• Imparare il SEO

I 20 fattori più trascurati che influenzano il ranking del vostro sito web

  • David Morneau
  • 1 min read
I 20 fattori più trascurati che influenzano il ranking del vostro sito web

Introduzione

Probabilmente avrete sentito dire che ci sono molti fattori che determinano il posizionamento del vostro sito web. Può essere difficile sapere da dove cominciare e ancora di più tenere traccia di tutte le modifiche apportate da Google ai suoi algoritmi di ranking.

Posizionarsi bene su Google è più importante che mai, ma è anche più complesso che mai. Per ottenere un buon posizionamento, è necessario tenere conto di tutte le ultime modifiche e aggiornamenti dell'algoritmo di Google.

Ma c'è di più.

Abbiamo stilato un elenco delle 20 cose più trascurate che influenzano il posizionamento del vostro sito web. Prendendoli in considerazione, migliorerete la vostra visibilità e il vostro traffico in pochissimo tempo.

Gli elementi che influenzano il posizionamento del vostro sito web

1. Link di bassa qualità

I link di bassa qualità sono l'equivalente digitale di una telefonata a freddo. Che si tratti di un articolo che promette di condividere "I 10 segreti per dimagrire!" o di una serie di annunci pubblicitari mascherati da scienza legittima, i link di bassa qualità sono progettati per adescare gli spettatori e poi bombardarli con informazioni irrilevanti o del tutto false.

E proprio come quei fastidiosi operatori di telemarketing, una volta che si è stati ingannati, può essere difficile scrollarseli di dosso.

Se un sito web sembra più interessato a vendere qualcosa alle persone che a fornire informazioni accurate, Google lo escluderà.

Low-Quality Links (Fonte: Google)

Per questo motivo è necessario individuare i link di bassa qualità dal proprio sito web.

Innanzitutto, Google potrebbe inviarvi un messaggio diretto che segnala la presenza di link in uscita innaturali. Ma se non lo fa, ci sono alcuni elementi chiave da tenere in considerazione:

  • Controllate il testo di ancoraggio. Se è infarcito di parole chiave o ha un aspetto spammoso, è probabile che si tratti di un link di bassa qualità.
  • Date un'occhiata al PageRank del sito web di collegamento. Se è basso, è un'altra bandiera rossa.
  • Esaminate il contenuto effettivo della pagina di collegamento. Se è scarno o di scarsa qualità, probabilmente non è una pagina a cui volete essere associati.
  • Utilizzate un crawler di siti web per identificare i link che non funzionano più o che presentano errori.

Dopo di che:

  • Rimuovete i link di bassa qualità e possibilmente sostituiteli con altri migliori. Ad esempio, se avete un sito web dedicato al fitness, citate studi di riviste mediche o fonti affidabili come Healthline e WebMD. Non collegatevi a un sito web di vendita di integratori poco affidabili.
  • Chiedete a Google di rivedere le vostre modifiche e di ripristinare le classifiche del vostro sito web.
  • Concentratevi su una strategia di link-building ben studiata.

2. Reindirizzamenti errati

Ci sono alcune cose nella vita che sono universalmente riconosciute come cattive. L'omicidio è un male. La guerra è un male. E i reindirizzamenti su un sito web sono decisamente negativi.

Per chi non lo sapesse, i reindirizzamenti avvengono quando si fa clic su un link e, invece di andare alla pagina che ci si aspettava, si viene reindirizzati a una pagina completamente diversa. È come andare a casa di un amico e finire in Ohio perché si è sbagliato strada.

I reindirizzamenti errati sono la rovina dell'esistenza di qualsiasi proprietario di un sito web.

Un momento prima si naviga felicemente e un momento dopo ci si ritrova con una pagina vuota o una notifica che indica che la pagina web non è raggiungibile. Ma non disperate: ci sono alcune cose che potete fare per risolvere i reindirizzamenti errati e ripristinare il vostro sito:

  • Verificare che non vi siano problemi di impostazioni DNS. Se si utilizza un servizio DNS di terze parti, provare a passare a un altro servizio o impostare temporaneamente il DNS su 8.8.8.8 (il DNS pubblico di Google).
  • Provate a cancellare la cache e i cookie del browser. A volte i reindirizzamenti errati possono essere causati da informazioni obsolete nella cache.
  • Risolvere i problemi con il file .htaccess. Questo file controlla il modo in cui i visitatori vengono reindirizzati alle diverse pagine del vostro sito web e si trova nella directory principale del vostro sito. Per risolvere il problema, aprite il file .htaccess e rimuovete i reindirizzamenti che causano problemi. Una volta salvato il file, i reindirizzamenti errati dovrebbero essere risolti.
  • Identificare tutti i reindirizzamenti errati utilizzando Google Analytics e il software giusto. Creare reindirizzamenti alternativi verso le pagine corrette (è necessario che queste ultime siano state create per prime).

3. Contenuti duplicati

È innegabile che i contenuti originali siano fondamentali per il posizionamento del vostro sito web. I contenuti duplicati, invece, possono compromettere le possibilità di un buon posizionamento.

Google e gli altri motori di ricerca sono costantemente alla ricerca di contenuti duplicati e, se li trovano, penalizzano il vostro sito web. Questo perché vogliono fornire agli utenti la migliore esperienza possibile e sanno che non vogliono vedere sempre le stesse cose.

Se sul vostro sito web sono presenti contenuti duplicati, potreste ritrovarvi in fondo ai risultati di ricerca e persino essere completamente rimossi dal motore di ricerca.

Duplicate Content (Fonte: Moz)

Se volete davvero che il vostro sito web venga classificato:

  • La soluzione migliore è assicurarsi che ogni contenuto del sito sia unico.
  • Se avete più pagine che vendono lo stesso prodotto, scrivete descrizioni originali per ogni pagina.
  • Utilizzate uno strumento di verifica per identificare i contenuti duplicati più vecchi.
  • Utilizzate un tag 301 per garantire che le persone e i motori di ricerca non possano accedere alle pagine più vecchie.
  • Se si diffondono i post del blog, aggiungere un tag "rel=canonical" alla versione diffusa.

4. Modifiche ai tag del titolo

Se siete un webmaster, probabilmente conoscete bene le costanti fluttuazioni delle classifiche del vostro sito web. Un giorno siete in cima al mondo, e il giorno dopo siete sepolti a pagina 10.

Uno dei principali colpevoli è il tag title. Il tag title è l'elemento HTML che specifica il titolo di una pagina web.

Changes in Title Tags

La modifica del tag title comporta la modifica delle parole chiave, con conseguente crollo delle visualizzazioni e delle classifiche.

Ecco alcune possibili soluzioni:

  • Utilizzate un crawler di siti web per identificare le ricerche organiche per ciascun tag title vecchio e nuovo. Confrontate questi numeri.
  • Modificate i nuovi tag che non portano traffico organico, includendo la vecchia parola chiave o cambiandoli del tutto.

Attenzione: Non fate queste modifiche troppo spesso perché le vostre classifiche crolleranno. Provate con un solo tag e valutate i risultati prima di procedere oltre.

5. Tag No-Index dimenticati

Quando si parla di ottimizzazione per i motori di ricerca, ci sono molte parti in movimento. Dalla scelta delle parole chiave giuste all'ottimizzazione del sito web per i dispositivi mobili, c'è molto da tenere sotto controllo.

Tuttavia, un elemento spesso trascurato è il tag no-index.

Noto anche come tag "noindex", questo elemento HTML indica ai motori di ricerca di non indicizzare una determinata pagina. Anche se non sembra un grosso problema, può avere un impatto significativo sul posizionamento del vostro sito web.

Se avete pagine con contenuti significativi etichettate con noindex, non saranno incluse nei risultati di ricerca. Di conseguenza, i potenziali visitatori non vedranno mai quelle pagine e voi perderete traffico. Inoltre, i motori di ricerca potrebbero considerare il vostro sito web meno rilevante se avete molti tag noindex.

Quindi, se volete migliorare il posizionamento del vostro sito web, controllate che non ci siano tag noindex dimenticati e rimuoveteli al più presto.

6. Utilizzo di iFrame

L'iFrame è un elemento HTML che consente di incorporare un altro sito web nel proprio. Sebbene questo possa essere utile in alcuni casi, può avere un impatto negativo sul posizionamento del vostro sito web. Il motivo è che i motori di ricerca non possono vedere il contenuto dell'iFrame e quindi non possono indicizzarlo correttamente.

Pertanto, il vostro sito web potrebbe essere sepolto sotto una montagna di altri risultati.

Le cose possono peggiorare:

Se il sito web incorporato contiene codice dannoso, potrebbe infettare il vostro sito web e causare gravi danni. Per questi motivi, è generalmente consigliabile evitare l'uso di iFrames, a meno che non sia assolutamente necessario.

7. Errori di codifica

Anche il più piccolo errore può influire notevolmente sul posizionamento nei motori di ricerca. Una sola riga di codice fuori posto può far sì che il vostro sito venga segnalato come inficiato da errori, con conseguente abbassamento delle classifiche e diminuzione dei visitatori.

E più errori ci sono sul vostro sito, maggiore è la possibilità che le vostre pagine vengano seppellite nei risultati di ricerca.

Per fortuna, esistono alcuni modi semplici per evitare gli errori di codifica:

  • Eseguite il vostro codice attraverso un controllore di sintassi prima di pubblicarlo. Questa operazione consente di individuare eventuali errori e di garantire che il codice sia pulito e privo di errori.
  • Approfittate di risorse come i forum online e le comunità di sviluppatori online. Queste possono essere preziose per la risoluzione dei problemi di codifica.
  • Testate sempre il codice su più browser prima di renderlo operativo. Questa tattica garantisce che il codice venga visualizzato correttamente su tutti i dispositivi e gli schermi.

8. Errori 4xx e 5xx

Gli errori 4xx e 5xx sono codici di errore lato server che indicano un problema nel sito web.

  • Gli errori 4xx si verificano solitamente quando una pagina è stata spostata o cancellata.
  • Gli errori 5xx indicano in genere un problema con il server.

Questi errori possono danneggiare il posizionamento del vostro sito web, spesso causando link interrotti e pagine che non si caricano. Di conseguenza, il vostro sito potrebbe essere penalizzato dai motori di ricerca e potreste registrare un calo significativo del traffico.

4xx and 5xx Errors

Se si sospetta che il proprio sito web presenti errori 4xx o 5xx:

  • Il primo passo è controllare i log del server e identificare i codici di errore specifici generati.
  • Una volta individuato il problema, è possibile adottare le misure necessarie per risolverlo e ripristinare il funzionamento del sito web.

9. Velocità della pagina lenta

La lentezza della pagina è un problema significativo per molti siti web. Non solo i visitatori preferiscono pagine a caricamento rapido, ma anche i motori di ricerca tengono conto della velocità delle pagine nel determinare le classifiche.

La lentezza della pagina ha un impatto diretto sul numero di visitatori e purtroppo i siti web non hanno una funzione di call back come i call center.

In generale, più veloce è il caricamento delle pagine, meglio è.

I fattori che possono contribuire a rallentare la velocità delle pagine includono:

  • Immagini grandi
  • Codice pesante
  • Configurazione pessima del server

Se volete identificare e risolvere il problema delle pagine che si caricano lentamente, molti strumenti possono aiutarvi (tra cui PageSpeed Insights di Google e Pingdom Website Speed Test). Una volta individuate le pagine che si caricano lentamente, è possibile adottare misure per migliorarne la velocità. Le strategie possono comprendere:

  • Ottimizzazione delle immagini
  • Riduzione del codice
  • Migliorare la configurazione del server

10. Mancanza di compatibilità con i dispositivi mobili

Se il vostro sito non è ottimizzato per la telefonia mobile, potreste registrare un calo significativo del traffico, in quanto gli utenti vengono reindirizzati verso altri siti più facili da usare. Inoltre, i motori di ricerca utilizzano la facilità d'uso dei dispositivi mobili come fattore di ranking.

Lack of Mobile-Friendliness (Fonte: autopilotyourbusiness.com)

Per fortuna, esistono diversi modi semplici per rendere il vostro sito più mobile-friendly:

  • Utilizzate un design reattivo, che assicura che il vostro sito si adatti automaticamente alle dimensioni dello schermo su cui viene visualizzato.
  • Utilizzate un design specifico per i dispositivi mobili, creato appositamente per gli schermi più piccoli.
  • Utilizzate un plugin o un'applicazione per dispositivi mobili per fornire una versione mobile-friendly del vostro sito.

11. Contenuto obsoleto

Le tendenze cambiano. Le persone cambiano.

Anche la ricerca scientifica cambia.

Non sorprende quindi che, con il tempo, i contenuti del vostro sito web diventino obsoleti e irrilevanti. Ciò significa che i motori di ricerca riterranno il vostro sito web meno rilevante e di valore.

È in questo momento che si può notare un calo significativo del traffico.

Per evitare ciò, aggiornate regolarmente i vostri contenuti e manteneteli pertinenti. A tal fine, è possibile

  • Concentrarsi sui contenuti evergreen
  • Aggiunta di nuovi post sul blog
  • Aggiornare gli articoli esistenti
  • Rimozione dei contenuti obsoleti

12. Troppi link esterni e pochi interni

Se il vostro sito web ha un numero eccessivo di link esterni, può essere considerato uno spam. E se questi link puntano a fonti di bassa qualità, il vostro posizionamento potrebbe risentirne ancora di più.

Inoltre, se i link interni sono troppo pochi, può essere difficile per i visitatori navigare nel sito e trovare i contenuti che cercano. Di conseguenza, potrebbero abbandonare il sito senza compiere alcuna azione.

Per evitare questo inconveniente, dovete assicurarvi che il vostro sito web abbia un sano equilibrio di link esterni e interni. A tal fine è possibile

  • Aggiungete regolarmente contenuti nuovi e pertinenti al vostro sito e collegatevi ad essi da altre pagine del vostro sito.
  • Citare le fonti pertinenti.
  • Eliminare i link inutili, sia esterni che interni.
  • Assicuratevi che i link aggiunti non distraggano troppo gli spettatori. Volete un supporto di qualità per i vostri punti, ma volete anche che le persone rimangano sul vostro sito web.

13. Mancanza di integrazione dei social media

I social media svolgono un ruolo significativo nel posizionamento dei siti web. I motori di ricerca utilizzano i segnali sociali, come il numero di "mi piace", le condivisioni e i commenti, per determinare la qualità e il posizionamento di un sito web.

Inoltre, i social media possono essere un ottimo modo per portare traffico al vostro sito web.

Per assicurarsi che il vostro sito web sia correttamente integrato con i social media:

  • Considerate l'influencer marketing. Questi creatori di contenuti sanno come creare contenuti accattivanti che aiutano a vendere i vostri prodotti. Inoltre, vi offriranno molti spunti rilevanti e strategie pratiche per attirare più traffico organico. Ecco perché molte aziende di tutte le dimensioni destinano sempre più spesso una parte consistente del loro budget all'influencer marketing.
  • Aggiungete i pulsanti dei social media al vostro sito e condividete i vostri contenuti sui social media. In questo modo, aumenterete il coinvolgimento, la memorabilità e la creazione di una comunità. A loro volta, questi fattori aumentano le visite al vostro sito web e, di conseguenza, il posizionamento.

Lack of Social Media Integration

14. Parole chiave povere

Esistono molti tipi di parole chiave scadenti:

  • Parole chiave sbagliate. Se utilizzate le parole chiave sbagliate, potreste scoprire che il vostro sito web non si posiziona così in alto come potrebbe. Questo perché i motori di ricerca utilizzano le parole chiave per determinare la pertinenza e la qualità di un sito web.
  • Parole chiave non pertinenti. Se utilizzate parole chiave non pertinenti al vostro sito, potreste scoprire che il vostro posizionamento ne risente.
  • Parole chiave non specifiche. Se utilizzate parole chiave troppo generiche, potreste perdere il vostro sito web nei risultati di ricerca.
  • Parole chiave cannibali. La cannibalizzazione delle parole chiave consiste nell'utilizzare ripetutamente le stesse parole chiave su pagine diverse, confondendo così gli algoritmi di ranking e annoiando i lettori.

Scegliere le parole chiave giuste per il proprio sito web:

  • Effettuare una ricerca sulle parole chiave.
  • Selezionate parole chiave pertinenti al vostro sito web e con elevati volumi di ricerca.
  • Assicuratevi di non cercare di ottimizzare pagine web diverse per le stesse parole chiave.

15. Troppe poche immagini, video e infografiche

Se il vostro sito web è privo di contenuti visivi, potreste scoprire che il vostro posizionamento ne risente:

  • I motori di ricerca considerano i siti web con rich media più rilevanti e di valore.
  • I contenuti visivi sono più coinvolgenti e possono trattenere i visitatori sul vostro sito più a lungo. Di conseguenza, è più probabile che compiano azioni, come l'iscrizione alla vostra lista e-mail o un acquisto.
  • I contenuti visivi possono spiegare cose che le persone non capiscono. Ad esempio, un'infografica può rendere più comprensibile una lunga analisi teorica. In alternativa, le foto dei prodotti possono illustrare il funzionamento di determinati articoli nel contesto di un post di recensione.

La soluzione è semplice:

Assicuratevi che il vostro sito abbia un buon mix di contenuti testuali e visivi, aggiungendo regolarmente nuovi post sul blog, immagini, video e infografiche.

Suggerimento: ottimizzate le immagini e i video per la SEO utilizzando parole chiave, trascrizioni e CTA forti.

16. Troppo pochi post di ospiti

Il guest posting è un ottimo modo per ottenere backlink di alta qualità per il vostro sito web. Inoltre, può contribuire ad aumentare la visibilità e il traffico del vostro sito web.

Tuttavia, se non fate guest posting regolarmente, potreste scoprire che il vostro ranking ne risente.

Questo perché i motori di ricerca considerano i siti web con molti backlink più rilevanti e di valore. Di conseguenza, è più probabile che li classifichino più in alto nei risultati di ricerca.

La soluzione più ovvia è il guest posting regolare. Potete farlo cercando opportunità di guest posting e inviando articoli di alta qualità a blog e siti web popolari.

17. Mancata ottimizzazione per la ricerca locale

Se non state ottimizzando per la ricerca locale, potreste perdere una preziosa fonte di traffico. Il motivo è che sempre più persone utilizzano la ricerca locale per trovare aziende e servizi nella loro zona.

Ecco come ottimizzare il vostro sito web per la ricerca locale:

  • Assicuratevi che il vostro sito web sia inserito negli elenchi locali e che le informazioni di contatto siano accurate.
  • Utilizzate parole chiave locali sul vostro sito web, con il nome della vostra zona e le attrazioni locali nelle vicinanze. In questo modo, quando le persone cercano cose da fare nella loro zona, possono trovare anche la vostra attività. Non dimenticate di utilizzare anche i backlink locali.
  • Impiegate influencer locali. Ad esempio, se vi trovate a New York, avrete più possibilità di attirare i residenti nella vostra caffetteria assumendo un influencer locale, utilizzando un'agenzia di influencer con sede a New York. In confronto, un creatore di contenuti con sede in Ohio può far conoscere il vostro marchio ai visitatori di New York, ma non tanto ai locali.

18. Non includere le definizioni di "che cos'è X".

Spesso le persone cercano la definizione di un termine per saperne di più. Di conseguenza, se non includete le definizioni nel vostro sito, potreste perdere traffico prezioso.

Per evitare questo problema:

  • Iniziate ogni post spiegando i concetti scientifici con un linguaggio semplice e di facile comprensione.
  • Create un glossario dei termini all'inizio dei vostri articoli, soprattutto se vi rivolgete a un pubblico non esperto o se avete un articolo altamente tecnico.

19. Mancata ottimizzazione per la ricerca vocale

Sempre più persone utilizzano la ricerca vocale per trovare aziende e servizi. Di conseguenza, per le aziende diventa fondamentale ottimizzare i propri siti web per la ricerca vocale.

Per fortuna, la soluzione è semplice:

  • Utilizzate le parole chiave che compaiono nelle query di ricerca vocale del vostro pubblico.
  • Assicuratevi che queste parole chiave siano pertinenti al vostro settore e molto specifiche.

20. Non utilizzare i Featured Snippet

I Featured snippet sono brevi riassunti dei vostri contenuti che appaiono in cima ai risultati di ricerca. Questi riepiloghi possono fare o distruggere le vostre classifiche, perché sono come la prima impressione.

E volete fare una buona prima impressione sul vostro pubblico.

Altrimenti, cliccheranno su quel link sotto di voi, con uno snippet convincente che li convince ad aprire l'articolo in due secondi.

Not Using Featured Snippets

Per assicurarsi che il proprio sito web appaia nei featured snippet, è necessario:

  • Assicuratevi che il vostro contenuto sia ben scritto e pertinente alla query di ricerca.
  • Utilizzare dati strutturati.
  • Aggiungete una sezione Q&A per attirare maggiore interesse.

Conclusione

Come si può notare, sono molti gli elementi che possono influire sul posizionamento del vostro sito web. Potete fare in modo che il vostro sito si posizioni il più in alto possibile dedicando il tempo necessario a risolvere questi problemi.

Se alcuni di questi fattori sono sotto il vostro controllo, altri possono essere fuori dalla vostra portata.

Per questo motivo è necessario avere i partner giusti, dagli amministratori web agli strumenti di audit, ai crawler di siti web e alle agenzie SEO.

Provate GRATUITAMENTE Ranktracker