• Imparare il SEO

Come identificare ed eliminare la cannibalizzazione delle parole chiave per incrementare la SEO

  • Felix Rose-Collins
  • 7 min read
Come identificare ed eliminare la cannibalizzazione delle parole chiave per incrementare la SEO

Introduzione

Vi è mai capitato di cliccare su un articolo e di avere la sensazione di leggere sempre le stesse parole? Forse vi siete imbattuti in un fenomeno chiamato keyword stuffing. Agli albori dei moderni motori di ricerca, Google privilegiava i testi che includevano decine di parole chiave. Tuttavia, ciò ha aperto la strada a una vasta gamma di pratiche scorrette, come la creazione di titoli monotoni e ripetitivi o di pagine nascoste piene di frasi popolari.

Oggi gli algoritmi del motore di ricerca Google sono molto più complessi. Le parole chiave e le frasi di tendenza sono ancora tra gli elementi SEO essenziali, ma quando si creano i contenuti è necessario assicurarsi di non esagerare. Altrimenti, il vostro sito web potrebbe essere vittima della cannibalizzazione delle parole chiave: i vostri contenuti più recenti e rilevanti saranno sepolti sotto le pagine ottimizzate in modo errato.

Per evitare che ciò accada, è necessario sapere come trovare parole chiave varie e con quale frequenza utilizzarle. Inoltre, dovete essere consapevoli degli altri criteri utilizzati per classificare le vostre pagine, poiché riempire il vostro sito web di sole parole chiave potrebbe non bastare, sia che gestite un piccolo negozio online sia che siate un'agenzia di branding. Se volete saperne di più su come identificare ed eliminare la cannibalizzazione delle parole chiave per aumentare il vostro SEO, leggete l'articolo qui sotto!

Che cos'è la cannibalizzazione delle parole chiave?

In parole povere, la cannibalizzazione delle parole chiave è il risultato dell'utilizzo di parole chiave uguali o simili su più pagine del vostro sito web. Di solito accade quando si punta alla stessa parola chiave con pagine o post diversi, senza rendersi conto che le parole chiave utilizzate potrebbero non essere del tutto pertinenti al contenuto. Questo crea squilibrio e confusione per gli algoritmi dei motori di ricerca, che non riescono a decidere quale sia la pagina più pertinente: quella che si concentra sull'argomento o quella con il maggior numero di parole chiave utilizzate.

Alla fine, è probabile che entrambe le pagine si classifichino più in basso di quanto farebbero se non ci fosse la cannibalizzazione delle parole chiave. La stessa cosa accade quando si hanno più pagine che puntano alle stesse parole chiave a coda lunga: anche se le frasi possono essere diverse, condividono comunque alcune delle parole utilizzate, il che può portare a un risultato simile. Ad esempio, se state confrontando i gateway FXS con quelli FXO, potreste voler variare le parole chiave utilizzate, tra cui "apparecchiature di telecomunicazione", "gateway vocale" o anche "gateway analogico vs digitale".

Identificare la cannibalizzazione delle parole chiave

Nella maggior parte dei casi, non è difficile individuare la cannibalizzazione delle parole chiave. Se scrivete per lo stesso pubblico e vi rivolgete ad argomenti simili su più pagine del vostro sito web, è molto probabile che ci sia una certa sovrapposizione tra le parole chiave. Se però volete essere sicuri, questi sono i metodi che possono aiutarvi:

Controllare le classifiche per ogni pagina e parola chiave

Con Google Search Console, potete controllare le prestazioni del vostro sito web nei risultati di ricerca e ottenere molte informazioni preziose su quali parole chiave sono state utilizzate per trovare il vostro sito. Anche se questo non è un metodo infallibile, può aiutarvi a identificare la cannibalizzazione delle parole chiave se una delle pagine fa significativamente peggio delle altre rispetto a parole chiave simili.

Cercate le vostre parole chiave su Google

Potete anche semplicemente controllare il posizionamento del vostro sito web su Google, puntando a termini specifici e più generali. In questo modo si può capire se una determinata pagina appare nei risultati di ricerca più di un'altra, dando così un'idea della comprensione di Google di ciò che le vostre pagine stanno discutendo. Naturalmente, senza uno strumento come Google Search Console a portata di mano, l'elaborazione di tutti i dati può richiedere molto tempo, soprattutto se si gestisce un sito web o un negozio online di grandi dimensioni.

Trovare i problemi di contenuto duplicato

Se il vostro sito web presenta molti contenuti duplicati, Google potrebbe averlo già notato e aver contrassegnato le pagine piene di parole chiave come di bassa qualità. Per verificare se ci sono problemi di contenuti duplicati sul vostro sito, provate a passare l'URL del vostro sito web attraverso un cercatore di contenuti duplicati nel vostro set di strumenti SEO. Questo può aiutarvi a individuare le pagine che devono essere riscritte o eliminate per ridurre la cannibalizzazione delle parole chiave.

Prima di iniziare a modificare e cancellare tutto, però, assicuratevi di avere una chiara comprensione del motivo per cui le pagine sono simili e di quali siano esattamente le modifiche da apportare. In caso di dubbio, chiedete un parere a un esperto di marketing che dovrebbe avere familiarità con l'argomento. Altrimenti, il vostro sito web potrebbe soffrire più di quanto non stia già facendo.

Utilizzare uno strumento di mappatura delle parole chiave

Utilizzare uno strumento di mappatura delle parole chiave (Fonte immagine: raventools.com)(Fonte immagine.

Se non siete sicuri che alcune pagine siano cannibalizzate da altre, l'uso di uno strumento di mappatura delle parole chiave può aiutarvi. Con strumenti come Screaming Frog SEO Spider e Keyword Explorer di Moz, è possibile verificare rapidamente le parole chiave primarie utilizzate e confrontarle per determinare se c'è una sovrapposizione tra le pagine pubblicate sul vostro sito web nel corso del tempo. Potete generare un elenco di tutte le pagine del vostro sito web o semplicemente scansionare un URL specifico per vedere le sue metriche SEO, comprese le frasi più popolari dall'ultimo crawling dei dati.

Traccia i tuoi hashtag

Si tratta di monitorare le prestazioni degli hashtag su piattaforme di social media come Twitter e Instagram. Tracciando l'utilizzo degli hashtag](https://brand24.com/blog/how-to-track-hashtag-performance/), potete vedere quanto spesso il vostro marchio viene menzionato e quali sono gli hashtag più popolari. Queste informazioni possono aiutarvi a capire se le persone parlano del vostro concorrente in relazione alla stessa parola chiave. Se così fosse, saprete che dovete lavorare sulla vostra SEO per quella parola chiave. Il monitoraggio degli hashtag è uno strumento importante per identificare la cannibalizzazione delle parole chiave. Monitorando l'uso degli hashtag, potete vedere quali parole chiave vengono utilizzate più frequentemente e quali sono sottoutilizzate. Queste informazioni possono aiutarvi a modificare la vostra strategia di contenuti per garantire che tutte le parole chiave siano utilizzate in modo efficace.

Prevenire e risolvere la cannibalizzazione delle parole chiave

Se avete già identificato alcuni problemi di cannibalizzazione delle parole chiave, è il momento di risolverli. Il primo passo sarebbe quello di rivedere la vostra strategia SEO in modo da concentrarvi su parole chiave diverse o riallineare le parole chiave per migliorare il posizionamento delle vostre pagine. Una volta apportate queste modifiche, la cosa successiva da fare è aggiornare le pagine esistenti. Potreste voler ristrutturare la gerarchia del sito web in modo che le pagine più autorevoli e popolari abbiano il maggior numero di link interni.

Potete anche cercare nuove parole chiave: il mondo della SEO è in continua evoluzione e dovreste essere in grado di utilizzare i nuovi dati sulle parole chiave di tendenza a vostro vantaggio. Inoltre, è una buona idea cercare nuove parole chiave a coda lunga che non vengono ancora utilizzate sul vostro sito web. Questo vi aiuterà ad aumentare la varietà di parole chiave utilizzate, facilitando il posizionamento delle vostre pagine da parte dei motori di ricerca.

Anche la creazione di nuove landing page, i reindirizzamenti 301 e i tag canonici sono alcune delle opzioni disponibili per risolvere la cannibalizzazione delle parole chiave. Ogni sito web è diverso dall'altro, quindi non esiste una pallottola d'argento per risolvere il problema per tutti. Per questo motivo, è necessario trovare i metodi che funzionano meglio per il vostro sito web e iniziare a testarli per capire meglio come reagiranno gli algoritmi dei motori di ricerca.

Modi in cui la cannibalizzazione delle parole chiave danneggia la SEO

Come già detto, la cannibalizzazione delle parole chiave può comportare una riduzione del posizionamento del vostro sito sui motori di ricerca. Questo fenomeno può avere diversi altri effetti negativi, che alla fine portano a un calo del numero di visitatori sul vostro sito web. Uno dei punti principali delle linee guida dei Quality Raters di Google è il concetto EAT, che sta per Expertise, Authoritativeness, and Trustworthiness (competenza, autorevolezza e affidabilità).

Questi sono i tre criteri principali che Google utilizza per determinare se un sito web è abbastanza rilevante da essere classificato in alto nei risultati di ricerca. Expertise indica la conoscenza ed esperienza del sito web, ovvero se il contenuto è pertinente all'argomento trattato. L'autorevolezza riguarda chi ha scritto il contenuto: un sito web incentrato sulla cura degli animali domestici potrebbe non essere il posto migliore per parlare di normative fiscali, ad esempio.

Questi due criteri sono legati al contenuto e, di conseguenza, è probabile che contenuti poco ottimizzati danneggino il vostro sito web più di una volta. Se si utilizza la stessa parola chiave su più pagine, ciò può comportare problemi di contenuti duplicati e una minore rilevanza di ciascuna pagina per specifiche query di ricerca. In entrambi i casi, sarà difficile per gli algoritmi di Google decidere se questi articoli meritano o meno un posizionamento elevato nei risultati di ricerca.

Tuttavia, la cannibalizzazione delle parole chiave può avere un impatto indiretto sulla vostra affidabilità. L'abbassamento del ranking del vostro sito web può danneggiare la vostra autorità di dominio, scoraggiando altri siti web e blogger dal collegarsi a voi. Inoltre, se gli utenti si imbattono in più articoli di "bassa qualità" sul vostro sito, saranno meno propensi a visitare frequentemente il vostro sito o addirittura a condividere i nuovi aggiornamenti con i loro amici e follower.

Inoltre, se nella vostra pagina web parlate spesso degli stessi argomenti, anche il suo design può diventare ripetitivo e noioso. Tutto questo si traduce in un'immagine negativa del vostro sito web da parte dei potenziali clienti: in definitiva, una delle conseguenze più dannose della cannibalizzazione delle parole chiave.

Pensieri finali

La cannibalizzazione delle parole chiave è un termine che descrive il processo di utilizzo di parole chiave simili su più pagine. Sebbene possa essere utilizzata come tecnica SEO, nella maggior parte dei casi, è probabile che si traduca in classifiche più basse per il vostro sito web. Per evitare che ciò accada, è necessario assicurarsi che le parole chiave del proprio sito web siano sufficientemente varie. Ciò può essere fatto analizzando le tendenze dei risultati di ricerca di Google e cercando nuove parole chiave a coda lunga che potrebbero non essere state utilizzate in precedenza.

È importante ricordare che la cannibalizzazione delle parole chiave non è l'unica cosa che può danneggiare il posizionamento del vostro sito web. Gli algoritmi di Google sono oggi molto più complessi e tengono conto di molti fattori diversi per determinare la posizione di ciascuna pagina nei risultati di ricerca. Ma prevenire uno di questi problemi è un ottimo inizio per migliorare il posizionamento del vostro sito web.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker