• Sicurezza informatica

Quale impatto ha la sicurezza informatica sulla SEO?

  • Felix Rose-Collins
  • 1 min read
Quale impatto ha la sicurezza informatica sulla SEO?

Introduzione

Una tipica strategia SEO è composta da diverse parti in rapida evoluzione: state effettuando una ricerca approfondita sulle parole chiave, ad esempio? State inserendo meta tag ottimizzati nei vostri contenuti? Vi state concentrando sulla creazione di backlink verso il vostro sito? Se siete esperti di SEO, saprete che tutti questi elementi, insieme a molti altri, sono essenziali per una SEO di successo.

Ma scommettiamo che non avete considerato la _cybersecurity _come uno dei pilastri della vostra strategia SEO? Naturalmente, la sicurezza degli utenti e la protezione dei dati sono raramente di competenza di un team SEO, ma è bene almeno apprezzare e comprendere l'importanza della sicurezza dei siti web quando si tratta di SEO.

Ma in che modo la cybersecurity influisce sulla capacità di un sito web di posizionarsi nelle SERP di Google e degli altri motori di ricerca?

Esploriamo i modi in cui SEO e cybersecurity sono inestricabilmente legati, prima di offrire alcuni consigli di sicurezza essenziali per salvaguardare la vostra strategia SEO.

In che modo la cybersicurezza influisce sulla SEO?

I motori di ricerca penalizzano i siti non sicuri

Google e gli altri motori di ricerca attribuiscono una notevole importanza all'esperienza utente (UX) - che comprende l'interattività, la stabilità visiva, le prestazioni di caricamento e la facilità di utilizzo da parte dei dispositivi mobili - nel determinare il posizionamento dei siti web all'interno delle loro SERP, e la sicurezza è un elemento chiave di questo aspetto. Già nel 2014 Google aveva annunciato di aver iniziato a "prendere in considerazione se i siti utilizzano connessioni sicure e crittografate come segnale nei [suoi] algoritmi di ranking di ricerca" e, sebbene questo sia considerato un segnale "leggero", potrebbe comunque rivelarsi uno "spareggio" nel determinare la posizione in classifica di due siti altrimenti equivalenti.

Quando un sito web riporta la dicitura HTTPS (anziché semplicemente HTTP) all'inizio dell'indirizzo web, indica ai motori di ricerca che la connessione al sito è crittografata e che la navigazione è sicura per l'utente. Questo risultato si ottiene grazie a un certificato SSL (di cui parleremo più avanti), che non solo contribuisce a migliorare le classifiche di ricerca, ma aumenta anche il tasso di clic degli utenti, ispirando loro fiducia. Se invece è vero il contrario e il vostro sito non dispone di una connessione HTTPS sicura, è improbabile che si crei traffico organico per due motivi: Google potrebbe considerarlo poco sicuro e assegnargli una posizione bassa, mentre gli utenti potrebbero diffidare dal visitarlo.

I bot malevoli possono causare errori di crawling

Una parte significativa del traffico del vostro sito web proverrà probabilmente da bot (spider bot, scraper bot e così via) e, sebbene molti di questi non rappresentino un rischio per la sicurezza, si ritiene che oltre un quarto di tutto il traffico del sito web sia costituito da bot con scopi più _nefasti. I "bot cattivi" possono introdurre tutti i tipi di minacce, dal denial-of-service all'estrazione di dati, ma anche se i loro tentativi non vanno a buon fine, le visite continue dei bot cattivi possono interferire con i bot legittimi dei motori di ricerca che effettuano il crawling del vostro sito.

Attività ripetitive e automatizzate da parte di bot non corretti possono introdurre errori di crawling che impediscono ai bot dei motori di ricerca di indicizzare o trovare le vostre pagine. Se un motore di ricerca incontra un errore durante il crawling del vostro sito, tornerà indietro e cercherà di trovare un'altra "via d'accesso". Ciò potrebbe comportare che una o più pagine vengano crawlate più del necessario, oppure che alcune pagine non vengano crawlate affatto, il che renderebbe di fatto il contenuto "non classificabile" che non verrà mai visualizzato nelle SERP.

I tempi di inattività prolungati possono danneggiare le classifiche

La sola menzione del termine _downtime _può far sudare freddo qualsiasi proprietario di un sito web, poiché spesso può comportare una significativa perdita di fatturato e un danno alla reputazione. Più di tre quarti delle aziende di tutto il mondo hanno subito almeno un downtime del servizio nell'ultimo anno, il 56% dei quali è stato attribuito a un attacco interno o esterno (come illustrato di seguito). Se un'azienda è vittima di un grave attacco informatico, come un DDoS (Distributed Denial-of-Service), questo può comportare ore o addirittura giorni di indisponibilità del sito web in attesa che la situazione venga risolta.

Extended downtime can hurt rankings (Immagine: Atlas VPN)

È inevitabile che un periodo di inattività prolungato abbia un impatto significativo sul vostro posizionamento nelle ricerche, e non solo durante il periodo di indisponibilità. Se il vostro sito è inattivo quando "Googlebot" tenta di scansionarlo, riceverà un errore di codice di stato 500 HTTP. Questo non dovrebbe avere un impatto eccessivo finché il problema del downtime viene risolto alla visita successiva di Googlebot, ma se quest'ultimo incontra ripetutamente un errore 500 a causa di un downtime prolungato, potrebbe tentare di effettuare il crawling del sito con minore frequenza, danneggiando potenzialmente la capacità del sito di posizionarsi.

Il vostro sito potrebbe essere vittima di un attacco di spam SEO

Una minaccia più diretta alla vostra strategia SEO, il SEO spamming è un tipo di tecnica SEO black hat che inonda un sito bersaglio con contenuti indesiderati e link dannosi, ed è tipicamente fatto con l'intenzione di creare più backlink a un altro sito web, spesso fraudolento. Qualsiasi appassionato di SEO sa che la creazione di backlink è una pratica SEO preziosa che richiede tempo e pazienza, ma gli spammer SEO cercano di aggirare questo problema inondando di backlink i siti compromessi per gonfiare le classifiche dei propri siti.

In alcuni casi, gli effetti di un attacco di SEO spam sono sottili e possono anche non essere immediatamente evidenti. Spesso uno spammer si limita a inserire alcuni link indesiderati in un articolo esistente, ma può anche utilizzare tattiche più aggressive come lo spoofing di pagine e il "nascondimento" di backlink all'interno del codice sorgente del vostro sito web. I segni che siete stati vittima di un attacco di SEO spam sono i seguenti:

  • Link particolari che compaiono nei vostri contenuti (che non ricordate di aver inserito voi stessi)
  • Apparizione di nuove pagine sul sito che non sono state create dall'utente
  • Contenuti che appaiono sul vostro sito in diverse lingue
  • I vostri link vengono reindirizzati ad altri siti nei risultati di ricerca
  • Le metriche di ranking appaiono improvvisamente insolite

Come potete proteggere il vostro sito e salvaguardare la vostra SEO?

Installare un certificato SSL

Ricordate quando abbiamo detto che i motori di ricerca - e più spesso gli utenti - privilegiano i siti con una connessione sicura HTTPS? Ciò avviene grazie all'ottenimento di un certificato SSL, un protocollo di sicurezza essenziale che autentica l'identità di un sito web e consente un collegamento crittografato tra il server e il browser.

Install an SSL certificate (Immagine: Pixabay)

Fortunatamente, molti fornitori di hosting di siti web offrono certificati SSL come parte dei loro pacchetti di hosting standard, anche se è bene fare una ricerca prima di considerare una migrazione. È molto probabile che le soluzioni basate sul cloud come Cloudways siano adatte, ma le opzioni di hosting alternative (server privati virtuali, ad esempio) raramente includono certificati SSL senza costi aggiuntivi.

Scansione delle minacce

Uno scanner di malware può essere programmato per rilevare, evidenziare e rimuovere automaticamente le minacce sul vostro sito. Senza di esso, il malware potrebbe passare inosservato e infiltrarsi nel vostro sito prima che possiate bloccarlo, con conseguenze potenzialmente gravi: furto di dati, denial-of-service, per non parlare dei danni alla reputazione che potrebbero avere effetti duraturi.

Sebbene molti provider di hosting includano strumenti di scansione del malware, esistono alternative completamente gratuite come Avast. Dovreste anche installare una protezione bot per bloccare l'accesso al vostro sito da parte di bot maligni, mentre un firewall vi aiuterà a tenere a bada il traffico dannoso.

Applicare una politica di password forti

Una parte fondamentale della sicurezza dei siti web è garantire che il personale interno ne comprenda l'importanza. Ad esempio, dovrebbero sapere come individuare e segnalare un'e-mail di phishing, mentre è essenziale che venga imposto l'uso di password forti per tutti gli account aziendali.

Le password che non rispettano le migliori prassi in termini di lunghezza e complessità saranno molto più facili da decifrare per un aggressore, soprattutto se utilizza una tecnica di forza bruta, quindi assicuratevi che l'accesso a tutti i programmi aziendali sia controllato attraverso password forti e, se necessario, l'autenticazione a due fattori.

Mantenere il software aggiornato

I software obsoleti sono spesso un bersaglio privilegiato per gli aggressori, poiché in genere contengono vulnerabilità a cui è stato posto rimedio nelle versioni successive. Se un aggressore riesce a determinare quale software, e quale versione, state utilizzando, potrebbe essere in grado di sfruttarlo facilmente, soprattutto perché queste vulnerabilità sono spesso di dominio pubblico all'interno della fazione dei criminali informatici.

Dovete assicurarvi che tutto il software in uso sia regolarmente aggiornato all'ultima versione stabile offerta dal fornitore, per garantire che la vostra organizzazione sia meno vulnerabile agli attacchi.

Esecuzione di test di penetrazione

Il pentesting è il tentativo di un'azienda di "hackerare" i propri sistemi per misurare le proprie credenziali di sicurezza. Tipicamente eseguito da uno specialista di terze parti, un pentest mira a scoprire le vulnerabilità all'interno dell'infrastruttura di un'organizzazione, in modo da potervi porre rimedio prima che diventino un serio rischio per la sicurezza.

IT Governance raccomanda di eseguire un test di penetrazione almeno una volta all'anno (o almeno ogni volta che si apportano aggiornamenti significativi all'infrastruttura) per individuare eventuali problemi di fondo che potrebbero essere sfruttati da un hacker opportunista.

Disporre di un piano di recupero

Naturalmente, anche con le più robuste funzioni di sicurezza, non è mai possibile _eliminare completamente il rischio di un attacco informatico. Per questo è importante assicurarsi che, se il vostro sito web viene compromesso da un aggressore, abbiate un piano di risposta agli incidenti per mitigare i danni causati.

Senza un chiaro piano di ripristino, è probabile che il vostro sito web subisca tempi di inattività prolungati mentre vi affannate a trovare una soluzione e, come abbiamo già sottolineato, i tempi di inattività che durano più di qualche ora hanno probabilmente un impatto SEO a lungo termine.

Conclusione

In conclusione, anche se la sicurezza informatica potrebbe non essere in cima alla vostra lista quando si tratta di definire la vostra strategia SEO, dovreste almeno essere consapevoli dell'impatto significativo che può avere sulle classifiche di ricerca. Gli spammer SEO possono rappresentare una minaccia diretta al vostro potenziale di ranking, mentre l'impatto indiretto causato da tempi di inattività prolungati o dalla mancanza di crittografia end-to-end può essere dannoso anche per la SEO.

La sicurezza informatica ha un effetto a catena su tutti gli aspetti delle operazioni aziendali, compreso il SEO. La compiacenza potrebbe costarvi l'agognato posto nella prima pagina di Google, ma una strategia di sicurezza ben congegnata vi consentirà di continuare a portare traffico organico al vostro sito senza temere che questo precipiti improvvisamente nelle classifiche.

Felix Rose-Collins

Felix Rose-Collins

is the Co-founder of Ranktracker, With over 10 years SEO Experience . He's in charge of all content on the SEO Guide & Blog, you will also find him managing the support chat on the Ranktracker App.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker