• Suggerimenti per gli affari

Come far nascere la vostra idea imprenditoriale nel 2023

  • Ioana Wilkinson
  • 1 min read
Come far nascere la vostra idea imprenditoriale nel 2023

Introduzione

Avete voglia di avviare una nuova impresa nel 2023?

Abbiamo la guida che fa per voi!

Che vogliate gestire un negozio di e-commerce, vendere servizi di coaching o avviare una vostra agenzia di marketing, ci sono diversi passi da fare per realizzare il vostro sogno.

La cattiva notizia?

Per avviare un'attività in proprio non bastano una buona idea e un mucchio di motivazione.

Diventare un imprenditore significa abbandonare la mentalità da ingegnere e abbracciare il ruolo di vero leader.

Ciò significa che:

  • Imparare a creare processi che funzionano con il pilota automatico
  • Sapere quando esternalizzare o assumere e quando assumere un lavoro in proprio
  • Capire cosa vi rende unici (e perché i clienti dovrebbero scegliere VOI rispetto alla concorrenza)
  • Arrivare alla radice dei punti dolenti del vostro pubblico e risolvere i loro problemi meglio di chiunque altro.

La buona notizia?

Una volta raggiunto il punto di equilibrio tra il superamento delle aspettative del pubblico e l'automazione dell'attività, sarete sulla strada giusta per creare il business dei vostri sogni.

Siete pronti a dare vita alla vostra idea imprenditoriale?

Scopriamo come farlo, passo dopo passo.

1. Tracciare una mappa della vostra idea

Avete un'idea... fantastica! Ora mettiamola su carta.

Tracciate l'intera idea, senza lasciare nulla di intentato. Non preoccupatevi di ciò che è possibile. Non preoccupatevi della grammatica e dell'ortografia: scrivete tutto.

Allora...

Comprendere la propria visione

Mettete insieme i pezzi e guardate in profondità sotto la vostra visione.

Pensateci:

  • Perché volete creare questa attività?
  • In che modo la vostra idea imprenditoriale si allinea con i vostri sentimenti e obiettivi di vita?
  • In che modo la vostra idea contribuisce al bene comune e al mondo in generale?
  • Come sarebbe gestire l'attività a tempo pieno?
    • Come sarebbe il vostro orario?
    • Quali sarebbero le sue responsabilità?
    • Come funzionerebbe la vostra attività?
    • Cosa venderete e perché?
    • Come pensate di commercializzare la vostra attività?

Assicuratevi di risolvere un problema

Considerate poi il vostro pubblico di riferimento. A chi intendete vendere e perché? Perché dovrebbero interessarsi alla vostra nuova attività? In che modo la vostra azienda può risolvere i loro problemi e aggiungere valore alla loro vita?

Il che ci porta a ...

Conoscere la propria proposta di valore

Infine, capire il proprio valore percepito.

Pensateci:

  • Perché siete migliori della concorrenza? Cosa offrite che loro non offrono?
  • Cosa vi rende speciali? Qual è la vostra salsa magica segreta?
  • Come si può garantire un'esperienza cliente impeccabile?
  • Quali punti dolenti risolvete meglio di chiunque altro? Come? Perché?

Know your value proposition (Fonte immagine)

Quando ci si sofferma ad analizzare i marchi con cui si fanno più spesso acquisti, è probabile che si possano indicare ragioni specifiche per cui si preferisce acquistare da loro rispetto ai concorrenti.

In altre parole, potete indicare il valore percepito che avete di ciascuna azienda.

Anche se state entrando in un mercato competitivo, potete comunque acquisire clienti fedeli se offrite alle persone qualcosa di unico e speciale.

Ad esempio, Salarship offre molte offerte di lavoro e suggerimenti per l'impiego di minori sul suo sito web, cosa piuttosto rara tra i siti di reclutamento, il che gli conferisce un netto vantaggio.

Un altro valore aggiunto? Salarship si vanta di avere attualmente 3.476.599 posti di lavoro disponibili sulla sua piattaforma: un vantaggio piuttosto impressionante per chi cerca lavoro ed è interessato a un'ampia varietà di opportunità.

Sia che offriate la spedizione in giornata, sia che offriate confezioni personalizzate di caffè in abbonamento da coltivatori di provenienza etica, cercate di essere chiari su ciò che vi distingue.

2. Curate le vostre offerte

Una volta chiarite la vostra visione e le vostre proposte di valore uniche, è il momento di creare le vostre offerte.

Se avete intenzione di vendere servizi, come servizi di progettazione grafica o di coaching, concentratevi sulla creazione di pacchetti e componenti aggiuntivi a livelli. Elencate tutti i servizi che offrirete e il costo di ciascuno. Potete anche elencare eventuali offerte speciali.

Ad esempio, se siete un coach di dieta keto, potreste offrire:

  • Pacchetto 1: Una sessione di coaching nutrizionale a settimana.
  • Pacchetto 2: Due sessioni di coaching nutrizionale a settimana.
  • Pacchetto 3: Tre sessioni di coaching nutrizionale a settimana e un piano di allenamento personalizzato.
  • Componenti aggiuntivi: Sessioni di coaching super-slim in un weekend, sessioni video di personal training personalizzate e servizi di coaching a-la-carte a ore.

Se vendete prodotti fisici, come l'abbigliamento, o digitali, come ebook e corsi, stabilite il prezzo di ciascuno dei vostri prodotti. Elencate tutti i prodotti che venderete e valutate anche la possibilità di creare dei pacchetti di prodotti.

Potreste anche prendere in considerazione l'idea di creare un servizio di abbonamento per i clienti interessati a mettere i loro acquisti su pilota automatico ogni mese.

Al termine di questa fase, dovreste avere:

  • Un elenco dei prodotti, dei servizi, dei pacchetti e dei bundle che intendete vendere.
  • Un prezzo per ogni prodotto, servizio, pacchetto e bundle presente nella vostra lista (e se avete intenzione di offrire abbonamenti)
  • Sconti e offerte speciali, se applicabili

Nota importante: prima di decidere la struttura dei prezzi, assicuratevi di condurre un'ampia ricerca. Dovrete tenere conto dei costi fluttuanti dei prodotti, delle tasse, dell'imballaggio, del marketing e (naturalmente) del vostro prezioso tempo!

3. Creare un piano aziendale

Ora che avete creato una base di partenza, mantenetevi organizzati, professionali e in linea con i tempi creando un business plan formale.

Prendete in considerazione l'utilizzo di un modello di business plan o di un creatore di report per creare un documento vivo che potrete aggiornare e consultare secondo le necessità.

Create a business plan (Fonte immagine)

Nel vostro business plan, assicuratevi di includere i vostri dati:

  1. Nome dell'azienda
  2. Mercato di riferimento e buyer personas
  3. I punti dolenti del mercato target e come risolverli
  4. Proposta di valore e vantaggio competitivo
  5. Esigenze operative dell'azienda (per maggiori informazioni, vedere la fase quattro)
  6. Entità commerciale (per maggiori informazioni, vedere il punto cinque)
  7. Struttura organizzativa
  8. Prodotti, servizi e prezzi
  9. Piano di marketing (per maggiori informazioni, vedere la fase sei)
  10. Budget aziendale, costi di avvio, costi operativi e obiettivi finanziari
  11. Proiezioni di profitti e perdite
  12. Procedure e processi operativi (per maggiori informazioni, vedere la fase sette)
  13. Piano di occupazione (per maggiori informazioni, vedere la fase otto)

4. Considerate ciò di cui la vostra azienda avrà bisogno per funzionare al meglio

È importante assicurarsi di avere tutti gli strumenti e le attrezzature necessarie quando si avvia una nuova attività. Qualunque sia il modello di business scelto, probabilmente avrete bisogno di un mix di strumenti digitali e fisici per operare senza problemi.

Ad esempio, se state pensando di avviare un'attività nel settore delle flotte, dovrete assicurarvi che i vostri veicoli siano dotati di dispositivi di sicurezza video, dash cam e delle autorizzazioni necessarie per rimanere conformi alle normative statali e di settore.

Ma avrete anche bisogno di tecnologie di back-office, come software di gestione della flotta, ottimizzatori di percorsi e una piattaforma di automazione delle spedizioni per tenere sotto controllo ogni autista e ogni consegna.

Se state pensando di avviare un'agenzia di marketing, invece, dovrete assicurarvi di avere un software per pianificare i progetti, gestire le campagne e i clienti.

Avrete anche bisogno di strumenti di pianificazione, software per videoconferenze e strumenti specifici per le campagne, come programmi di progettazione grafica e pianificatori di parole chiave.

In ogni caso, iniziate a delineare le vostre operazioni giornaliere, settimanali, mensili e trimestrali.

Accanto a ciascun processo, annotate il tipo di strumento fisico o tecnologico di cui avrete bisogno per svolgerlo senza problemi. Alla fine di questo esercizio, dovreste avere un elenco completo degli strumenti necessari per gestire la vostra attività.

5. Rendere ufficiale

È ora di ufficializzare la vostra attività!

Incontrate un agente registrato per determinare la struttura aziendale migliore e registrare legalmente la vostra attività.

La struttura aziendale che sceglierete dipenderà dalle vostre esigenze specifiche, dalle responsabilità e dai vantaggi che state cercando.

Ad esempio, se per voi sono importanti la tutela della responsabilità limitata (che aiuta a minimizzare la vostra responsabilità personale) e una struttura fiscale semplificata, potreste optare per la costituzione di una LLC.

Se siete interessati ad avere degli azionisti, potreste decidere di costituire una società per azioni.

Dopo aver scelto un'entità e registrato la vostra attività, create il lato dell'azienda rivolto ai clienti.

Assumete un designer per creare il vostro logo, i colori e gli elementi del marchio, oppure utilizzate uno strumento gratuito come Canva per crearne uno vostro. Se lavorate con clienti in carne e ossa, potreste anche decidere di stampare biglietti da visita e altri opuscoli come brochure o carte dei servizi.

Make it official (Fonte immagine)

Quindi, assumete uno sviluppatore web per creare il vostro sito o utilizzate un website builder come Squarespace o Wix per creare il vostro sito.

Infine, configurate i vostri social aziendali, l'account di posta elettronica, la firma delle e-mail e il profilo LinkedIn.

6. Creare un solido piano di marketing e/o di sensibilizzazione

Come pensate di far conoscere la vostra attività al vostro pubblico ideale?

In questa fase, create un solido piano di marketing o di outreach personalizzato in base alla vostra attività e ai vostri obiettivi.

Per determinare su quali canali di marketing e di outreach concentrarsi, bisogna considerare il cliente target.

Ad esempio, se gestite una piccola azienda B2B di servizi, il vostro cliente ideale probabilmente frequenta più spesso canali come l'e-mail, LinkedIn e Twitter. In questo caso, dovrete progettare un piano su misura per ogni canale.

Ciò potrebbe significare campagne di cold outreach segmentate via e-mail e contenuti coerenti di leadership di pensiero su Twitter e LinkedIn, con stimoli promozionali calcolati.

In ogni caso, assicuratevi di avere un piano completo:

  • Mappatura degli obiettivi e dei KPI per ogni canale
  • Evidenziare come si pensa di segmentare i lead (suggerimento: gli strumenti di lead scoring sono i vostri amici!)
  • Scelta di canali di marketing dedicati in base all'attività del cliente target
  • Creare piani mirati per ogni canale per raggiungere obiettivi e KPI specifici.
  • Finalizzazione degli strumenti di marketing aziendale

7. Impostazione di processi aziendali automatizzati e semplificati

La fase sette è una delle più cruciali, in quanto contribuirà a determinare l'efficienza della vostra attività, quindi non saltate questo esercizio!

In questa fase, assicurarsi di:

  1. Fate riferimento al quarto passo e rivedete le operazioni e gli strumenti assegnati per gestire ciascuno dei vostri processi aziendali.
  2. Fate riferimento agli strumenti operativi scelti e create flussi di lavoro automatizzati e processi semplificati.
  3. Prestate particolare attenzione allo snellimento dei processi rivolti ai clienti, come le spedizioni (se vendete prodotti) e le operazioni di assistenza ai clienti.

È inoltre importante disporre di un piano di cybersecurity ben definito. Ad esempio, incorporare VPN e un'infrastruttura di data center (uno spazio per i server e altri hardware informatici) può aiutarvi a prevenire le violazioni della sicurezza e le fughe di dati.

La creazione di un flusso operativo sicuro e coeso come questo non solo rende l'attività più veloce e fluida, ma aggiunge anche un enorme valore al vostro marchio nel caso in cui decidiate di vendere l'azienda o di coinvolgere investitori in un secondo momento.

8. Assumete un team, un assistente virtuale e/o dei freelance per aiutare

Se necessario, assumete persone che diano vita alla vostra visione!

Quando si è agli inizi, può trattarsi solo di un assistente virtuale e di uno o due freelance. Oppure, potrebbe essere necessario investire in una linea di dipendenti di qualità per portare la vostra attività dall'ideazione alla realizzazione.

Hire a team, virtual assistant, and/or freelancers to help (Fonte immagine)

Prima di iniziare il processo di assunzione, date un'occhiata approfondita alle operazioni della vostra azienda: quali compiti potete (e dovete) assumere? Quali attività dovreste esternalizzare per potervi concentrare sulla crescita dell'azienda?

Potete anche effettuare una prova d'impresa senza dipendenti per vedere cosa significa gestire la vostra attività come solista. Durante il periodo di prova, assicuratevi di annotare i compiti che dovete assolutamente esternalizzare e quelli che invece dovreste svolgere da soli.

Avvolte

Infine, è arrivato il momento di lanciare la vostra nuova attività e di raccontarla al mondo.

Lanciatevi con una promozione irresistibile che attiri i vostri clienti ideali.

Quando è possibile, riducete la barriera d'ingresso offrendo omaggi, in modo che i potenziali clienti possano provare il vostro prodotto o servizio prima di investirvi ufficialmente. Se la vostra promozione e/o l'omaggio migliorano la loro vita, potreste aver appena conquistato una serie di clienti fedeli!

Allora, siete pronti a dare vita alla vostra idea imprenditoriale nel 2023?

Ecco un breve riepilogo dei passaggi che abbiamo condiviso oggi:

  1. Tracciare una mappa della vostra idea
  2. Curate le vostre offerte
  3. Creare un piano aziendale
  4. Considerate ciò di cui la vostra azienda ha bisogno per funzionare al meglio
  5. Rendere ufficiale la cosa
  6. Creare un solido piano di marketing e/o di sensibilizzazione
  7. Impostare processi aziendali automatizzati e semplificati
  8. Assumere un team, un assistente virtuale e/o dei freelance per aiutarvi

Per ora è tutto, amici.

Al vostro successo!

Ioana Wilkinson

Ioana Wilkinson

is a freelance content writer and SEO strategist for B2B and B2C brands specializing in Business, Digital Marketing, SaaS, Tech, and Mental Health. Born in Transylvania, raised in Texas, and transplanted to Barcelona, Ioana’s next move has taken her to sunny Mexico.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker