Come sfruttare le pagine di destinazione

  • Felix Rose-Collins
  • 11 min read
Come sfruttare le pagine di destinazione

Indice

Introduzione

Una volta completata l'analisi SEO e la ricerca su un sito esistente sito esistente, il passo successivo sarà quello di identificare le pagine di destinazione e costruire una struttura di struttura gerarchica. Non importa quale sia il tipo di sito (informativo, di affiliazione, di e-commerce, ecc.), è necessario disporre di alcune pagine chiave pagine chiave che fungano da "frutto basso" e permettano agli utenti di Google di trovare facilmente il vostro sito. Google di trovare facilmente il vostro sito.

In questo articolo vi forniremo un corso intensivo sulle pagine di destinazione. Inizieremo spiegando cosa sono e come identificarle. Poi, poi, entreremo nel dettaglio di come ottimizzare e monitorare le loro prestazioni e monitorare le loro prestazioni utilizzando le tecniche SEO e il nostro rivoluzionario strumento Rank Tracker.

Siete pronti a posizionarvi più in alto?

Pagine target: Cosa sono?

Le pagine target sono essenzialmente le pagine principali del vostro sito. Sono pagine che superano la maggior parte degli altri contenuti del vostro sito. Potrebbero essere possono essere articoli di lunga durata e contenuti di base, una pagina principale di "Informazioni", una pagina di pagina dei contatti o addirittura la home page di un sito web.

Queste pagine sono quelle che portano più visitatori e che si posizionano per le parole chiave migliori. visitatori e che si posizionano per le parole chiave migliori. Concentrando gli sforzi sull'ottimizzazione di queste ottimizzazione di queste pagine, i vostri sforzi SEO complessivi avranno un impatto maggiore e impatto e genereranno risultati più rapidi rispetto all'ottimizzazione di ottimizzazione di ogni pagina del sito web in una sola volta.

Concentrandosi su singole pagine target è più facile anche monitorare i risultati. Invece di aspettare che un mucchio di micro-modifiche al contenuti trasversali al sito, è possibile apportare macro-modifiche alle pagine chiave pagine di destinazione e vedere risultati seri e dati importanti.

I dati che raccoglierete classificando le vostre pagine chiave potrebbero includere:

  • Le parole chiave più utilizzate dai visitatori per trovare la vostra pagina.

  • Il tipo di contenuto preferito dai visitatori.

  • La percentuale di visitatori che si convertono in vendite o clienti.

Potete quindi utilizzare questi dati per sviluppare le altre pagine di destinazione, la homepage e i contenuti dei pilastri. pagine di destinazione, la homepage e i contenuti dei pilastri.

Qual è l'obiettivo principale delle pagine di destinazione?

Ora che sapete cosa sono le pagine di destinazione, vi starete chiedendo: "perché vi servono le pagine di destinazione, tanto per cominciare, e perché sono importanti? perché servono le pagine di destinazione, tanto per cominciare, e perché sono importanti per la SEO? SEO*?"

In questa sezione, vi forniremo alcuni dei motivi principali per cui dovreste di concentrarsi sulle pagine di destinazione prima di passare alla SEO totale del sito durante la campagna.

1) Permette di suddividere una campagna SEO in sezioni

Da un punto di vista commerciale, lavorare prima sulle pagine di destinazione è senso. senso*. Se siete uno specialista SEO, spesso può essere difficile convincere i clienti più piccoli a spendere decine di migliaia di dollari per una campagna SEO su larga scala.

Tuttavia, se riuscite a suddividere la vostra SEO in "sezioni", concentrandovi sull'ottimizzazione di una pagina chiave alla volta, spesso potete una pagina chiave alla volta, allora può essere molto più conveniente per il cliente. molto più conveniente per il cliente. Inoltre, questo permette di seguire i progressi progressi passo dopo passo e vi permette di estendere i termini del contratto su base mensile.

Ad esempio, potreste fare un ottimo lavoro per un cliente diffidente... Dopo aver visto tutto quello che avete fatto per una pagina principale di destinazione durante il primo mese Dopo aver visto tutto ciò che avete fatto per una pagina di destinazione principale durante il primo mese, il cliente può un secondo mese per lavorare su un'altra pagina target, e così via. e così via.

2) Impostare l'autorità della pagina

L'algoritmo di Google apprezza i siti che hanno una buona struttura di autorità. Questa viene comunemente definita "struttura a silo" nella comunità SEO. Le pagine di destinazione fungeranno spesso da pilastri del sito. Una volta completate, è possibile aumentare il rango di ogni ogni pilastro aggiungendo post di blog più piccoli sotto ogni categoria.

In questo modo il vostro sito si costruisce in profondità, invece di costruirsi in profondità. superficiale*. A sua volta, questo fa apparire il vostro sito più autorevole, affidabile e meglio organizzato, aumentando così il vostro posizionamento nelle SERP nei risultati di risultati di ricerca di Google.

3) Stabilisce un benchmark

Concentrandosi sull'ottimizzazione di una pagina di destinazione alla volta, si sarà in grado di costruire sui successi ottenuti in precedenza. Spesso il compito più difficile sarà l'ottimizzazione della prima pagina target. Poi, una volta che avrete avuto qualche settimana di tempo per generare dati analitici sulla nuova e migliorata pagina di destinazione, si può modificare la strategia e applicarla alle altre pagine di destinazione del sito.

Ad esempio, potreste scoprire che la vostra pagina deve avere un certo numero di parole o un certo contenuto multimediale. di parole o di determinati contenuti multimediali per ottenere buoni risultati. Potreste scoprire che le persone trovano la pagina di destinazione utilizzando parole chiave secondarie o di supporto piuttosto che le parole chiave primarie.

Potete prendere tutte le informazioni ottenute e applicarle alla costruzione delle altre pagine di destinazione. per costruire le altre pagine di destinazione, rendendo il processo più veloce ed efficiente. efficiente.

Infine, concentrarsi sulle pagine di destinazione può essere utile per la costruzione di link link-building. Una volta generati alcuni dati su una pagina target completa, sarete in grado di capire quanti collegamenti interni e backlink per garantire che le altre pagine target abbiano le migliori possibilità di successo. di successo.

Analizzate le pagine con lo strumento Web Audit di Ranktracker

Mentre lavorate alla costruzione delle vostre pagine target, lo strumento Web Audit di Ranktracker è incredibilmente utile per monitorare i dati. di Ranktracker è incredibilmente utile per tracciare i dati. Lo strumento Web Audit è in grado di scansionare il vostro sito e di raccogliere dati specifici. il vostro sito e raccogliere dati specifici, quali:

  • Il numero di backlink che ha.

  • Il numero di pagine indicizzate sui principali motori di ricerca.

  • Se alcune delle vostre pagine non sono scansionabili (ad esempio, un file robot.txt dimenticato). dimenticato).

  • Problemi di usabilità (link rotti, reindirizzamenti, ecc.).

Il nostro strumento Web Audit analizza oltre 100 diversi punti di dati e fattori del sito per generare un documento semplice e di facile lettura. e fattori del sito per generare un rapporto semplice e di facile lettura, che vi mostra esattamente esattamente* cosa è necessario migliorare e dove il sito sta andando bene. Lo strumento strumento darà anche la priorità ai miglioramenti, in modo che possiate concentrarvi sulle soluzioni più importanti e di maggior impatto prima di importanti e di maggiore impatto prima di passare a quelli più piccoli.

Come identificare le pagine target usando lo strumento Rank Tracker

Se avete appena iniziato a fare SEO su un sito web, il primo passo da compiere sarà quello di identificare le pagine di monitoraggio. Il modo migliore per farlo è utilizzare il nostro strumento Rank Tracker. Questo strumento vi consentirà di tenere sotto controllo le prestazioni performance complessiva del vostro sito.

Più precisamente, Rank Tracker consente di monitorare le singole pagine del vostro sito web!

Ciò significa che potete analizzare ogni singola pagina del vostro sito. Sarete in grado di controllare le metriche chiave, quali:

  • La posizione media nei risultati di ricerca (per Google, Bing, Yahoo, e Yandex.

  • La parola chiave principale per cui la pagina si posiziona.

  • La concorrenza del posizionamento della pagina e della parola chiave.

  • Quanti backlink ha ogni pagina.

  • Quanto traffico riceve ogni pagina al mese.

Avere accesso a tutti questi dati vi fornirà le informazioni critiche di cui avete bisogno per identificare le pagine informazioni critiche che vi servono per identificare quali pagine sono più performanti delle altre. Poi, sarete in grado di classificare ogni pagina come pagina target o pagina figlia e dare la priorità alle pagine target su cui si dovrebbe lavorare prima di tutto.

Ad esempio, se avete due pagine di destinazione con le migliori prestazioni, una potrebbe ottenere 15.000 visitatori/mese mentre l'altra ne riceve 18.5000. Se Se avete appena iniziato la vostra campagna SEO, vi conviene dare priorità al lavoro sulla pagina da 18,5k/mese prima di passare a quella da 15k/mese. 15.000/mese.

Traccia le pagine in un foglio di calcolo

Man mano che analizzate i dati di ogni pagina che passate attraverso lo strumento Rank Tracker è necessario un modo per tenere tutto organizzato. Questo è particolarmente Questo è particolarmente vero per i siti più grandi, perché è facile perdere il controllo di un sito di oltre 50 pagine.

Per organizzare le pagine, suggeriamo di utilizzare Microsoft Excel o Google Sheets. Man mano che si procede con la scansione delle pagine del sito, dedicare una riga del foglio di calcolo a ogni pagina. riga del foglio di calcolo a ogni URL di pagina. A questo punto si dovrebbero avere colonne di dati che includono:

  • Priorità della pagina (bassa, media, alta).

  • Tipo di pagina (pilastro, blog, lead capture, vendite).

  • Indicizzazione sui motori di ricerca: sì/no (viene visualizzata sui motori di ricerca?).

  • Volume di traffico mensile.

  • Parola chiave principale per cui la pagina si posiziona.

  • Note per migliorare il ranking della pagina.

  • Autorità del dominio (il suo posizionamento nelle SERP).

  • Numero di backlink.

  • Velocità dei link (la velocità con cui la pagina genera nuovi backlink).

È vero che la creazione di un foglio di calcolo per ogni pagina del sito è la fase più fastidiosa e minuziosa del processo. Una volta completato una volta completato, però, avrete tutti i dati necessari per identificare le pagine pagine sono le vostre pagine di destinazione.

Sarete in grado di presentare questi dati al vostro cliente e di fornirgli un'immagine accurata del suo sito. un'immagine accurata delle prestazioni complessive del sito con una pagina per pagina. Questo non solo aumenterà la vostra fiducia nei confronti del cliente, ma vi consentirà di creare un piano di azione d'azione che metterete in atto per generare risultati.

Privilegiare le pagine di destinazione

Dopo aver completato la scheda di analisi iniziale del sito, dovrete identificare quali sono le pagine di destinazione, dare loro una priorità e poi capire quali sono le più importanti da cui partire. Tutti i dati accumulati durante il processo di ricerca accumulati durante il processo di ricerca vi aiuteranno in questo.

In questa sezione, discuteremo di come stabilire le priorità delle pagine pagine.

Pagine di alto rango \> Pagine di basso rango

Uno dei modi più semplici per determinare quale sia la pagina di destinazione è la dalla sua posizione nelle SERP. Anche in questo caso, si tratta di dati che possono essere facilmente ottenuti utilizzando il nostro strumento Rank Tracker. Vi mostrerà come ogni pagina del vostro sito nel tempo, quanto traffico sta ricevendo, e la sua posizione nei risultati di ricerca di Google per uno specifico posizione nei risultati di ricerca di Google per una specifica parola chiave.

Così, ad esempio, invece di cercare di posizionare quella pagina più piccola che è molto pagina 15 di Google, è meglio cercare di posizionare la pagina che si trova a pagina che si trova a pagina 6 o 7. Sarà molto più facile far salire questa pagina più in alto, con conseguente aumento esponenziale del traffico sul sito.

Generazione di lead \> Blog

In generale, le pagine principali per la generazione di lead e i contenuti pilastro sono le pagine di destinazione. I blog hanno generalmente una priorità più bassa e aiutano con le parole chiave di nicchia o con il linking interno, ma non convertono con la stessa frequenza delle spesso come le pagine di lead generation.

Priorità della pagina iniziale

È importante che anche la vostra home page sia considerata una pagina di destinazione. Questa pagina sarà in cima al vostro elenco di silo e riceverà automaticamente la priorità dal priorità automatica da parte dell'algoritmo di [algoritmo di Google] (https://www.google.com/search/howsearchworks/responses/).

Detto questo, ecco alcune buone pratiche che potete mettere in atto per garantire che la home page del vostro sito sia pulita, ben strutturata, che converta più visitatori e che si posizioni più in alto:

  • Comunicare un valore chiaro: Assicuratevi che la vostra proposta di valore sia chiara e all'inizio della pagina. Cosa offrite, cosa lo rende cosa lo rende eccellente e perché i visitatori dovrebbero fidarsi del vostro sito più di qualsiasi altro sito su Internet? altro sito su Internet?

  • Le pagine iniziali devono essere facili da leggere. Utilizzate testi grandi, punti elenco e limitare la quantità di casualità. Ricordate che i vostri articoli di base e quelli per la lead generation conterranno tutti gli approfondimenti che i visitatori desiderano. La vostra home pagina iniziale deve essere semplice e potente.

  • Usare un buon schema di design: Tutto, dalla combinazione di colori ai contenuti multimediali della home page, deve essere accattivante. contenuto multimediale della vostra home page deve essere accattivante. [I colori hanno un grande impatto sul modo in cui il nostro cervello percepisce le informazioni] (https://websitesetup.org/website-color-schemes/), quindi più psicologia subliminale riuscite a implementare nella vostra home page, meglio è. pagina iniziale, meglio è.

  • Se possibile, cercate di offrire qualche tipo di prodotto "gratuito" sulla vostra home page. prodotto "gratuito" sulla vostra home page. Se si tratta di un sito di e-comm, provare a offrire un'offerta BOGO o un coupon per il primo acquisto. Se si tratta di un servizio servizio locale, provate a offrire consulenze gratuite. Se si tratta di un sito di lead-gen, offrire un e-book, una guida o un periodo di prova gratuiti.

  • Testimonianze: Alcune testimonianze brevi e ben posizionate sulla vostra home page pagina iniziale faranno moltissimo per creare fiducia e convertire più visitatori.

  • Limitare lo scorrimento:** La maggior parte delle home page sarà lunga circa 2-3 pagine, ma assicuratevi di non andare oltre. Se un visitatore deve spendere più di 60 secondi per leggere dall'inizio alla fine della vostra pagina iniziale, apparentemente "semplice", si annoierà o si sentirà frustrato e abbandonerà la pagina.

Cosa c'è dopo?

Ora che avete individuato e dato priorità alle pagine principali del vostro sito, è il momento di concentrarvi sulla SEO del vostro sito, è il momento di concentrarsi sulla SEO on-page per ciascuna di esse. A questo scopo, dovrete lavorare su aspetti della pagina di destinazione, quali:

Costruire pagine di destinazione ad alte prestazioni con gli strumenti di Ranktracker

Se siete pronti per iniziare a identificare e costruire pagine target ad alta conversione di pagine target ad alta conversione, il kit di strumenti di Ranktracker è indispensabile. Come abbiamo sottolineato come abbiamo sottolineato sopra, il nostro strumento di punta, Rank Tracker, è in grado di aiutarvi a identificare e di tracciare le prestazioni in tempo reale di ogni singola pagina del vostro sito.

Inoltre, è possibile utilizzare gli altri strumenti per assistere gli sforzi di SEO on-page per aiutarvi a costruire pagine di destinazione davvero grandi.

È possibile utilizzare lo strumento Web Audit per tenere traccia delle prestazioni complessive del sito e vedere l'impatto totale della SEO on-page del vostro sito e vedere l'impatto totale che la vostra SEO on-page sta avendo (così come le aree chiave che devono essere migliorate). e le aree chiave che necessitano di miglioramenti).

È possibile utilizzare Keyword Finder e SERP Checker per identificare le migliori chiavi primarie, secondarie e di nicchia. parole chiave primarie, secondarie e di nicchia da usare per le pagine e i post del blog. e i post del blog.

Abbiamo anche uno strumento speciale Backlink Checker in fase di sviluppo che che renderà più facile costruire backlink di alta qualità per il vostro sito e di alta qualità per il vostro sito e di tenerne traccia nel tempo!

Noi di Ranktracker siamo attenti ai dettagli. I nostri strumenti sono progettati per webmaster e specialisti SEO le informazioni più dettagliate, accurate e aggiornate sulle loro pagine e siti web. informazioni più dettagliate, accurate e aggiornate sulle loro pagine web e sui loro siti. Queste informazioni saranno il catalizzatore che vi permetterà di creare siti veramente eccellenti che convertono i clienti e si posizionano in alto nei risultati delle SERP.

Siete pronti a posizionarvi?

Fonti:

  1. https://searchengineland.com/everything-not-blog-post-start-using-silos-242508

  2. https://www.google.com/search/howsearchworks/responses/

  3. https://websitesetup.org/website-color-schemes/

  4. https://support.google.com/analytics/answer/1009409?hl=en

  5. https://developers.google.com/search/docs/advanced/appearance/good-titles-snippets#:~:text=A%20meta%20descrizione%20tag%20generalmente,cosa%20stanno%20cercando%20.

  6. https://search.google.com/test/rich-results

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker