• Media sociali

Social Media o classifiche di ricerca? Dove puntare i vostri soldi

  • Felix Rose-Collins
  • 1 min read
Social Media o classifiche di ricerca? Dove puntare i vostri soldi

Introduzione

Social media marketing contro SEO. È un dilemma sempre più rilevante che i proprietari di aziende devono affrontare. A quale dei due dare la priorità? Quale dei due funzionerà meglio, se mai funzionerà?

Tutte grandi domande. E sono tutte domande importanti.

Ammettiamolo. L'ideale sarebbe che tutti noi, come imprenditori, avessimo a disposizione budget di marketing illimitati da riversare su quanti più canali possibili. Ma sappiamo tutti che raramente è così.

È necessario prendere decisioni difficili per allocare i fondi di marketing ai canali giusti, di solito quelli che offrono il più forte ritorno sull'investimento (ROI).

Vi aiuteremo ad affrontare i punti di forza e di debolezza di ciascuna strategia e, in definitiva, a scegliere il mezzo di comunicazione migliore per voi.

SEO Pros (Fonte: Pixabay)

Professionisti SEO

Entriamo subito nel vivo valutando la SEO da un punto di vista ampio.

Se per convertire il vostro pubblico in clienti bastasse l'unica fonte che è il vostro sito web, sareste a posto. Se solo tutto il vostro pubblico fosse già a conoscenza della vostra presenza online e sapesse esattamente come trovarvi attraverso il vostro sito web.

Ma no, non è mai così semplice. Per essere competitivi, è necessario promuovere in modo proattivo la consapevolezza della vostra esistenza e stimolare la considerazione del valore che offrite.

I SEO sanno che è necessario uno sforzo concertato per posizionare il proprio marchio davanti al pubblico. Il trucco consiste nel sapere chi fa parte del vostro pubblico prima ancora che lui stesso sia consapevole di farne parte.

Per aumentare la vostra posizione nella pagina dei risultati dei motori di ricerca (SERP) è possibile utilizzare tutta una serie di tattiche SEO. Vediamo ora l'oggetto di queste tattiche:

  • È più universale - Il numero di utenti dei motori di ricerca supera di gran lunga il numero di utenti di qualsiasi piattaforma di social media. Concentrandovi sulle classifiche di ricerca, sarete accessibili a un pubblico molto più vasto attraverso uno spazio unificato.
  • È più conveniente - Rispetto ai posizionamenti a pagamento sui social media, le attività SEO sono in genere più accessibili e i margini di ROI possono essere molto più forti rispetto ai canali sociali a pagamento.
  • È duraturo - Sebbene il problema comune sia che la SEO richiede tempo per svilupparsi e vedere i risultati, il suo effetto ha una forza duratura che può essere fondamentale per stabilire un marchio credibile per un lungo periodo di tempo.
  • Costruisce l'autorità - I consumatori sono spesso molto incoraggiati quando il vostro marchio si posiziona in alto nella SERP. Questo li aiuta a credere che il marchio sia una soluzione valida e affidabile.
  • È simbiotico con il SEM a pagamento - Il marketing a pagamento sui motori di ricerca, come Google Ads, va di pari passo con il SEO ed è un ottimo modo per utilizzare le ricerche impegnate nel SEO. Le parole chiave SEO spesso si prestano agli annunci SEM a pagamento e viceversa. Google fornisce anche strumenti per gli inserzionisti, presentando dati sui volumi di ricerca a pagamento per parole chiave che possono essere utilizzati per la SEO.

Facebook app (Fonte: Pexels)

Professionisti dei social media

I social media traggono vantaggio da vari posizionamenti (ad esempio, TikTok, Snapchat, Facebook, LinkedIn, Instagram, YouTube, Twitter, Pinterest, ecc.)

Come per la SEO, anche per costruire un seguito su una piattaforma sociale può essere necessario del tempo. Tuttavia, il risultato di tale seguito può produrre un coinvolgimento molto appassionato da parte del vostro pubblico.

Questo è il bello delle piattaforme sociali: la possibilità di interagire con i clienti al di là della semplice transazione, ma anche con l'aspetto della comunità e della condivisione.

Diamo un'occhiata ad alcuni pro:

  • È focalizzato - Piattaforme sociali come Facebook, LinkedIn e Instagram possono avere modelli di attività molto deliberati da parte dei loro utenti. Scegliendo di coinvolgere quegli utenti, avrete accesso a molte informazioni su ciò che cercano in base ai dati di audience relativi alla piattaforma.
  • È ottimo per la consapevolezza del marchio - Molti nuovi marchi mettono le loro prime radici nell'occhio pubblico attraverso le piattaforme sociali. Favorire la brand awareness può essere un primo passo fondamentale per far conoscere la propria offerta al pubblico.
  • Può essere un canale commerciale - Alcune piattaforme sociali dispongono di vetrine che consentono ai marchi di vendere prodotti direttamente dalla piattaforma senza dover visitare il loro sito web.
  • Può creare fedeltà al marchio - Quando un cliente è in contatto con il vostro marchio sui social media, inizia a sentirlo come una parte quotidiana della sua vita. Si affezionano al vostro marchio perché vi vedono come una soluzione che li ha aiutati o potrebbe aiutarli a risolvere un problema.
  • Può sviluppare la comunità - Ad esempio, gli appassionati di ciclismo amano sapere che l'azienda da cui hanno appena acquistato la loro nuova mountain bike professionale ha a cuore lo sport che amano. Vogliono immergersi nella comunità e condividere con gli altri il loro nuovo acquisto. Allo stesso modo, amano vedere cosa fanno gli altri biker che si divertono con questo sport. Un marchio intelligente e attento parteciperà a questi dialoghi e aiuterà a condurre la narrazione.

Contro SEO

Esaminiamo alcuni degli ostacoli che la SEO può creare.

  • Civuole un po' di tempo per vedere i risultati - La SEO può spesso richiedere mesi per iniziare a vedere indicazioni tangibili di progresso. È un gioco lungo che richiede pazienza.
  • Può essere troppo competitiva - A seconda della vostra verticale, le parole chiave di ricerca possono essere più o meno competitive. Più una parola chiave è competitiva, minore è la probabilità di ottenere un posizionamento elevato per quella parola chiave. Per fortuna, abbiamo uno strumento utile per identificare la competitività delle parole chiave di ricerca.
  • Richiede uno sforzo costante per essere mantenuto - La SEO non è qualcosa che si può "impostare e dimenticare". Ha bisogno di un'attenzione costante per prosperare. Se passate troppo tempo senza aggiornamenti significativi, i motori di ricerca finiranno per considerare il vostro sito come stantio e gli daranno meno priorità nelle SERP.
  • È più unidirezionale che bidirezionale - Mentre i social media enfatizzano la comunicazione con il pubblico, la SEO è più statica nella sua messaggistica. I social media creano una scena di interazione dinamica, mentre un utente che trova il vostro sito sul web vi scopre da solo. Questo può sembrare, a volte, meno relazionale.

Contro i social media

Esaminiamo ora alcuni dei principali svantaggi dei social media come mezzo di comunicazione.

  • L'esposizione è di solito minore - Prima abbiamo sottolineato che un aspetto positivo dei social media è la loro natura più mirata. Ogni piattaforma può avere concentrazioni minori del vostro pubblico, poiché non tutti i membri del pubblico possono essere presenti su ogni piattaforma.
  • Può diventare uno spazio negativo - I siti di social media, in fin dei conti, sono come dei forum pubblici. Le persone possono esprimere quasi tutto ciò che vogliono sulla vostra azienda, sia in positivo che in negativo. Se non viene monitorata attentamente, la vostra reputazione può essere danneggiata da utenti infelici e scortesi.
  • Richiede una risposta più urgente - È buona norma interagire con gli utenti sui social media il più spesso possibile, e questo può accadere in qualsiasi momento. Può essere dispendioso rispondere ai commenti e ai post degli utenti quando questi sono impegnati con il vostro marchio.

Considerations For Which To Use (Fonte: Pixabay)

Considerazioni su quale utilizzare

Bene, avete un budget limitato per il marketing. State cercando di decidere quale sia la strada migliore per voi.

L'ideale sarebbe dividere le spese di marketing e applicarle a entrambe le strategie. È meglio testare ciascuna di esse e capire dai risultati quale sia il motore più forte per la generazione di lead o di vendite.

Tuttavia, diciamo che prima si vuole fare un'analisi più predittiva. È possibile applicare alcune riflessioni basate sulla propria verticale per arrivare alla soluzione che darà i risultati più significativi.

Dovete conoscere il vostro pubblico. Conoscere il vostro pubblico vi aiuterà enormemente ad anticipare la strategia migliore per la vostra situazione.

Chiedetevi: "A quale fase del buyer's journey sto cercando di fare appello per il mio pubblico?".

Le piattaforme dei social media sono un ottimo spazio per le fasi di consapevolezza del percorso dell'acquirente. Ma tendono a essere più deboli nella fase di considerazione e decisione.

In genere, un utente viene a conoscenza del vostro prodotto o servizio attraverso i social media. Questo è il potere di persistenza che il coinvolgimento nei social media può innescare. Forse non sono ancora pronti a prendere una decisione, ma voi vi siete almeno imposti nella loro mente con la speranza che si ricordino di voi quando saranno pronti a farlo in seguito.

È qui che entra in gioco una forte SEO a supporto della ricercabilità del vostro sito web. Armare il vostro sito web come generatore di lead può tendere all'intero imbuto di vendita, dalla consapevolezza iniziale alla considerazione e infine alla decisione di acquisto.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi, quando si cerca di indirizzare il traffico verso il sito, è più semplice se i clienti sanno già che hanno bisogno di un bene o di un servizio specifico. Quando ciò accade, volete essere il marchio che è in prima linea nella loro mente.

Quando l'utente si reca su Google per cercare l'argomento, anche se il vostro sito web compare in seconda o terza posizione, avrete già fatto pressione per ottenere la sua notorietà attraverso i posizionamenti sui social media. A quel punto avrà un pregiudizio interno verso il vostro marchio semplicemente perché vi conosce meglio di altri marchi.

Mettere tutto insieme

Forse i social media sono semplicemente un mezzo per raggiungere un fine, supportando il vostro SEO. Forse è solo un punto di contatto lungo il percorso che un utente compie per arrivare al vostro marchio come soluzione scelta. O forse è il punto di vendita del vostro prodotto, la fine dell'imbuto.

Al contrario, forse vi rivolgete a un pubblico più curioso, il tipo di utente che vuole conoscere tutte le opzioni. In questo caso, rendere il vostro sito in primo piano sui motori di ricerca può aiutarli ad andare al sodo.

Conoscere il pubblico, i suoi problemi e il modo in cui cerca di risolverli è fondamentale per decidere se concentrarsi sui social media o sulle classifiche di ricerca.

Felix Rose-Collins

Felix Rose-Collins

is the Co-founder of Ranktracker, With over 10 years SEO Experience . He's in charge of all content on the SEO Guide & Blog, you will also find him managing the support chat on the Ranktracker App.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker