dei paywall e di come questi influenzino il crawling e l'indicizzazione dei contenuti da parte di Google. Mueller ha affermato che, sebbene i contenuti a pagamento non siano visibili agli utenti, possono comunque essere visibili ai web crawler. Pertanto, non c'è da preoccuparsi se Google non è in grado di vedere i contenuti a pagamento. Inoltre, Mueller conferma che il fatto che alcuni contenuti si trovino dietro a un paywall non significa automaticamente che Google li consideri come contenuti di scarso valore.

In definitiva, Google tratta tutti i contenuti allo stesso modo, indipendentemente dal fatto che si trovino o meno dietro un paywall. Questa è una buona notizia per gli editori che si affidano ai paywall per generare entrate. In un video di Office Hours, John Muller conferma che "il contenuto del paywall non è una delle cose che Google mostrerebbe come uno specifico tipo di risultato ricco". Consiglia di verificare questo aspetto creando una pagina di prova o eseguendo un normale test di ispezione dell'URL utilizzando lo strumento Mobile Friendly Test di Google o all'interno di Google Search Console.

Affinché i vostri contenuti siano ottimizzati dal punto di vista SEO e vengano scoperti dai motori di ricerca, dovete seguire i seguenti passaggi per sviluppare una strategia SEO per i contenuti a pagamento:

SEO per i contenuti a pagamento - Guida all'implementazione passo dopo passo

1. Non aggiungere l'Archivio

L'aggiunta del tag noarchive <meta name="robots" content="noarchive"> al vostro sito web richiede ai motori di ricerca di non memorizzare nella cache i vostri contenuti. Ciò significa che il contenuto sarà disponibile solo per gli abbonati che hanno effettuato l'accesso. Il noarchive è importante perché non si vuole che i contenuti dietro un paywall vengano indicizzati e scoperti da persone che non sono abbonati.

2. Creare il markup Schema dell'articolo

Aggiungete i dati strutturati dell'articolo ai vostri articoli di notizie o blog, per aiutare i motori di ricerca a capire il tipo di contenuto che state pubblicando. Si tratta di un pezzo di codice che gli sviluppatori devono aggiungere alle pagine web per aiutare Google a comprendere meglio i contenuti. È possibile creare facilmente i dati strutturati degli articoli utilizzando strumenti come questo schema builder.

Google ha creato isAccessibleForFree per i dati strutturati dei dataset. In pratica, questo consente di comunicare a Google se il contenuto è accessibile gratuitamente o se è necessario pagare per accedervi. Per i contenuti a pagamento, aggiungere " isAccessibleForFree": "False" ai vostri dati strutturati. Ecco un esempio tratto da una pagina del Washington Post

Create the Article Schema Markup

Se si utilizza AMP con dati strutturati, la pagina può essere idonea per il carosello Top stories, le storie visive e i risultati ricchi nei risultati di ricerca mobile. La vostra pagina potrebbe anche essere idonea per le FAQ, i video, le istruzioni per l'uso, gli elenchi e i featured snippet di immagini.

Se si utilizza una pagina web nonAMP con dati strutturati, con risultati ricchi, Google

possono comprendere la pagina web in modo più approfondito e migliorare la vostra presenza nei motori di ricerca.

3. Aggiungere un nome di classe intorno al contenuto a pagamento

Il terzo e ultimo passo consiste nell'aggiungere un nome di classe intorno a ogni sezione a pagamento della pagina per indicare quale parte del contenuto non è accessibile gratuitamente. Ecco un esempio di come utilizzare la classe Nane per i contenuti a pagamento e non a pagamento della stessa pagina:

    <body>
&lt;div class=&quot;non-paywall&quot;&gt;.

&lt;p&gt;Questo contenuto è al di fuori di un paywall ed è visibile a tutti.&lt;/p&gt;

&lt;/div&gt;

&lt;div class=&quot;paywall&quot;&gt;Questo contenuto è all'interno di un paywall e richiede un abbonamento o una registrazione.&lt;/div&gt;

&lt;/body&gt; 

Questo aiuta i motori di ricerca a capire quali sezioni dell'articolo sono nascoste dietro un paywall e quali sono visibili a tutti.

Google ha una sezione dedicata a questo nome di classe, qui.

Evitare una penalità di occultamento

Il cloaking si verifica quando un sito web mostra un contenuto specifico all'utente e un contenuto completamente diverso ai motori di ricerca. Implementando correttamente il Nome della classe di cui sopra, i motori di ricerca comprenderanno appieno la vostra strategia paywalled e il vostro sito web sarà al sicuro da qualsiasi penalizzazione per cloaking.

Ulteriori suggerimenti:

  • Consentite solo ai bot verificati di eseguire il crawling del contenuto completo, cioè del contenuto a pagamento. È possibile bloccare qualsiasi bot indesiderato nel file robots.txt aggiungendo questa regola;

      Agente utente: omgilibot_
      _Disallow: /_
    

Sostituire omgilibot con qualsiasi altro bot che si desidera bloccare.

  • Per verificare il markup Schema e assicurarsi che Google possa vedere l'intero contenuto, eseguire alcune pagine nello strumento di test Google Rich Results. Questo strumento mostra se ci sono errori di marcatura Schema e rivela anche come viene reso il vostro contenuto. Fate una semplice ricerca nella sezione HTML dello strumento per qualsiasi contenuto a pagamento e vedrete se Google è in grado di scoprire il contenuto o meno.

To test your Schema Markup and make sure Google can see the full content

  • E mentre siete nello strumento Google Rich Results, controllate la sezione Altre informazioni per verificare se le risorse della pagina non possono essere caricate o se ci sono altri errori nella pagina.
  • Utilizzate le parole chiave in modo strategico in tutti i vostri contenuti per garantire che siano ancora reperibili da chi li sta cercando.
  • Promuovete alcuni dei vostri contenuti a pagamento attraverso i social media o altri canali per portare traffico al vostro sito.
  • Offrite una varietà di opzioni di abbonamento per attirare diversi lettori.
  • Soprattutto, fornite contenuti di qualità per i quali valga la pena pagare! Se il valore è alto, i vostri lettori saranno più propensi ad abbonarsi.

Per concludere

Un paywall è un modo per i creatori di contenuti di guadagnare dai loro contenuti online. Funziona limitando l'accesso ai contenuti dietro un paywall, in modo che solo chi paga o si abbona possa vederli. Sebbene l'implementazione di una strategia SEO per i contenuti a pagamento possa intimidire un po' chi non l'ha mai fatto prima, i vantaggi valgono lo sforzo. E come abbiamo detto in questo articolo, bastano 3 passi per diventare conformi ai motori di ricerca.

Seguendo le linee guida di Google, aumenterete le possibilità di posizionarvi meglio nelle SERP e di aumentare il traffico verso il vostro sito web.

Scegliere tra paywall freemium, hard e metered è una decisione su cui riflettere attentamente. Nel complesso, i grandi media hanno dimostrato che i vantaggi dei paywall superano gli svantaggi. Si tratta di una strategia già collaudata da migliaia di siti web e genera entrate consistenti per i creatori di contenuti. Inoltre, contribuisce a migliorare la qualità del giornalismo.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker