• Imparare il SEO

Tutto quello che c'è da sapere sulla densità delle parole chiave per la SEO

  • Stella Lincoln
  • 1 min read
Tutto quello che c'è da sapere sulla densità delle parole chiave per la SEO

Introduzione

Durante la creazione di contenuti ottimizzati per la SEO per il vostro sito web o per qualsiasi altro sito web, avrete sicuramente sentito parlare di keyword density, keyword stuffing, rapporto tra le parole chiave e così via.

Ogni marketer o content writer pensa spesso a quante parole chiave sono sufficienti e quante sono troppe? Che cosa accadrebbe se i motori di ricerca scoprissero che il contenuto del vostro sito web è pieno di parole chiave?

In tutta onestà, la ricerca delle parole chiave giuste e l'individuazione delle parole chiave LSI non è l'unica cosa che un ricercatore dovrebbe fare. È necessario inserire queste parole chiave nel posto giusto del contenuto con il rapporto corretto.

Questo articolo si occupa di descrivere tutte le domande di cui sopra, e discuteremo anche la strategia corretta per inserire le parole chiave nei contenuti.

Che cos'è la densità delle parole chiave?

Conosciuta anche come frequenza delle parole chiave, è fondamentalmente un numero che mostra il numero di una specifica parola chiave all'interno di una pagina web rispetto al numero totale di parole. Di solito viene considerato come una percentuale o un rapporto tra la parola chiave specifica e l'intero contenuto. Più alto è il valore, più la parola chiave selezionata compare nella pagina web.

La formula della densità delle parole chiave

Calcolare la keyword density per una specifica parola chiave non è così difficile. La formula è semplice. È sufficiente dividere il numero di una parola chiave specifica per la lunghezza totale del contenuto di una determinata pagina.

Ad esempio, la vostra pagina contiene 2000 parole e la vostra parola chiave è utilizzata 20 volte nel contenuto.

Quindi,

20/2000 - 0.01

Moltiplicate questo valore per 100 e otterrete la keyword density di questa parola chiave.

0.01 x 100 = 1%.

Quindi la densità della parola chiave per questa pagina è dell'1%.

L'importanza della densità delle parole chiave

Tutti sappiamo quanto siano importanti le parole chiave in una campagna SEO. Se si includono design web mobile-friendly e contenuti pertinenti, posizionare le parole chiave giuste al posto giusto nei contenuti può aiutarvi ad emergere tra i vostri concorrenti. Inoltre, vi aiuta a migliorare la vostra posizione nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).

Quindi, senza alcun dubbio, è evidente che i marketer credono nelle parole chiave SEO. Una ricerca approfondita nella giusta direzione può aiutarvi a selezionare e classificare alcune buone parole chiave all'interno della nicchia selezionata. Una volta che sarete in grado di posizionarvi, genererete più traffico e conversioni migliori.

Tuttavia, ci sono molti fattori di ranking che giocano un ruolo cruciale nel far salire il vostro sito web nelle SERP. Non basta inserire parole chiave molto ricercate nei contenuti per ottenere risultati. È necessario creare contenuti di qualità, sviluppare pagine web ben ottimizzate per i diversi dispositivi, considerare UX e UI, la velocità della pagina e molti altri fattori. È possibile eseguire un web audit per analizzare questi fattori sulla vostra pagina web.

Oltre a questi fattori SEO che aiutano a posizionarsi, anche la densità delle parole chiave è un fattore importante che aiuta i motori di ricerca a capire la qualità dei contenuti e ad analizzare se le parole chiave sono state utilizzate in modo naturale o meno.

Se i motori di ricerca scoprono che le parole chiave sono posizionate in modo innaturale solo per ottenere il ranking, lo contrassegnano come keyword stuffing, una pratica SEO black-hat che può persino portare alla penalizzazione del vostro sito web, che può essere completamente rimosso dalle SERP. Se sul vostro sito web sono presenti contenuti di questo tipo, continuate ad analizzarli con SERP Checker.

Capire il Keyword Stuffing

Il keyword stuffing, come descritto dal termine stesso, è una pratica che consiste nello scrivere contenuti di bassa qualità e nell'utilizzare una quantità di parole chiave superiore alla media. Di solito viene utilizzato per ingannare i motori di ricerca, in modo che possano classificare il contenuto rispetto alla parola chiave desiderata nelle SERP. Si tratta di una tattica SEO di tipo black-hat che non è più applicabile in quanto i motori di ricerca, in particolare Google, sono diventati intelligenti e possono facilmente identificare la qualità dei contenuti e la tecnica di keyword stuffing.

Ai vecchi tempi, quando i motori di ricerca non erano troppo intelligenti, diversi marchi e marketer creavano contenuti di bassa qualità e aggiungevano un'alta percentuale di parole chiave mirate con link interni simili allo stesso sito.

La classificazione di tali parole chiave ha provocato la frustrazione degli utenti e i motori di ricerca hanno capito che dovevano cambiare i loro algoritmi per classificare le pagine. Pertanto, questa tecnica è ormai inutile.

Se continuate a utilizzare questa stessa tecnica per aumentare il posizionamento della vostra pagina, vi troverete di fronte alla reazione opposta dei motori di ricerca, con conseguente penalizzazione della vostra pagina web o dell'intero sito.

Che cos'è il TF-IDF?

Prima di addentrarci nel TF-IDF, dobbiamo capire la cannibalizzazione delle parole chiave. La cannibalizzazione delle parole chiave si verifica quando diverse pagine del vostro sito web hanno il potenziale per posizionarsi rispetto alla stessa parola chiave. In questa situazione, il motore di ricerca non è in grado di decidere quale pagina classificare per la parola chiave o la query specifica e a volte declassa entrambe le pagine. È quindi importante controllare costantemente il posizionamento delle vostre pagine web attraverso Rank Tracker.

Ora, per contrastare la cannibalizzazione delle parole chiave, si utilizza il TF-IDF (term frequency-inverse document frequency).

In questo processo, è necessario accedere alla frequenza di una parola chiave su una particolare pagina web del vostro sito, cioè TF, rispetto al numero di volte in cui la stessa parola chiave appare in varie pagine del vostro sito web (IDF). In questo modo è possibile analizzare la potenza della parola chiave focalizzata per una determinata pagina.

Il calcolo del TF è molto semplice. È come calcolare la keyword density di una determinata parola chiave in una singola pagina.

TF = numero di una particolare parola in una pagina / numero totale di parole in una pagina

Tuttavia, il calcolo dell'IDF è un po' complicato e utilizza il termine matematico log.

IDF = Log (numero di pagine del sito web / numero di pagine contenenti la parola chiave specifica)

Una volta ottenute sia la TF che l'IDF, è possibile calcolare semplicemente TF-IDF moltiplicando le due cose.

TF-IDF = TF x IDF

Viene calcolato fondamentalmente per misurare la rarità della parola chiave specifica in modo da evitare la cannibalizzazione della parola chiave. I risultati di TF-IDF sono sempre compresi tra 0 e 1. Se il valore si avvicina a 0, significa che la parola chiave compare in più di una singola pagina e c'è il rischio di cannibalizzazione della parola chiave. Se invece il risultato si avvicina a 1, significa che la parola chiave è specificata per una sola pagina e questo è un buon segno.

Se si applica questa formula a parole molto comuni, come "il" o "e", si noterà che il risultato si avvicina a 0. Se invece si applica a una parola chiave specifica, il risultato si avvicina a 1. In caso contrario, è necessario riconsiderare la propria strategia di parole chiave.

Buona densità di parole chiave

Anche se non esiste una regola definita da nessun motore di ricerca per quanto riguarda la percentuale di parole chiave nei contenuti. L'unica cosa di cui dovete occuparvi è l'inserimento innaturale di troppe parole chiave nel contenuto.

La maggior parte degli esperti di marketing ritiene che una buona densità di parole chiave si aggiri intorno all'1-2%. Quindi, è necessario aggiungere la parola chiave principale da 1 a 2 volte ogni 100 parole.

Personalmente ho osservato durante la campagna di marketing di Crowd Writer UK che mantenere la densità delle parole chiave intorno all'1% è più probabile che funzioni bene.

Densità delle parole chiave LSI

Oltre alla parola chiave principale, ci sono altre parole chiave che aggiungono valore al vostro contenuto, note come parole chiave simili o Latent Semantic Indexing Keywords. Queste parole chiave aiutano i motori di ricerca a comprendere i vostri contenuti e a classificarli in alto nei risultati di ricerca.

È possibile trovare facilmente parole chiave LSI utilizzando vari strumenti come Keyword Finder, Google Keyword Planner, SEMRush, Ahrefs o la stessa ricerca di Google.

Ad esempio, se state puntando a posizionare una pagina rispetto alla parola chiave "concludere una revisione della letteratura". Allora le possibili parole chiave LSI per questa parola chiave mirata potrebbero essere come concludere una revisione della letteratura, concludere una revisione della letteratura, consigli per concludere una revisione della letteratura, conclusione di una revisione della letteratura, conclusione di una revisione della letteratura, esempio di conclusione di una revisione della letteratura, ecc.

Quale dovrebbe essere la densità delle parole chiave LSI?

È molto semplice. Mantenete lo 0,1-0,2%. Quindi, dovreste utilizzare le parole chiave LSI da 1 a 2 volte nel vostro contenuto di 1000 parole.

Ora, dal momento che abbiamo compreso la densità di parole chiave per la parola chiave principale e per le parole chiave LSI, dovremmo anche sapere come aggiungerle al contenuto, in modo da creare un contenuto di qualità.

Dove utilizzare le parole chiave di interesse

Keyword Placement

Il segreto è usare le parole chiave dove si trovano naturalmente. Ma per evitare il keyword stuffing, potete suddividere le parole chiave nelle aree chiave della vostra pagina web.

Queste aree chiave includono:

  • URL
  • H1
  • Paragrafo iniziale
  • Paragrafo conclusivo
  • Sottotitoli
  • Meta descrizione
  • Meta Titolo
  • Tag Alt dell'immagine

Ad esempio, in un contenuto di 1000 parole, potete includere la vostra parola chiave principale da 10 a 12 volte o fino a un massimo di 20 volte, a seconda delle esigenze.

Includete la vostra parola chiave principale nell'URL per renderlo descrittivo e aiutare i motori di ricerca a capire di cosa tratta il vostro contenuto. Assicuratevi che anche l'H1 contenga la vostra parola chiave principale. Poi includetela nel titolo. Per quanto riguarda il tag title, è buona norma includere la parola chiave all'inizio.

SERP Results

Inoltre, è necessario includere la parola chiave mirata almeno una volta nella meta descrizione, laddove essa cade naturalmente. Inoltre, aggiungete la parola chiave specifica nel paragrafo iniziale e in quello finale.

Questo aiuta gli utenti e i motori di ricerca a comprendere chiaramente il vostro contenuto una volta che iniziano a leggerlo. Potete anche usare la vostra parola chiave principale 1 o 2 volte nei sottotitoli, ma assicuratevi che suoni naturale.

In questo modo, finirete per aggiungere la vostra parola chiave principale già sette o otto volte. Completate il conteggio rimanente distribuendo le parole chiave focali in tutto il contenuto. Assicuratevi che le vostre parole chiave focali compaiano nel vostro contenuto almeno ogni 300 parole.

Dove usare le parole chiave LSI

Per quanto riguarda le parole chiave LSI, è possibile utilizzarle nel contenuto a seconda delle esigenze e assicurarsi che non siano aggiunte troppo vicine l'una all'altra. Dovreste aggiungere alcune delle vostre parole chiave LSI anche nei sottotitoli.

Strumenti per la densità delle parole chiave

Su Internet sono disponibili molti strumenti per la densità delle parole chiave.

  • Strumenti di revisione SEO Controllo della densità delle parole chiave
  • Analizzatore della densità delle parole chiave di SEOBook
  • Copywritely Controllo della densità delle parole chiave
  • Verificatore SEO On-Page di Semrush
  • Yoast SEO

È possibile utilizzare uno qualsiasi di essi. Tuttavia, quello che uso personalmente è WordCounter.io. Tutto quello che dovete fare è copiare i vostri contenuti e incollarli nell'interfaccia. Vi fornirà tutti i dettagli delle vostre parole chiave a una, due e tre parole.

Keyword Density Tools

Le migliori pratiche per la densità delle parole chiave

Tenendo presente tutte le informazioni di cui abbiamo parlato sopra, facciamo una rapida rassegna di alcune delle migliori pratiche di densità delle parole chiave.

1. Non puntare mai a una densità di parole chiave specifica

Nella maggior parte dei casi, i principianti tengono presente la densità di parole chiave specifica e creano i loro contenuti intorno ad essa. Tuttavia, questa è una pratica totalmente sbagliata. È per questo motivo che gli esperti di marketing non si limitano a un rapporto specifico, ma possono spaziare tra l'1 e il 2%.

È sufficiente assicurarsi che la densità delle parole chiave non superi in alcun modo il 2%. In caso contrario, si rischia il keyword stuffing, che è una tecnica SEO di tipo black-hat e comporta la penalizzazione del sito.

La chiave è scrivere il contenuto in modo naturale e non fare sforzi extra per inserire le parole chiave nel contenuto.

2. Puntate sempre su contenuti di qualità

Concentratevi sulla creazione di contenuti di qualità che valorizzino i vostri utenti. Se vi concentrate solo sui motori di ricerca, finirete per creare solo contenuti disordinati. Cercate parole chiave LSI di qualità e includetele naturalmente nei vostri contenuti, in modo da creare contenuti che ruotino particolarmente intorno al vostro argomento principale.

3. Ricordare i luoghi chiave

Aggiungete sempre le parole chiave nelle aree chiave del vostro contenuto.

  • Titolo meta
  • Meta descrizione
  • URL
  • H1
  • Sottotitoli
  • Paragrafo di apertura e chiusura

Vi auguro la migliore fortuna per la creazione di contenuti. Ricordate i punti discussi in questa guida per evitare il keyword stuffing e sfruttare a dovere la keyword density.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker