• Statistiche

Il numero 58 di statistiche sul lavoro a distanza

  • Felix Rose-Collins
  • 1 min read
Il numero 58 di statistiche sul lavoro a distanza

Introduzione

La pandemia di Covid ha cambiato molti modelli di lavoro in tutto il mondo. La tecnologia ha permesso di lavorare a distanza per un lungo periodo, ma la pandemia ha mostrato i vantaggi sia per le aziende che per i dipendenti. Tuttavia, alcune aziende non si rendono conto di come utilizzare al meglio il lavoro a distanza. Ecco quindi alcune statistiche sul lavoro a distanza che possono aiutare i dirigenti a prendere decisioni aziendali efficaci.

Statistiche generali

  • Il 16% delle organizzazioni assume esclusivamente lavoratori a distanza.
  • Dal 2005 si è registrato un aumento del 140% di coloro che lavorano da casa.
  • Attualmente sono 4,3 milioni i dipendenti statunitensi che lavorano da casa per almeno il 50% del tempo.
  • Il telelavoro è aumentato del 115% negli ultimi dieci anni.
  • Nel 2022, il 38% della forza lavoro è costituito da millennial e generazione Z. Entro il 2028, essi rappresenteranno più della metà (58%) della forza lavoro.
  • I telelavoratori riducono le emissioni di gas serra di circa 10 milioni di automobili all'anno.
  • L'86% dei lavoratori a distanza ritiene che lavorare da soli migliori la produttività.
  • Solo il 4% dei lavoratori a distanza lavorerà in un bar.
  • Tre quarti dei dipendenti che lavorano da remoto (75%) dichiarano di non farsi rimborsare la connessione internet da casa dal datore di lavoro.

Vantaggi del lavoro a distanza per le organizzazioni

  • Le aziende che consentono ai dipendenti di lavorare da remoto, almeno a tempo parziale, registrano un turnover dei dipendenti inferiore del 25%.
  • Oltre tre quarti (76%) dei dipendenti resteranno in un'organizzazione se potranno avere orari di lavoro più flessibili.
  • I dipendenti del settore vendite hanno il 66% di probabilità in più di lavorare da remoto.
  • Il 21% dei dipendenti rinuncerebbe a parte delle ferie per ottenere un orario di lavoro flessibile.
  • Più di un quarto dei dipendenti (28%) accetterebbe una riduzione del 10-20% della retribuzione per avere maggiore flessibilità di orario e lavorare da remoto.
  • Il 20% dei dipendenti rinuncerebbe alle prestazioni pensionistiche per lavorare a distanza.
  • Meno della metà (44%) dei lavoratori a distanza con ferie illimitate prenderà solo due o tre settimane di ferie all'anno.
  • Un lavoratore remoto su dieci, con ferie illimitate, prende solo una settimana di ferie.
  • Un lavoratore remoto su venti con ferie illimitate farà meno di una settimana di vacanza all'anno.
  • Consentire il lavoro a distanza può far risparmiare ai datori di lavoro 11.000 dollari all'anno in costi per i dipendenti (spazio in ufficio, elettricità e altro).

Vantaggi del lavoro a distanza per i dipendenti

Benefits of Remote Work for Employees

  • Il 40% dei dipendenti ritiene che il miglior vantaggio del lavoro da remoto sia la flessibilità degli orari.
  • I dipendenti che lavorano almeno un giorno al mese saranno il 24% più felici e produttivi.
  • Il 75% dei dipendenti ritiene che ci siano meno distrazioni quando si lavora da remoto.
  • Poco meno di tre quarti dei lavoratori a distanza (74%) lavora da casa per allontanarsi dai colleghi.
  • Il rumore dei colleghi infastidisce il 60% dei lavoratori.
  • Il 97% dei lavoratori vorrebbe avere un piano di lavoro flessibile.
  • L'86% dei dipendenti ritiene che il lavoro a distanza ridurrà i livelli di stress.
  • Il 77% dei dipendenti ritiene che il lavoro a distanza possa migliorare la propria salute generale.
  • Quasi un terzo dei dipendenti (30%) desidera poter lavorare da qualsiasi luogo.
  • Più di un dipendente su nove (14%) utilizzerebbe condizioni di lavoro flessibili per trascorrere più tempo con le proprie famiglie.
  • Lavorando a distanza per il 50% del tempo, i dipendenti possono risparmiare 11 giorni di tempo all'anno non dovendo recarsi in ufficio.
  • I telelavoratori sono pagati 4.000 dollari in più rispetto ai lavoratori in ufficio in termini reali.
  • I telelavoratori risparmiano più di 44 miliardi di dollari all'anno in costi di pendolarismo e altri costi legati al lavoro.
  • Il 35% dei dipendenti ritiene che il lavoro a distanza offra una migliore qualità dell'impiego.
  • Poco meno di due terzi dei dipendenti (65%) pensano di lavorare meglio quando sono a casa.
  • Il 18% dei dipendenti ha i costi di Internet a casa coperti interamente dal datore di lavoro, mentre il 7% li copre parzialmente.

Statistiche sugli utilizzatori del lavoro a distanza

  • Il 44% delle aziende ha politiche occupazionali che non consentono il lavoro a distanza.
  • Nel 2022, il 40% in più di aziende offrirà lavoro da remoto rispetto al 2017.
  • Lepiccole imprese sono più propense a scegliere lavoratori remoti a tempo pieno.
  • Entro il 2028, il 73% di tutti i reparti aziendali assumerà lavoratori a distanza.
  • Entro il 2028, un terzo di tutti i lavoratori sarà completamente a distanza.
  • Il 52% dei lavoratori lavora da casa almeno una volta alla settimana, in tutto il mondo.
  • Solo il 32% dei dipendenti non ha mai lavorato in remoto.
  • Gli uomini hanno l'8% in più di probabilità di lavorare a distanza rispetto alle donne.
  • Il 69% dei millennial rinuncerebbe ad altri benefit lavorativi per avere condizioni di lavoro più flessibili.
  • Poco più della metà (51%) dei marchi offre ai propri dipendenti almeno una parte del lavoro a distanza.

Problemi con il lavoro a distanza

  • Più di un lavoratore remoto su cinque (22%) ritiene che staccare la spina dopo il lavoro sia la sfida più grande.
  • Poco meno di un dipendente su cinque (19%) ritiene che la solitudine sia la sfida più grande quando lavora da casa.
  • Il 17% dei lavoratori a distanza ritiene che il proprio stile di lavoro non consenta la normale comunicazione e collaborazione tra uffici.
  • Mentre il 51% dei datori di lavoro consente ufficialmente ai dipendenti di lavorare da remoto, solo il 27% lo fa effettivamente.
  • I lavoratori completamente a distanza sono impegnati solo al 30% nel loro lavoro, ma si tratta dello stesso livello di impegno di coloro che non hanno mai lavorato a distanza.
  • Coloro che lavorano da remoto tre o quattro volte alla settimana saranno i più impegnati nel loro lavoro (41% di impegno).
  • Il brainstorming è il tipo di riunione più impegnativo quando si tratta di lavoro a distanza.
  • Le riunioni one-to-one e stand-up sono i tipi di riunione meno impegnativi.
  • Solo il 3% dei lavoratori a distanza ritiene di essere meno produttivo quando lavora da casa.

Spostamento dei ruoli

  • Quasi tre dipendenti su quattro cambierebbero azienda se venisse loro offerto un lavoro flessibile e a distanza.
  • L'85% dei dipendenti ritiene che il proprio datore di lavoro dovrebbe fornire loro la tecnologia e le attrezzature necessarie per lavorare a distanza.
  • Il 77% dei futuri dipendenti ritiene che la possibilità di lavorare da casa almeno un giorno alla settimana sia il miglior incentivo.

Parola finale

Il lavoro a distanza è sicuramente una tendenza destinata a crescere in futuro. I vantaggi per i datori di lavoro e per i dipendenti derivanti dall'adattamento della gestione del tempo sono così tanti che si tratta di un'opportunità da non perdere. Se le aziende non offrono il lavoro a distanza, potrebbero trovarsi con una carenza di personale, dato che molti nuovi dipendenti cercheranno probabilmente un impiego presso i marchi che offrono questa eccellente opportunità.

Felix Rose-Collins

Felix Rose-Collins

is the Co-founder of Ranktracker, With over 10 years SEO Experience . He's in charge of all content on the SEO Guide & Blog, you will also find him managing the support chat on the Ranktracker App.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker